Ex Ilva, chiuderla può costare un quinto della spesa dello Stato per la Cassa Integrazione

Ex Ilva, chiuderla può costare un quinto della spesa dello Stato per la Cassa Integrazione

Il ricorso alla cassa integrazione per l’80% dei dipendenti ex Ilva potrebbe costare allo Stato 207 milioni di euro in ammortizzatori sociali nel 2020, un quinto della spesa totale. Lo sostiene una ricerca dei consulenti del lavoro presentata ieri a Roma in occasione del «Festival del lavoro – Anteprima 2020». Nel 2018, a fronte di 1,257 miliardi di euro incassati destinati al fondo per la cigs, sono stati spesi in sostegni al reddito poco più di un miliardo di euro (1,008 milioni di euro, di cui 445 per contributi figurativi). L’incremento di spesa stimato per il 2020 (dove l’ex-Ilva peserebbe fra il 20 e il 25% sulla spesa totale) comprometterebbe l’equilibrio finanziario del fondo destinato alla copertura dei beneficiari della cassa integrazione straordinaria. «È plausibile – sostengono – che qualsiasi soluzione individuata porterà a un nuovo ricorso alla cigs per un numero consistente di lavoratori nel 2020». «Dunque, nello scenario peggiore, si prevede che, dei 9.300 dipendenti ad oggi attivi nell’impianto della newco, l’80% venga posto in cassa integrazione straordinaria nel 2020, per passare al 60% nel 2021, al 40% nel 2022 e tornare alla normalità nel 2024. Inoltre, nel 2020, ai 25 milioni già stanziati per i 1.400 lavoratori dell’Am Investco, andranno aggiunti 132,7 milioni per un totale di spesa di 157,7 milioni per la sola newco.

* Fonte: il manifesto



Related Articles

Gli Agnelli ricominciano a licenziare: chiuse le fabbriche a Pregnana e San Mauro

Dopo Marchionne. Nel piano Cnh Industrial la fabbrica milanese perde le produzioni, quella torinese sarà trasformata in magazzino: 300 licenziamenti

Condannati al silenzio

Niente di edificante c’è in questa cupa tragedia. Niente che possa permetterci di dire «eppure…». Eppure si ribellano, per esempio, come poté dirsi degli schiavi di Rosarno a gennaio del 2010. Eppure hanno il coraggio d’incrociare le braccia e sfidare il caporalato, come dicemmo dei duemila braccianti immigrati che alcuni mesi dopo occuparono sedici «rotonde» tra Caserta e Napoli.

Marchionne detta i tempi “Andrò via nel 2015 dopo la fusione Fiat-Chrysler”

“Il peggio è passato, ora avanti con i piani”   L’ad del Lingotto: prima di allora non succederà  nulla a meno che non sia colpito da un bus

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment