Paolo Rossi. Lettere dalla montagna

Paolo Rossi. Lettere dalla montagna

In occasione di una Festa di Liberazione molto particolare, l’attore Paolo Rossi scrive una lettera dal confinamento sociale in cui siamo tutti costretti, per ricordare la storia e anche i suoi buchi neri. Un racconto divertente e istruttivo, per ridere e per pensare. Anche a un “dopo” che bisogna iniziare a costruire, magari recuperando sogni e valori di chi 75 anni fa riuscì a liberare l’italia e il mondo dal virus del nazifascismo. Che ora sta rialzando la testa.

 



Related Articles

Comunicazione versus informazione. “Vespismo“ e par condicio

NULL (da “La Repubblica”, MERCOLEDÌ, 01 FEBBRAIO 2006, Pagina 1 – Prima Pagina) L´attore muto della par condicio GIUSEPPE D´AVANZO

CASO SOFRI. La Consulta boccia l`ex ministro Castelli

NULL (La Repubblica, GIOVEDÌ, 04 MAGGIO 2006, pagina 15 – Cronaca) La Corte costituzionale accoglie il ricorso presentato dal Quirinale

Zona rossa, blindati e cortei, per Roma è il giorno della verità 

SICUREZZA Previste unità  mobili per le emergenze. Ma il movimento manifesterà 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment