Cop25, ecocidio e guerre spaziali

Le conclusioni del Vertice sul clima di Madrid attestano di come l’ecocidio definitivo avanzi imperterrito e impermeabile alla voce dei movimenti e ai diritti dell’umanità

Sergio Segio * • 16/12/2019 • Ambiente, Territorio e Beni comuni, Contenuti in copertina • 293 Viste

Le conclusioni del Vertice sul clima di Madrid attestano di come l’ecocidio definitivo avanzi imperterrito e impermeabile alla pur potente e assai chiara voce dei movimenti, ai diritti di milioni di giovani e dell’intera umanità, al futuro prossimo del pianeta.

Intanto i responsabili della catastrofe si attrezzano e investono nella futura guerra nello spazio: ché la loro salvezza e via di fuga è già da tempo studiata e programmata.

«Per garantire lo sviluppo e rinforzare le nostre capacità spaziali, il prossimo settembre si creerà il comando dello spazio», aveva annunciato Macron lo scorso luglio, mentre la sua ministra della Difesa, Florence Parly, chiariva: «Così come nella terra, nell’aria, nel mare, nel cyberspazio, lo spazio extra atmosferico si è convertito nel teatro delle rivalità delle grandi potenze. E si sta convertendo in un campo di operazioni».

Lo stesso ha ufficializzato pochi giorni fa al summit NATO di Londra, il segretario generale dell’Alleanza, Jens Stoltenberg, assicurando che i 29 paesi membri «riconosceranno lo spazio quale nostro quinto campo operativo».

Del resto, già nel 2018 gli Stati Uniti avevano annunciato la pianificazione di un esercito spaziale entro il 2020: un progetto voluto da Donald Trump per non perdere la sfida con Russia e Cina.

Insomma, la secessione dei più ricchi si organizza e militarizza a livello planetario. Gli effetti devastanti dei cambiamenti climatici già in atto e di cui si prepara, con opere e omissioni, l’ulteriore escalation riguarderanno il 99% dell’umanità. Cui non rimane che agire con la determinazione e l’urgenza necessarie per cambiare il mondo.

Questo mondo. Perché i potenti della Terra, oltre che il futuro ci hanno rubato anche gli slogan e le suggestioni: «Un altro mondo è possibile», ma solo per loro.

Noi dobbiamo riprenderci il destino di questo, sottraendolo alle loro mani rapaci.

* Articolo pubblicato anche su Vita

 

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This