Asso Ventotto: la procura chiude l’inchiesta sul respingimento dei migranti

Dopo due anni, la Procura di Napoli chiude le indagini sul caso Asso Ventotto e individua due possibili responsabili: il comandante della nave italiana, Giuseppe Sotgiu, e il D.P.A. (Designated Person Ashore) dell’Augusta Offshore, Pollice. Le accuse sono pesanti: entrambi, in concorso, avrebbero sbarcato arbitrariamente 101 persone nel porto di Tripoli. Avrebbero altresì abbandonato cinque minori e cinque donne in stato di gravidanza al loro destino in un paese non sicuro.

Il 30 luglio 2018 la Asso Ventotto imbarcò le 101 persone in acque internazionali senza comunicare il salvataggio ai centri di coordinamento e soccorso competenti. Decise autonomamente di far rotta sulla Libia. Le si contesta, inoltre, una serie di gravi omissioni: non identificò i naufraghi, non verificò le loro condizioni di salute e non accertò la loro volontà di chiedere asilo allo Stato di bandiera della nave, ovvero l’Italia.

Nella comunicazione di fine indagini per il caso del 30 luglio 2018, vengono enumerati tutti gli articoli presumibilmente violati dalla Asso Ventotto. Tra di essi spiccano l’articolo 33 della Convenzione di Ginevra, ovvero il divieto di espulsione, e l’articolo 19 del D.lgs. 286/98, legge italiana che vieta in ogni caso il respingimento e l’espulsione di minori e di donne in stato di gravidanza, nonché il respingimento di cittadini stranieri verso un Paese ove siano a rischio di subire torture e trattamenti disumani e degradanti.

A quanto sembra, la Asso Ventotto compì un vero e proprio respingimento collettivo segreto verso la Libia. L’evento venne rivelato soltanto grazie a una conversazione radio intercettata e registrata dagli attivisti sulla nave di salvataggio Open Arms. Nell’audio, che è stato essenziale per le indagini, Mr. Ronald Ceci, manager della piattaforma della Mellitah Oil and Gas (partecipata al 50% da Eni), discuteva con la plancia della Asso Ventotto in merito ai migranti da trasferire.

A denunciare il fatto alla Procura di Napoli, il 4 agosto 2018 furono gli avvocati Danilo Risi ed Elena Coccia, assieme a un folto gruppo di giuristi e personalità come Moni Ovadia e il sindaco di Napoli Luigi De Magistris. Raggiunto da noi al telefono, l’avvocato Risi si ritiene molto soddisfatto per la notizia di ieri.

C’è un precedente che coinvolge le navi della Augusta Offshore, ne abbiamo parlato soltanto qualche giorno fa. Anche il 2 luglio 2018, meno di un mese prima, una nave Asso prese a bordo almeno 276 rifugiati, tra cui donne incinte e bambini, e arbitrariamente li condusse a Tripoli, ignorando la loro volontà di chiedere asilo all’Italia.

A rivelare la storia sono state le stesse vittime. Il minorenne eritreo Yoseph (nome di fantasia) era sulla nave. Domani sono due anni esatti che sopravvive sul pavimento di un lager libico, in condizioni disumane, assieme a tanti altri passeggeri respinti dalla nave Asso, due dei quali sono deceduti. Ci racconta che il comandante della nave fece loro una promessa: “Vi porteremo in Italia. Adesso dormite” ma che il giorno dopo si risvegliarono nel porto di Tripoli. La Procura di Napoli adesso conosce anche questo caso.

Nel Mediterraneo avvengono continue violazioni dei diritti umani, molte delle quali restano segrete. Sono sempre di più, però, gli attivisti e i giornalisti che le scoprono e le denunciano, con passione e con coraggio. Due giorni fa, il giornalista Nello Scavo è stato pubblicamente minacciato dall’ex capo di gabinetto del governo di Malta. Tutta la nostra redazione si unisce nel dimostrare solidarietà e vicinanza al collega Nello Scavo e per ribadire il diritto a svolgere il proprio lavoro senza intimidazioni.

* Fonte: Sarita Fratini, il manifesto



Related Articles

Cina, giurista arrestato per aver criticato Xi Jinping sul coronavirus

Xu Zhangrun aveva scritto un saggio dal titolo «Allarme virale, quando la rabbia supera la paura»

Il ministro Orlando, garantista ma non per i profughi

Il ministro all’inaugurazione dell’anno giudiziario difende i due gradi di giudizio. Ma quando si tratta dei diritti dei richiedenti asilo le cose cambiano

Crimini di guerra. Riconvertire la fabbrica di armi in Sardegna

La lettera. Al Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli. Richiesta di incontro per presentare un progetto da realizzare in Sardegna sulla riconversione di una fabbrica di bombe in un polo caseario regionale, attraverso le risorse del Recovery Fund

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment