In Iraq la rivoluzione arriva in tuk tuk, il taxi dei poveri

In Iraq la rivoluzione arriva in tuk tuk, il taxi dei poveri

Continua il presidio nella capitale, a Bassora bloccato il porto commerciale. E risuonano gli slogan contro Iran e Stati uniti

Un tuk tuk si libra in aria intorno al palazzo abbandonato del «Turkish Restaurant», in piazza Tahrir, la sua scia è la bandiera irachena che avvolge i manifestanti. È uno dei murales apparsi in questo mese di mobilitazione popolare nelle città irachene: il protagonista indiscusso è lui, il tuk tuk. Tre ruote diventate il simbolo della rivoluzione, l’eroe della piazza, già meritevole di canzoni e graffiti.

E dire che fino all’inizio di ottobre il tuk tuk era simbolo di ben altro: di povertà, di marginalizzazione. Lontanissimo dallo standard dei taxi «veri», quelli che la classe bassa non può mica permettersi. I suoi autisti sono altrettanto poveri, con il tuk tuk portano a casa magre giornate. Sono i mezzi dei quartieri più miseri, piccoli abbastanza da farsi largo nel traffico.

Ma ora sono eroi: sono quelli che in piazza Tahrir a Baghdad, a mo’ di ambulanza, si lanciano in mezzo ai proiettili e ai lacrimogeni (letali: venerdì una ragazza è stata uccisa, come decine di manifestanti prima di lei, da un candelotto della polizia, che mira alla testa come farebbe un cecchino) per portare in salvo i feriti.

علي رفيع@AliRafee86

شباب النفق بالتحرير يلعبون طاولي ومنتظرين قنابل المسيلة للدموع
هسة بالقرب من في
هنيال بغداد عليكم 💙 https://twitter.com/AliRafee86/status/1189860047632961537 

علي رفيع@AliRafee86
In risposta a @AliRafee86

youth of tunnel, waiting for tear gas and in the meantime they’re play “Backgammon” in al-#Tahrir tunnel now at #Baghdad.
31-10-2019 #iraq #insm_iq
Who are youth of tunnel? Read the full story in the tweets

Video incorporato

Li accompagnano nelle tende del presidio dove medici e infermieri volontari hanno messo su cliniche ambulanti. I social sono pieni di foto e video di tuk tuk con su la bandiera irachena, veloci come schegge dal ponte sul Tigri alla piazza, sempre più colorati dai messaggi di quella che è vissuta come una rivoluzione. O ripresi mentre riposano tra le tende del sit-in, tra ragazze che usano gli specchietti per truccarsi e altre che distribuiscono cibo ai manifestanti.

Samah Azeez@SamahAzeez89
Visualizza l'immagine su Twitter

È stato ferito anche lui, alla gamba, da un candelotto: «Non mi piaceva il modo in cui la gente ci guardava prima. Ma questa rivoluzione è contro tutto, anche contro il modo in cui eravamo guardati. Siamo tutti essere umani». «Sono i fiori di questa città – dice di loro Sama, studentessa di medicina e ora volontaria in piazza Tahrir – Sono veri eroi. Gli chiedo scusa».

Dopo la manifestazione di venerdì, 200mila persone solo nella capitale – cristiani e sciiti, ragazze con e senza velo, anziani e adulti che preparano pasti caldi – il presidio non smobilita. Neppure a sud dove tre giorni fa migliaia di manifestanti hanno bloccato l’ingresso al porto di Umm Qasr, a Bassora.

Sono ancora lì: hanno issato blocchi di cemento e dato fuoco a copertoni per non perdere posizione. Almeno 120 i feriti negli scontri con la polizia, secondo l’alta Commissione irachena per i diritti umani. Eppure resistono: da mercoledì dallo scalo commerciale non esce nulla, mentre si alzano slogan contro l’Iran e gli Stati uniti, ritenuti responsabili del sostegno a un governo che nega alla gran parte della sua popolazione un vita dignitosa.

Il 60% degli iracheni vive con meno di sei dollari al giorno, non ha accesso a servizi pubblici regolari né a posti di lavoro nel principale settore economico, quello energetico, occupato dalle compagnie petrolifere straniere.

***
Da Mosul Eye: «Nuova parola del vocabolario iracheno. Tuk tuk: coraggio, lavoro di squadra. Es: Lui/lei tuktukka per il bene comune. Lato negativo: tentativo di uno straniero di farsi un selfie con un tuk tuk o di scriverci un articolo». Come il nostro.

* Fonte: Chiara Cruciati, il manifesto



Related Articles

Siria, la guerra che dopo sette anni ancora non finisce

Nella roccaforte ribelle nel Nord il rischio di una nuova catastrofe umanitaria. Si complica la conferenza di Sochi

L’ultima versione saudita sull’uccisione di Khashoggi: «È stata una colluttazione»

Il presidente americano definisce «credibile» la versione di Riyadh secondo la quale il giornalista dissidente è morto nel consolato saudita a Istanbul durante una «colluttazione». NYT: è stato strangolato

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment