APPELLO alla solidarietà internazionale per Simón Trinidad

Dalla campagna internazionale per il rimpatrio e la libertà di Simón Trinidad, ti invitiamo a unirti a un’iniziativa in occasione del suo settantesimo compleanno.

In concreto, ti invitiamo a inviare un saluto di solidarietà a Simon, che si trova in un carcere statunitense da oltre 15 anni.

 

CHI È SIMON TRINIDAD

Ricardo Ovidio Palmera Pineda (conosciuto come Simon Trinidad) è un colombiano, umanista ed economista di professione. È stato professore universitario e direttore di banca in Valledupar. È stato militante della Union Patriotica, il movimento nato nel 1985 dopo gli Accordi di Pace de La Uribe tra il governo di Belisario Betancur e le Forze Armate Rivoluzionarie di Colombia – FARC.

Anni fa Simon è stato falsamente accusato di far parte della guerriglia dell’ELN. Arrestato, venne torturato all’interno di installazioni militari. Per questo, quando cominciò la “guerra sporca” contro la neonata Union Patriotica, Ricardo Palmera decise come molti uomini e donne di entrare nelle FARC per salvarsi la vita e continuare a lottare per le sue idee. Nelle FARC fu educatore, consulente, formatore.

Durante i colloqui di pace tra il governo di Pastrana e le FARC, Simon fu nominato portavoce al Tavolo delle Conversazioni. Quel ruolo gli ha provocato molta visibilità e per questo ambienti militari e mezzi di comunicazione hanno cominciato a presentarlo falsamente come membro dello Stato Centrale Maggiore e del Segretariato Nazionale delle FARC. Accusa che ha poi consentito al governo di Alvaro Uribe di arrestarlo a Quito nel 2004, deportarlo a Colombia e successivamente estradarlo negli Stati Uniti, dove è stato portato a giudizio con prove false e manipolazioni. Ricardo Palmera (Simon Trinidad) è stato condannato a 60 anni di carcere.

A questo si aggiungono le condizioni carcerarie di isolamento totale nel carcere sotterraneo di massima sicurezza di ADX, Florence, in Colorado.

Nel frattempo, in Colombia le FARC e il Governo colombiano hanno firmato un Accordo di Pace con il quale si è posto fine al conflitto armato. L’Accordo contempla una legge di amnistia e indulto per i guerriglieri. Tuttavia, Simon continua a rimanere in carcere.

Le condizioni di detenzione di Simon devono essere subito migliorate, ma l’obiettivo è il suo rimpatrio in Colombia per beneficiare del trattamento giudiziario speciale previsto dall’Accordo di Pace.

***

  • Per mandare il tuo saluto ed esprimere solidarietà ti chiediamo di mandare una tua fotografia con un cartello di augurio. Oppure, se ne hai la possibilità, ancora più efficace può essere registrare un tuo messaggio video. I video non dovrebbero durare più di un minuto e dovrebbero chiudersi con la frase “Dignità è libertà“, che farà parte degli hashtag utilizzati nei social network per celebrare questo compleanno. Indica chi sei e da dove stai registrando il video. Infine, invia il tuo video o la fotografia alla email: contactosimonlibertad@gmail.com entro il 25 luglio. Gli organizzatori lo pubblicheranno il giorno del compleanno di Simon, il 30 luglio, assieme a tutti gli altri, inviati dai diversi paesi.

 



Related Articles

Las formas y los lugares de la subversión fuera de sospecha?

EN LÍNEA DE MAÑANA EL NUEVO NÚMERO DE LA REVISTA DE DERECHOS GLOBALES. Editorial de Sergio Segio

Ireland faces biggest challenge as Brexit becomes reality

Exclusion from the EU customs union and single market will have a devastating impact on seamless trade and all-Ireland supply chains

Nuova offensiva turca in Rojava: Il ruolo di USA e Russia

Dal nuovo numero del magazine internazionale Global Rights dedicato al Rojava, un articolo di Giovanni Giacopuzzi sull’invasione turca e sul ruolo complice di Trump e Putin

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment