Sui migranti il peso della crisi, giù del 20% le rimesse globali

Sui migranti il peso della crisi, giù del 20% le rimesse globali

Povero Ramadan.  E i paesi d’origine si impoveriscono ancora di più

C’è fila davanti al piccolo Caf di Via di Tor Pignattara. Quattro ragazzi sulla trentina, mascherine sul volto, chiacchierano a distanza in attesa del turno. Identica scena negli altri Caf del quartiere, porta a vetro con su adesivi che elencano i servizi. In fila ci sono i migranti: pachistani, bengalesi, marocchini.

«Non tutti riescono a presentare da soli la domanda per la cassa integrazione o per gli aiuti previsti dal governo». X. è curdo, ha un ristorante e da inizio marzo ha chiuso le saracinesche: «Siamo tutti in difficoltà. I locali sono chiusi, non puoi pagare i dipendenti, le tasse, l’affitto – ci spiega – Né mandare soldi a casa. Tanti migranti vivono in 6 o 7 in un appartamento pur di spedire 200 euro al mese al loro paese. Ora è impossibile. La vera preoccupazione oggi è sopravvivere».

«Tanti lavorano in agricoltura e nella ristorazione, come lavapiatti e camerieri, o negli hotel nelle pulizie. Tutto fermo». Lavoro in nero, sfruttamento («Spesso il primo sfruttatore di migranti è un altro migrante»), contratti a chiamata sospesi, realtà che rendono impossibile l’accesso ai sussidi governativi, come il bonus famiglia o i buoni pasto, o alla cassa integrazione. Chi potrebbe ha difficoltà a districarsi tra i documenti in burocratese. E si mette in fila davanti ai Caf.

Al di là dell’oceano, a Des Moines, Iowa, cambia poco. Anche qui per un migrante le priorità sono stravolte: prima la sopravvivenza, poi la famiglia.

Y. lavora in un albergo, ha un contratto ma non uno stipendio fisso. Lavora a ore. E con il lockdown il monte ore da metà marzo è zero: «Ho fatto richiesta per il sussidio di disoccupazione: 450 dollari a settimana, 1.800 al mese. Ma 1.300 se ne vanno di affitto».

«Si parla di un sostegno per quattro mesi – ci dice – poi chissà. Dovesse andare male, tornerei in Palestina. Almeno lì ho una casa, una rete familiare. Soldi a casa? Non bastano nemmeno per noi. Sarà un Ramadan triste».

Il mese sacro dell’Islam è appena iniziato. Ovunque, dall’Indonesia all’Egitto, dalla Turchia al Sudan, per due miliardi di musulmani sarà un Ramadan spento.

Le misure di contenimento dell’epidemia di Covid-19 hanno chiuso le moschee e sospeso la preghiera collettiva, ridotto i movimenti e gli affollamenti nei mercati per comprare i vestiti buoni per la festa e il cibo con cui rompere il digiuno al tramonto.

L’Iftar si consuma in famiglia, senza parenti e amici, senza le lunghe veglie notturne che riempiono le strade e i quartieri di luci e musica, senza la condivisione del pasto con i poveri e le lanterne che spezzano la notte.

Un Ramadan solitario ma soprattutto più povero. Economie che si reggono per buona parte sul lavoro informale soffrono più di altre. E le rimesse da fuori evaporano.

I dati li dà la Banca Mondiale: in tutto il mondo il lockdown e la conseguente perdita di posti di lavoro a contratto o a nero ha provocato una riduzione del 20% delle rimesse verso i paesi di origine, «il calo più duro della storia recente».

Un dramma doppio: per chi non riceve più e per chi non invia, dopo anni di sacrifici in terra straniera. Si stima che nel 2019 il valore totale delle rimesse verso i paesi di origine sia stato pari a 573 miliardi di dollari.

Ogni migrante riesce a mandare tra i 100 e i 200 dollari al mese. Fatti i calcoli si capisce quante famiglie siano travolte: centinaia di milioni di persone che perdono accesso al cibo, alla sanità, all’educazione.

La Banca Mondiale stima un calo del 23,1% verso l’Africa sub sahariana, del 22% per l’Asia del Sud, del 19,6% per Medio Oriente e Nord Africa, del 19,3% verso America latina e Caraibi.

Perché la perdita del lavoro non colpisce tutti allo stesso modo: i migranti senza contratto o cittadinanza non sono titolari, in molte parti del mondo, degli stessi diritti dei cittadini in termini di sussidi di disoccupazione o aiuti ai più poveri.

E spesso sono i più vulnerabili al virus, costretti in appartamenti affollati ma i soli abbastanza economici da permettere di risparmiare qualcosa da mandare a casa.

Gli effetti non sono solo individuali (con un 50% delle entrate familiari cancellati dal mancato arrivo delle rimesse, sottolinea l’Oim). Sono collettivi. Un paio di esempi: in Libano il 12,5% del Pil è dovuto alle rimesse, 7,3 miliardi di dollari l’anno; in Egitto l’8,8, oltre 25 miliardi. Un altro feroce impoverimento delle classi basse del sud del mondo è la scintilla possibile di conflitti sociali già lampanti. La fame fa più paura del Covid-19.

* Fonte: Chiara Cruciati, il manifesto

 

Foto di Şahin Sezer Dinçer da Pixabay



Related Articles

Il calvario delle liste d’attesa e per una mammografia l’appuntamento è fra un anno

Cattiva organizzazione ma anche troppi esami inutili a soffrire sono tutti gli accertamenti specialistici.  Il 34% della strumentazione ad alta tecnologia ha più di otto anni d’età  e viene sotto utilizzata.  Un fenomeno che coinvolge tutte le Regioni a Bologna 300 giorni per un test sulle allergie  Inchiesta italiana.  Ospedali sempre più in affanno, boom dei privati.  Perché la situazione continua a peggiorare? Come mai i medici non collaborano tra loro? È anche colpa del “consumismo sanitario?” Chi ci guadagna da questo prolungamento dei tempi? Il personale è sufficiente? E come lavorano le cliniche ? Le cose migliorerebbero se i Cup, i centri unici di prenotazione, funzionassero a dovere? Sono attivi anche nel Mezzogiorno? 

Tre leggi per i diritti umani

Con una sentenza all’inizio dell’anno la Corte Europea dei Diritti Umani ha condannato l’Italia per trattamenti disumani e degradanti, in relazione allo stato delle carceri. L’Italia ha un anno di tempo per ripristinare le condizioni dello stato di diritto e l’osservanza della Costituzione. Il presidente Napolitano ha definito il sovraffollamento carcerario una questione di «prepotente urgenza» e di recente ha rivolto l’ennesimo invito perché siano approvate misure strutturali per porre fine alle disumane condizioni delle carceri.

Carceri: risolvere il sovraffollamento in un anno, la Corte europea rigetta ricorso Italia

Carceri

La Corte europea dei diritti dell’uomo rigetta il ricorso dell’Italia e conferma che dovrà  entro un anno trovare una soluzione al sovraffollamento carcerario nonchè risarcire i detenuti che ne sono stati vittime.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment