Francesca Re David, FIOM: «La lotta contro Confindustria ha pagato»

Intervista a Francesca Re David. «La nostra mobilitazione è partita il 15 marzo. Ora concentriamoci sulla salute del 30% di lavoratori veramente essenziali. Poi penseremo al dopo: cambiando tutto, in meglio»

Massimo Franchi * • 26/3/2020 • Lavoro, economia & finanza, Salute & Politiche sanitarie, Salute & Sicurezza sul lavoro, Sindacato • 291 Viste

Francesca Re David, segretaria generale Fiom, il successo dello sciopero di oggi in Lombardia e Lazio è stato il prodromo dell’accordo col governo che riduce le attività essenziali.
Sì, era importante. Raccogliere i dati di questo sciopero è stato difficile perché ci sono molte aziende già «in fermata» e molti lavoratori in smart working ma sapevamo che ci sarebbe stata grande partecipazione perché i lavoratori erano esasperati dall’idea di dover andare a lavoro, mentre a tutti viene detto di rimanere a casa. La nostra mobilitazione va avanti da settimane: è dal 15 marzo che abbiamo deciso unitariamente di dare copertura a chi non lavora in sicurezza e può scioperare. Poi si è arrivati al risultato positivo del Protocollo ma domenica abbiamo avuto la doccia fredda del Dpcm con un elenco di attività indispensabili che non corrispondevano a quelle concordate il giorno prima.

Alla lettera di Confindustria si è quindi rimediato. Può fare però un esempio di aziende che da domani rimarranno chiuse perché non più «indispensabili»?
Sono molte. A partire dalla costruzione di macchine agricole alla Cnh di Jesi, agli elettrodomestici e al packaging non legato alla filiera alimentare o medicale. Si tratta di migliaia di imprese che dovrebbero ridurre il numero di lavoratori a circa il 30% del totale. Il comportamento di Confindustria è stato irresponsabile perché ha messo il profitto davanti alla salute dei lavoratori, ma anche miope: gran parte dei settori come automotive e macchine meccaniche sono senza ordini perché è fermo il gigante tedesco. Stanno quasi tutti facendo solo «magazzino», mentre potranno continuare a fare manutenzione, con pochi lavoratori coinvolti.

Prima il Protocollo – positivo – poi il Dpcm – negativo – : questo tira e molla con il governo vi ha fatto perdere fiducia in Conte?
Serve premettere che ci troviamo in una situazione completamente inedita. Anche stabilire i settori indispensabili è molto difficile così come utilizzare i codici Ateco. Dopo la lettera di Confindustria – che ha dimostrato la grande cecità di buona parte delle imprese che non hanno capito come i lavoratori non sono contenti di stare a casa in “cassa” a 700 euro al mese ma lo fanno perché ci tengono alla loro salute e a sconfiggere il virus – le confederazioni hanno minacciato lo sciopero generale e noi lo abbiamo fatto in Lombardia e Lazio. Il governo ha certamente dato credito alle pressioni di Confindustria – sbagliando – ma noi guardiamo ai risultati finali: abbiamo tutelato i lavoratori e ridotto le imprese aperte.

Nefasto è il famigerato comma d: la deroga del prefetto. Funzionerà la direttiva del ministro Lamorgese a coinvolgere i sindacati nella decisione?
È un risultato importante perché abbiamo notizia di migliaia di richieste soprattutto da imprese lombarde. Monitoreremo giorno per giorno la situazione. Anche la chiusura del settore difesa – ora non abbiamo bisogno di armi – e dell’aerospazio – le fusoliere costruite per la Boeing, che è chiusa, non servono – sono altri grandi risultati perché ci permettono di concentrarci totalmente sul rispetto del Protocollo sulla sicurezza e la salute del 30% circa di lavoratori rimasti nei settori essenziali.

Non era scontato mantenere l’unità con Fim e Uilm.
Con Fim e Uilm abbiamo condiviso ogni scelta dal 15 marzo: l’unità ha dato la forza per ricomporre in questa crisi gravissima il ruolo di lavoratore con quello di cittadino.

Voi come Fiom siete stati colpiti direttamente con due delegati morti a Brescia. Riesce a vedere un dopo Covid19?
Non credo sia mai esistita una crisi così. E senza essere medici, sappiamo che è legata a un modello di sviluppo fuori controllo, non rispettoso della natura. Mi auguro che la gravità dell’epidemia porti a un ripensamento totale del ruolo del pubblico nell’economia, dell’importanza dello stato sociale a partire dalla sanità e della funzione dell’Europa. Dopo questa esperienza devastante niente sarà come prima. Ma sono fiduciosa: penso che allo schiaffo in faccia che ci sta dando il virus si reagirà migliorando il mondo e noi stessi.

* Fonte: Massimo Franchi, il manifesto

 

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This