Siria. Erdogan cambia strategia e chiede a Trump: «Datemi i Patriot»

Siria. Erdogan cambia strategia e chiede a Trump: «Datemi i Patriot»

E nel paese cresce il malcontento, primi arresti tra chi contesta l’invasione della Siria

Ieri pomeriggio i ministri del governo turco si sono divisi i funerali dei 33 soldati uccisi giovedì notte a Idlib. Il ministro degli interni Soylu è andato ad Hatay, quello della difesa Akar a Osmaniye per commemorare i militari e gettare un po’ di nazionalismo sullo scontento della parte di opinione pubblica a cui non piace veder tornare bare dalla Siria.

Sono già più di 140 gli intellettuali, gli artisti, i politici, i sindacalisti, i giornalisti firmatari della petizione per interrompere subito l’invasione della Siria: «La nostra presenza militare deve finire una volta per tutte e i nostri soldati devono essere riportati a casa», scrivono.

Intanto le bare aumentano: venerdì notte un altro soldato turco è rimasto ucciso nella provincia nord-ovest siriana, due i feriti. In un mese sono almeno 55 i militari morti in Siria. Dall’altra parte del confine, a Gaziantep, nel sud-est turco a maggioranza curda, si fermano le contestazioni con le detenzioni: secondo Ahval quattro persone sono state arrestate per aver scritto post di critica al governo, altre 22 sono indagate dalla procura, tutte accusate di insulti alle istituzioni e incitamento all’odio.

La strategia del presidente Erdogan è nota: alzare il livello dello scontro diplomatico e politico, visto che sul terreno rischia troppo. Ieri, da Istanbul, ha mandato a dire alla Russia di lasciar fare alla Turchia «quello che è necessario». Mettiti da parte, il messaggio al presidente Putin, lascia che siano i turchi a vedersela con l’esercito di Damasco: «Non siamo andati lì perché invitati da Assad. Siamo lì su invito del popolo siriano. Non intendiamo andarcene finché il popolo siriano non dirà ‘ok, è fatta’».

Nelle stesse ore però Ankara continuava negli incontri con la delegazione russa nella capitale per giungere a un accordo di cessate il fuoco a Idlib. Nel pomeriggio è stata Mosca a disegnare i contorni del dialogo in corso: «Entrambe le parti hanno confermato l’obiettivo di ridurre le tensioni sul terreno – fa sapere il ministero degli esteri russo – continuando la guerra ai terroristi riconosciuti come tali dal Consiglio di Sicurezza Onu». E l’intesa, aggiunge il ministero, sarebbe stata raggiunta, una ridefinizione dell’accordo di Sochi del settembre 2018 sulle zone di de-escalation e la graduale ritirata dei gruppi islamisti filo-turchi.

Ma di cessate il fuoco nemmeno l’ombra. Ieri nella città di Saraqeb, tornata nei giorni scorsi sotto il controllo delle opposizioni, le truppe turche avrebbero ucciso nove miliziani dell’Hezbollah libanese.

E mentre due ministri partecipavano ai funerali dei soldati a favor di telecamera, quello degli esteri Cavusoglu a Doha portava al segretario di Stato Usa Pompeo la richiesta di Ankara: due batterie di missili Patriot da usare lungo il confine contro l’aviazione siriana e la creazione di una no-fly zone sui cieli del nord-ovest siriano. Per fermare i caccia di Assad Erdogan non vuole usare i sistemi di difesa russi, gli S-400 che nei mesi scorsi hanno fatto scendere il gelo con la Casa bianca e sospendere l’invio di cento F-35 statunitensi.

Ora Erdogan si rivolge agli Stati uniti, provocando malumori nell’amministrazione Usa. Se James Jeffrey, inviato per la Siria, preme sul Dipartimento della Difesa perché i Patriot partano presto in direzione Ankara, il Pentagono non concorda, secondo diverse fonti sentite da Politico.

Non vuole immischiarsi nella disputa russo-turca, un intervento che – dicono le fonti – «avrebbe ramificazioni globali». A sentire il Dipartimento di Stato, quello che gli Usa possono fornire è un sostegno senza l’impiego di unità militari, al massimo condivisione di informazioni di intelligence.

* Fonte: Chiara Cruciati, il manifesto

 

ph by Esercito degli Stati Uniti / Public domain



Related Articles

Fmi ambiguo sulla Grecia: «Per gli aiuti si vedrà»

Grecia. Lo scopo del Fondo è quello di stringere il cappio sul governo di Tsipras e ottenere la cancellazione definitiva dei contratti collettivi di lavoro. Nel frattempo il premier cerca di chiudere l’accordo con la troika

La Turchia fa ancora strage di civili ad Afrin, primi aiuti a Ghouta est

Siria. Un convoglio di 46 camion porta cibo e medicine, ma alcuni funzionari Oms denunciano confische del governo

Che succede a Panama

Il copione è sempre lo stesso. Seguendo l’ortodossia della Banca Mondiale, a Panama il governo del presidente Carlos Martinelli ha deciso di riformare il codice minerario nazionale. Il vecchio codice è una legge risalente al 1964, che conteneva almeno alcuni principi di salvaguardia delle risorse naturali della nazione centroamericana.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment