Germania. Spd, vince la coppia critica della coalizione con Merkel

Germania. Spd, vince la coppia critica della coalizione con Merkel

BERLINO. Vince clamorosamente la coppia di super-critici della Grande coalizione con Angela Merkel, e perde il duo fedelissimo all’alleanza con Cdu e Csu fino alla fine della legislatura.

Il risultato è che a Berlino da ieri alle 18 trema l’intero governo federale, dopo che alla «Willy Brandt Haus» la Spd ha diffuso l’esito definitivo del ballottaggio per l’elezione della nuova guida del partito. Con il 53% dei voti degli iscritti espressi per posta o via web la parlamentare della sinistra Spd, Saskia Esken, e l’ex ministro delle finanze del Nordreno-Vestfalia, Norbert Walter-Borjans, sono i nuovi co-segretari della Spd.

UN MEZZO MIRACOLO (partivano dal 21% del primo turno) sancito dal 54% dei tesserati che hanno votato dal 19 novembre fino a venerdì scorso, stabilendo – anche e soprattutto – la sonora bocciatura del vicecancelliere Olaf Scholz e della deputata del Brandeburgo Klara Geywitz incapaci di superare quota 45,3%. Per la prima volta dal 1890 i socialdemocratici eleggono una donna e un uomo alla guida della Partei sul modello già adottato dai Verdi e anche dalla Linke. Ora si attende solo la ratifica dei delegati del congresso previsto a Berlino dal 6 all’8 dicembre, che prevedeva l’annuncio della nuova «moderna politica socialdemocratica» e invece ora si ritrova all’ordine del giorno la scelta se uscire dal governo Merkel. Con la barra della Spd spostata decisamente a sinistra.

Si chiudono così sei mesi di commissariamento aperti dalle improvvise dimissioni di Andrea Nahles, e si spalanca una marea di problemi per la tenuta del quarto esecutivo di Mutti.

NESSUNA USCITA PRECIPITOSA da parte di Esken e Walter-Borjans, ma discussione subito sul «prezzo» della permanenza della Spd nella «GroKo» con i cristiano-democratici. L’idea dei due nuovi co-segretari è presentare una lista di condizioni all’Union da accettare in blocco, a partire dal salario minimo a 12 euro, finanziamenti per il clima e fondi per modernizzare le infrastrutture. Se Annegret Kramp-Karrenbauer (Akk) segretaria della Cdu, non accetterà di rinegoziare il contratto di coalizione, allora si aprirà la crisi di governo e quindi la scelta fra elezioni anticipate o governo di minoranza Cdu-Csu.

SARÀ PER QUESTO che si spolmonano «per l’unità della Spd» due politiche del calibro dell’ex commissaria Manuela Schwesig, governatrice del Meclemburgo-Pomerania, che ha invitato a sostenere i due nuovi segretari «con cuore e anima» e Natascha Kohnen, leader Spd in Baviera, che ricorda, in buona sostanza, «siamo tutti socialisti». Stride con i festeggiamenti delle aree politiche Spd che hanno sostenuto Saskia Esken, e Norbert Walter-Borjans. A cominciare dagli Jusos, i Giovani socialisti (da sempre critici della «GroKo») incarnati a Berlino dalla presidente Annika Klose che rivendica così lo storico risultato: «Ha prevalso la squadra che abbiamo supportato fin dall’inizio e adesso abbiamo la possibilità di riposizionare la Spd su un chiaro profilo di sinistra. Abbiamo il vento per passare dai sussidi “Hartz IV” alla sicurezza di base superiore al livello di sussistenza. Oltre a una nuova politica del lavoro basata sulla redistribuzione e sulla riduzione dell’orario di lavoro. Non ultima: la politica climatica socialmente giusta con la trasformazione dell’economia».

PROGRAMMA DA INFARTO per Merkel e Akk, ma anche per il vicecancelliere Scholz, ministro delegato alla gestione delle finanze pubbliche. Infatti il presidente Cdu di Berlino, Kai Wegner, dalle colonne della Berliner Zeitung dopo il voto invitava i partner della «GroKo» alla scelta finale. «La Spd adesso deve decidere se continuare a essere un partito di governo responsabile oppure sfuggire dalla responsabilità. Per quanto ci riguarda è sempre in vigore l’accordo di coalizione. Insieme abbiamo lanciato punti positivi e obiettivi lungimiranti».

Difficile, se a vincere è stata la linea di Ina Czyborra, vicepresidente della Spd del Land di Berlino, secondo cui «nella rinegoziazione dell’accordo con Cdu-Csu ci dovrà essere l’equa distribuzione del reddito e la partecipazione del governo federale sulla questione degli affitti su cui abbiamo già fatto molto a Berlino».

* Fonte: Sebastiano Canetta, il manifesto

 

photo:  Saskia Esken by Foto-AG Gymnasium Melle [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)]



Related Articles

Turchia e Russia decidono la tregua a Idlib, l’Europa al solito assente ingiustificata

Il cessate il fuoco da mezzanotte a Idlib salva la faccia di Erdogan che si piega a Putin, cioè al suo gas che ha fatto della Turchia il maggiore hub energetico del Mediterraneo

In Cina negozi Ikea clonati la nuova frontiera del falso

Nella capitale delle imitazioni finti store di grandi marchi ci si adegua alla richiesta crescente di prodotti occidentali.  Clonati i negozi Apple e Ikea l’ultima frontiera del falso cinese.  Allestimenti e arredi identici, commessi ignari costretti a sorridere e parlare inglese 

Così si è sgretolata la rete di Mladic

BELGRADO — Tre teste, tre opinioni diverse. E come, al solito, la verità  è probabilmente una combinazione delle tre loro visioni. Uno è nazionalista, uno nostalgico, uno riformista. Uguali le domande: Ratko Mladic è stato per i serbi un Dio della guerra, come e perché ha chiuso così miseramente la sua latitanza? Dov’erano le decine di guardie del corpo con l’ordine di ucciderlo piuttosto che consegnarlo vivo? Come si è dissolta l’aura del soldato imprendibile? Nel suo ufficio da deputato del Parlamento serbo (ex jugoslavo), risponde Dragan Todorovich, vice presidente del Partito radicale serbo.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment