Diseguaglianze globali, è ora di preoccuparsene

I 2.153 miliardari del mondo hanno più ricchezza dei 4,6 miliardi di persone che costituiscono il 60 percento della popolazione del pianeta, rivela un nuovo rapporto di Oxfam

Oxfam • 20/1/2020 • Lavoro, economia & finanza nel mondo, Povertà & Esclusione sociale, Studi, Rapporti & Statistiche, Welfare & Politiche sociali • 346 Viste

I 2.153 miliardari del mondo hanno più ricchezza dei 4,6 miliardi di persone che costituiscono il 60 percento della popolazione del pianeta, rivela un nuovo rapporto di Oxfam oggi in vista del World Economic Forum (WEF) di Davos, in Svizzera.

La disuguaglianza globale è incredibilmente radicata e vasta e il numero di miliardari è raddoppiato nell’ultimo decennio. Amitabh Behar, CEO di Oxfam India, che si trova a Davos per rappresentare la confederazione Oxfam quest’anno, ha dichiarato: “Il divario tra ricchi e poveri non può essere risolto senza politiche deliberate di lotta alla disuguaglianza, e troppo pochi governi sono impegnati in questi”.

Il rapporto di Oxfam, ” Time to Care “, mostra come le nostre economie sessiste stanno alimentando la crisi della disuguaglianza, consentendo a una ricca élite di accumulare enormi fortune a spese della gente comune e in particolare delle donne e ragazze povere:

  • I 22 uomini più ricchi del mondo hanno più ricchezza di tutte le donne in Africa.
  • Le donne e le ragazze investono 12,5 miliardi di ore di lavoro di assistenza non retribuito ogni giorno, un contributo all’economia globale di almeno 10,8 trilioni di dollari all’anno, più di tre volte più grande del settore tecnologico globale.
  • Fare in modo che l’uno per cento più ricco paghi solo lo 0,5 per cento di tasse in più sulla propria ricchezza nei prossimi 10 anni equivarrebbe all’investimento necessario per creare 117 milioni di posti di lavoro in settori come l’assistenza agli anziani e all’infanzia, l’istruzione e la salute.

“Le nostre economie distrutte stanno allineando le tasche di miliardari e grandi imprese a spese di uomini e donne ordinari. Non c’è da stupirsi che le persone stiano iniziando a chiedersi se i miliardari debbano esistere ”, ha detto Behar.

“Le donne e le ragazze sono tra quelle che beneficiano meno del sistema economico odierno. Trascorrono miliardi di ore a cucinare, pulire e prendersi cura dei bambini e degli anziani. Il lavoro di assistenza non retribuito è il “motore nascosto” che fa muovere le ruote delle nostre economie, imprese e società. È guidato da donne che spesso hanno poco tempo per ottenere un’istruzione, guadagnare una vita dignitosa o avere voce in capitolo su come sono gestite le nostre società e che sono quindi intrappolate nella parte inferiore dell’economia ”, ha aggiunto Behar.

Le donne svolgono più di tre quarti di tutte le cure non retribuite. Spesso devono ridurre le ore di lavoro o abbandonare la forza lavoro a causa del carico di lavoro delle loro cure. In tutto il mondo, il 42% delle donne in età lavorativa non può trovare lavoro perché sono responsabili di tutte le cure, rispetto al solo 6% degli uomini.

Le donne costituiscono anche i due terzi della “forza lavoro” retribuita. Lavori come asili nido, domestici e assistenti sono spesso mal pagati, forniscono scarsi benefici, impongono ore irregolari e possono richiedere un tributo fisico ed emotivo.

La pressione sui caregiver, sia non retribuiti che retribuiti, è destinata a crescere nel prossimo decennio man mano che la popolazione globale cresce e invecchia. Circa 2,3 miliardi di persone avranno bisogno di cure entro il 2030, un aumento di 200 milioni dal 2015. I cambiamenti climatici potrebbero peggiorare l’incombente crisi dell’assistenza globale: entro il 2025, fino a 2,4 miliardi di persone vivranno in aree senza abbastanza acqua e le donne e le ragazze dovranno percorrere distanze ancora più lunghe per recuperarlo.

Il rapporto mostra che i governi stanno tassando massicciamente le persone e le società più ricche e non riescono a riscuotere entrate che potrebbero contribuire a sollevare la responsabilità delle cure dalle donne e ad affrontare la povertà e la disuguaglianza.

Allo stesso tempo, i governi finanziano servizi pubblici e infrastrutture vitali che potrebbero contribuire a ridurre il carico di lavoro di donne e ragazze. Ad esempio, gli investimenti in acqua e servizi igienico-sanitari, elettricità, assistenza all’infanzia, assistenza sanitaria potrebbero liberare il tempo delle donne e migliorare la loro qualità della vita. Ad esempio, fornire l’accesso a una migliore fonte d’acqua potrebbe salvare le donne in alcune parti dello Zimbabwe fino a quattro ore di lavoro al giorno o due mesi all’anno.

“I governi hanno creato la crisi della disuguaglianza: devono agire ora per porre fine alla crisi. Devono garantire che le società e le persone facoltose paghino la loro giusta quota di tasse e aumentino gli investimenti in servizi pubblici e infrastrutture. Devono approvare leggi per affrontare l’enorme quantità di lavoro di cura svolto da donne e ragazze e garantire che le persone che svolgono alcuni dei lavori più importanti nella nostra società – prendersi cura dei nostri genitori, dei nostri figli e dei più vulnerabili – ricevano una vita salario. I governi devono dare priorità all’assistenza come importante quanto tutti gli altri settori al fine di costruire più economie umane che funzionino per tutti, non solo per pochi fortunati “, ha affermato Behar.

Fonte: Oxfam

scarica qui il report

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This