Voto amministrativo in Colombia, un vento nuovo contro corruzione e Uribe

Voto amministrativo in Colombia, un vento nuovo contro corruzione e Uribe

C’è voglia di novità in Colombia. Non si tratta, è vero, di una grande svolta a sinistra, né tantomeno dell’inizio di una transizione post-capitalista. Ma, di certo, quel che hanno rivelato le elezioni amministrative di domenica è che il popolo colombiano inizia a essere davvero stanco di corruzione e di violenza, di poteri mafiosi, di quel modello narco-paramilitare rappresentato ancora dalla potente – ma forse non più tanto – leadership dell’ex presidente Álvaro Uribe, di cui l’attuale presidente Iván Duque è considerato, come noto, una (incompetente) marionetta.

La voglia di nuovo si è espressa in maniera eclatante nella capitale, dove, per la prima volta nella storia del paese, ha vinto una donna, la 49enne Claudia López, dichiaratamente lesbica, che, con il 35,2% dei consensi, ha avuto la meglio sul liberale Carlos Fernando Galan, fermo al 32,5%. «Ha vinto il cambiamento, la decisione di spazzare via la corruzione e il clientelismo della politica tradizionale», ha dichiarato la nuova sindaca, candidata di Alianza Verde, una formazione di centro tendente a sinistra, e dura oppositrice di Uribe (ma anche assai critica del «dittatore» Maduro).

La sua campagna è stata dominata dai temi della sicurezza, del sostegno all’educazione, alla salute e alle pari opportunità, di una migliore mobilità cittadina, con l’impegno a portare avanti il controverso progetto della metropolitana sopraelevata (causa principale della mancata alleanza con la Colombia Humana di Gustavo Petro, il cui progetto prevedeva invece una metro sotterranea). Ma anche da un dettagliato programma di lotta alla corruzione e da un serio impegno sul fronte ambientale, sotto lo slogan “Rinverdire Bogotà per vivere e respirare” e la promessa di piantare «alberi e ancora alberi». Ma non è stata certo questa l’unica novità della giornata elettorale.

Grande sorpresa ha suscitato la vittoria a Turbaco, uno dei municipi più importanti del dipartimento di Bolívar, del “cantautore delle Farc” Guillermo Enrique Torres, noto come Julián Conrado, primo ex guerrigliero ad essere eletto dal voto popolare. Sostenuto da una coalizione composta, oltre che dal partito Farc, anche da Colombia Humana e Unión Patriótica, il nuovo sindaco di Turbaco era diventato famoso durante il tentativo di negoziato tra governo e guerriglia del 1999, quando, con la sua chitarra, aveva assistito all’inaugurazione dei colloqui tra le Farc e l’allora presidente Andrés Pastrana.

E come «una conquista del processo di pace» ha definito la sua vittoria l’ex guerriglia. Ma se questa è stata la nota più di sinistra delle amministrative, buoni segnali, in termini di consolidamento della democrazia, sono venuti anche dall’affermazione di diversi candidati indipendenti dai partiti tradizionali, come William Dau a Cartagena, Jairo Yáñez a Cúcuta e soprattutto del giovane Daniel Quintero a Medellín: quasi una new entry in politica, ma in grado di rifilare una cocente sconfitta al candidato del Centro Democrático, il partito di governo, Alfredo Ramos, apertamente sostenuto proprio da Uribe. È stato quest’ultimo, del resto, dopo aver perso anche il governo di Antioquia, a risultare il grande sconfitto delle elezioni. Come lui stesso ha ammesso: «Abbiamo perso, riconosco la sconfitta con umiltà. La lotta per la democrazia non ha fine».

* Fonte: Claudia Fanti, il manifesto



Related Articles

Gingrich sfida Romney il «liberal»

Parlando venerdì nella pancia della portaerei Uss Yorktown ancorata a Mt. Pleasant, di fronte a Charleston, Newt Gingrich ostentava sicurezza. Dopo la preghiera recitata a mani conserte e testa bassa da un politico locale, conclusa da un amen collettivo, l’ex speaker della Camera ha affondato il colpo contro il presidente Obama e contro il «liberal del Massachusetts che non potrà  batterlo alle elezioni di novembre», Mitt Romney.

“Gole profonde nei governi alleati WikiLeaks svelerà  le nostre fonti”

Timori di Washington per i “confidenti” nell’esecutivo italiano.  Italia e Usa hanno spesso seguito linee diverse in scenari come Iran e Afghanistan. Nelle carte notizie su azioni di leader alleati in contrasto con le politiche dichiarate. I testi coprono il periodo 2006-2009: potrebbero esserci rivelazioni anche sull’esecutivo Prodi

Sbarchi. L’Italia senza un piano da presentare all’Europa

La proposta di chiudere i porti è un’idea sbagliata, concentrata su una fase circoscritta dei flussi – le partenze dalla Libia e il salvataggio – senza affrontare l’intera questione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment