Strage di detenuti in Colombia

Strage di detenuti in Colombia

Secondo le prime notizie, in Colombia sono morte, nel corso di disordini, almeno 23 persone detenute a La Modelo, una delle più grandi carceri di Bogotá. Le proteste sono scoppiate in numerose prigioni del paese, innescate dalle preoccupazioni dei reclusi per l’epidemia in corso. I prigionieri hanno chiesto al governo di adottare urgenti misure preventive contro il Covid-19. La protesta si è conclusa con le forze di sicurezza che hanno sparato. Oltre ai morti vi sarebbero almeno 83 feriti.

Motivi, dunque, analoghi a quelli che hanno provocato le proteste in Italia, ma ancora più grave il bilancio delle vittime. Anche in Colombia ha sicuramente inciso il grave sovraffollamento: le 132 prigioni del paese hanno una capienza di 81.000 detenuti ma attualmente contengono oltre 121.000 prigionieri. È facile immaginare in che condizioni e quanto ciò moltiplichi i rischi di diffusione del contagio da Coronavirus.

La procura colombiana ha dichiarato che aprirà un’indagine, come ha dichiarato in una nota: «La procura generale ha avviato un’indagine sugli eventi che si sono conclusi con la morte di 23 prigionieri nel carcere di La Modelo a Bogotá e due nel carcere di Combita a Boyaca. Questo ufficio ascolterà anche i prigionieri».

Oltre a La Modelo, ci sono state manifestazioni nelle carceri di La Picota e nella prigione femminile di El Buen Pastor a Bogotá. Le proteste sono state anche condotte nella prigione di massima sicurezza di Cómbita nel dipartimento di Boyacá; a Picaleña (Ibagué); a Jamundí (Valle del Cauca) e, tra gli altri, a Pedregal e Bellavista ad Antioquia.



Related Articles

Afghanistan. Gli eserciti se ne vanno, le ONG restano: occorre sostenerle

In queste ore l’emergenza umanitaria in Afghanistan ci dice che sono scarse le forze per farvi fronte. Non basteranno le iniziative dell’Onu, né la testardaggine di Ong che ad ogni costo sono rimaste mentre gli eserciti (il nostro costato in vent’anni 8,5 miliardi di euro) si ritiravano in buon ordine

In Belgio dopo le dichiarazioni dell’«innocente» Erdogan è terremoto: dimissioni (respinte) nel governo

Belgio. Il premier Michel: le dimissioni di Jan Jambon (Interni) e Koen Geens (Giustizia), respinte

La giunta incombe sull’urna

Il dopo Hosni Mubarak è stato duro, segnato da momenti esaltanti ma anche da violenze e repressione (da parte di militari e polizia). Quello davanti ai nostri occhi non è l’Egitto che sognavano i milioni di «rivoluzionari» che un anno e mezzo fa, urlando « Erha l» (vattene) in Piazza Tahrir costrinsero il rais-faraone a lasciare il potere dopo tre decenni. Il regime non è crollato e rimane in sella anche l’elite economica che si raccoglieva intorno a Mubarak.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment