Censura in Turchia: restrizioni ai social, chi non si adegua scompare

Il via libera al disegno di legge anti-social turca era stato dato poche ore prima della preghiera musulmana a Santa Sofia dello scorso venerdì: mentre Erdogan si preparava a recitare il Corano, la commissione giustizia del parlamento dava luce verde al controllo statale dei social network. Ieri il voto favorevole dei parlamentari: dal prossimo ottobre Ankara potrà mettere al bando Twitter, Facebook, YouTube e Instagram (e tutti i social con più di un milione di visitatori unici al giorno) se non rispetteranno le nuove misure.

Ovvero, il trasferimento delle loro rappresentanze legali in Turchia e la rimozione immediata di ogni post considerato offensivo o immorale dallo Stato turco. Se non si adegueranno, trasferendo le loro sedi e cancellando dall’etere i post incriminati, pagheranno con multe fino a 4,3 milioni di dollari, limiti alla pubblicità e la messa al bando. L’iniziativa è partita su spinta dello stesso presidente Erdogan, infuriato per insulti alla figlia e al nipote apparsi su Twitter. Tanto infuriato da presentarsi in tv a minacciare il blocco dei social network.

Una censura a monte, dunque, che di certo non aiuterà a squarciare il velo di silenzio che da anni lega le mani (e le bocche) di oppositori e dissidenti. Non è un caso che migliaia di persone siano state condannate al carcere sulla base di un tweet o un post su Fb, commenti giudicati da una magistratura sempre più prona al governo Akp (in particolare dopo le epurazioni post tentato golpe del 2016) offese alle istituzioni e al presidente della repubblica. I dati parlano da soli: nel 2018 sono state condotte 26.115 indagini per «insulti al presidente», che altro non erano che critiche politiche.

«Una nuova era buia», l’hanno definita ieri attivisti e accademici, che amplierà a dismisura il già consistente potere dell’Akp di limitare la libertà di espressione e azzerare le critiche pubbliche al governo.

Un meccanismo già ben oliato. Secondo il gruppo di attivisti Engelli Web, sono già migliaia gli ordini di rimozione emessi dalle corti turche: oltre 400mila siti web, 7mila account Twitter e 40mila tweet, 10mila video di YouTube e 6.200 post di Fb.

* Fonte: Chiara Cruciati, il manifesto

 

photo by ANF News



Related Articles

Torce umane in nome del Tibet il Dalai Lama: “Genocidio culturale”

Dieci monaci e una religiosa suicidi contro Pechino.  La Cina vuole decidere chi sarà  il successore di Gyatso Ma i buddisti si oppongono. Da mesi i monasteri del Sichuan sono circondati e isolati dall’esercito cinese

Egitto, un milione in Piazza Tahrir Suona il secondo gong della rivoluzione

Tantissimi giovani che scandiscono slogan: «Giustizia, riforme». Le donne in prima fila
Alla manifestazione partecipano anche i Fratelli musulmani. Chiedono lavoro e libertà 
Convocata da tempo dai movimenti giovanili e dal quello del 6 aprile, la mega manifestazione di ieri è diventata imponente sull’onda emotiva di sentenze impopolari. Contro i militari al potere e lo stato d’assedio.

I ritardi di informazione sul Covid-19 della Cina all’OMS

Un’inchiesta dell’Ap rivela le riluttanze della Cina a condividere dati scientifici del virus

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment