Territori occupati. Incertezza sui tempi dell’annessione israeliana della Cisgiordania

Frenato da considerazioni internazionali e dalla prudenza del suo alleato Gantz, Netanyahu domani forse farà solo una dichiarazione e rinvierà di una settimana l’attuazione del suo piano di annessione di porzioni di Cisgiordania

Michele Giorgio * • 30/6/2020 • Guerre, Armi & Terrorismi, Internazionale • 222 Viste

GERUSALEMME. A poche ore dal 1 luglio indicato da Benyamin Netanyahu come la data di inizio della «estensione della sovranità», l’annessione unilaterale a Israele di larghe porzioni di Cisgiordania, non sono chiare le mosse che farà il premier israeliano. Sotto la pressione di varie parti internazionali annuncerà una «mini-annessione» di tre grandi blocchi di insediamenti coloniali senza la Valle del Giordano oppure, incurante di critiche e condanne – l’ultima è di Michelle Bachelet, alto commissario Onu per i diritti umani -, annetterà subito il 30% della Cisgiordania? Due giorni fa Netanyahu ancora una volta ha parlato della Bibbia come di un trattato di geografia politica. Durante una conferenza virtuale con la Christians United for Israel, una audience di cristiani evangelici sionisti, ha rappresentato il suo progetto, figlio del piano di Donald Trump per il Medio oriente, come una attuazione del racconto biblico e «un passo verso la pace». «Il Piano Trump non cambia la realtà sul terreno – ha affermato – ma semplicemente la riconosce». E ha ribadito che lo staterello palestinese teorizzato dall’Amministrazione Usa sarà sotto il pieno controllo di Israele. Tanti gli applausi da parte degli evangelici stretti alleati di Israele. Dagli Usa però il via libera definitivo all’annessione tarda ad arrivare e le esitazioni del principale alleato di governo, il ministro della difesa Benny Gantz, rallentano le mosse del primo ministro.

Incontrando l’inviato speciale della Casa Bianca, Avi Berkowitz, e l’ambasciatore Usa David Friedman, ieri Gantz ha detto che il primo luglio «non è una data sacra». Domani, ha lasciato intendere il ministro, potrebbe non esserci alcun annuncio. Non è una inedita opposizione all’annessione che rientra nel programma di governo. Gantz semplicemente è più prudente di Netanyahu, vuole procedere a piccoli passi, e, comunque, non sono ancora pronte le mappe dei territori palestinesi che saranno annessi a Israele. Stando alle ultime indiscrezioni, il premier farà una dichiarazione ma, almeno questa settimana, non attuerà alcuna parte del suo piano. Tuttavia parlando ieri ai dirigenti del Likud, il suo partito, è stato categorico: la decisione definita spetta solo a lui e non anche al ministro della difesa.

La popolazione israeliana mostra scarso interesse verso la questione all’annessione che comunque non contesta. Allo stesso tempo si rafforza l’opposizione interna al progetto. A Petach Tiqwa (Tel Aviv) un liquido rosso sangue, repellente, zampillava ieri in una fontana nella piazza dedicata un anno fa a Trump in riconoscenza per il riconoscimento, sempre unilaterale, di Gerusalemme come capitale di Israele. «L’annessione ci costerà sangue» diceva una scritta lasciata alla base della fontana. Gli autori della protesta hanno spiegato che il piano di Netanyahu, «sarà un disastro sia per la sicurezza sia per l’economia. Quei leader giocano col fuoco a spese dei cittadini».

* Fonte: Michele Giorgio, il manifesto

 

ph by The White House from Washington, DC / Public domain

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This