Lombardia. Per il Coronavirus la giunta leghista ora vuole l’aiuto delle Ong

Lombardia. Per il Coronavirus la giunta leghista ora vuole l’aiuto delle Ong

Mentre sulla pagina Facebook «Lega-Salvini premier» la macchina della propaganda social usa perfino il coronavirus per attaccare le Organizzazioni non governative, nel mondo reale la giunta lombarda a guida leghista  è pronta ad accettare il sostegno sanitario che alcune Ong le hanno offerto.

Lo ha detto chiaro e tondo mercoledì scorso l’assessore al welfare Giulio Gallera (Forza Italia): «Ci è arrivata la disponibilità di rappresentanti medici delle Ong, la stiamo valutando, stiamo mettendoci in contatto con loro». Visto il rischio di collasso del sistema, l’esponente politico ha ribadito: «Abbiamo bisogno delle migliori energie. Qualsiasi contributo, da specializzandi a medici in pensione alle Ong, non solo è benvenuto ma assolutamente necessario». Ci sarebbe da ridere, se la situazione non fosse così seria.

Quali Ong si sono proposte di aiutare la giunta di centrodestra non è ancora chiaro. Intanto, però, su altri fronti e ad altre latitudini l’impegno delle organizzazioni umanitarie che in questi anni sono state al centro degli attacchi più biechi per le azioni di sostegno ai migranti è già partito.

Intersos ha diffuso ieri una nota stampa in cui afferma di aver avviato un intervento straordinario «attraverso i progetti di medicina sociale e i team mobili sanitari già attivi sul territorio» per «prevenire la diffusione del Coronavirus in contesti di estrema esclusione sociale, supportando il lavoro del Sistema Sanitario Nazionale e delle Asl».

* Fonte: Giansandro Merli, il manifesto



Related Articles

Il dramma del Sud, oltre i luoghi comuni

Rapporto Svimez. Il vero confronto tra Grecia e Sud d’Italia è sul piano socio-politico: qui è scomparsa la mobilitazione sociale

The future of Jobs 2018: «I robot creeranno 133 milioni di posti di lavoro entro il 2022»

Il rapporto «The Future of Jobs 2018» del World Economic Forum rovescia le previsioni apocalittiche sul lavoro nei prossimi cinque anni: robotica, algoritmi, automazione creeranno 133 milioni di posti di lavoro, 58 in più di quanti ne distruggeranno

Tremonti smonta il piano del premier “In aprile presenterò il progetto alla Ue”

Stop alle liberalizzazioni ma anche il Tesoro incassa un no. Il titolare di via XX settembre vuole che il suo piano sia validato nelle sedi “che contano”. Il pacchetto Romani per la concorrenza cade per problemi di coordinamento

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment