Il 49% degli omicidi è femminicidio, oggi le donne in piazza

Il 49% degli omicidi è femminicidio, oggi le donne in piazza

L’analisi e lo studio della violenza sulle donne mostra ora con dati certi, provenienti dalla Polizia di Stato, che il fenomeno è in diminuzione nel biennio 2018-2019. Aumentano le denunce, soprattutto al nord, ma calano del 16,7% le violenze sessuali (nel 2017 erano in aumento del +14%), del 2,9% i maltrattamenti in famiglia, del 12,2% gli atti persecutori. Dunque, parlare di «emergenza» è abbastanza improprio, per una questione che è piuttosto il sintomo di una società poco evoluta, gretta e violenta, senza distinzione di sesso. Un fenomeno per arginare il quale non occorrono barricate o muri, ma cure.

Per quanto riguarda le uccisioni, i dati diffusi dalla Direzione Centrale Anticrimine nel dossier «Questo non è amore 2019», in occasione della Giornata internazionale contro la violenza di genere che si celebra lunedì (ma oggi a Roma si sono date appuntamento le femministe di Non Una di Meno per un corteo che parte alle 14 da piazza della Repubblica), parlano di una diminuzione del 4% (dal 38% al 34%) del numero di vittime di sesso femminile sul totale degli omicidi nel periodo gennaio-agosto 2019, rispetto all’anno precedente.

Di questi, secondo la polizia, un po’ meno della metà (49% a fronte del 37% dello scorso anno) è riconducibile al cosiddetto «femminicidio», ossia l’omicidio di una donna in quanto tale da parte di un uomo che nutre per la vittima sentimenti di possesso. La maggior parte delle vittime (il 67%) è straniera, l’arma più usata è quella da taglio e nel 61% dei casi l’autore del «femminicidio» è il partner.

Secondo l’esperienza maturata da quando è stato applicato il Protocollo Zeus, sottoscritto nel 2018 dalla Divisione anticrimine della Questura di Milano con il Centro Italiano per la Promozione e la Mediazione (Cpm), gli uomini violenti ammoniti dal questore tendono a reiterare il reato molto meno: nel 2018 le recidive per i soggetti ammoniti per atti persecutori si attestano sul 20% mentre salgono al 30% per gli ammoniti per violenza domestica. E solo il 10% dei soggetti trattati dal Cpm ha commesso di nuovo un simile reato dopo l’ammonimento.

* Fonte: G. Mau.,  il manifesto



Related Articles

Pena di morte, Amnesty: “Cala il numero delle esecuzioni nel mondo”

 Roma – “Il numero complessivo delle esecuzioni ufficiali registrato da Amnesty International e’ calato da almeno 714 nel 2009 ad almeno 527 nel 2010. Si crede che la Cina abbia messo a morte migliaia di prigionieri nel 2010, ma questo paese continua a mantenere il segreto sull’uso della pena di morte. Lo scrive Amnesty International nel suo rapporto ‘Condanne a morte ed esecuzioni nel 2010′, diffuso oggi, e in cui poi si sottolinea: “I paesi che continuano a ricorrere alla pena di morte sono sempre piu’ isolati, dopo un decennio di progressi verso l’abolizione.

Cittadinanza e voto: ecco cosa vogliono gli immigrati in Europa

 

Indagine su 15 città  di 7 nazioni dell’Unione Europea: Italia, Belgio, Francia, Germania, Ungheria, Portogallo e Spagna. Tre su quattro desiderano acquisire la nuova cittadinanza e la maggioranza (in Italia circa l’80%) vorrebbe poter accedere alle urne

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment