Navalny trasferito in ospedale a Berlino, si attende il responso dei medici

Navalny trasferito in ospedale a Berlino, si attende il responso dei medici

In attesa che giungano notizie dalla clinica Charite di Berlino dove Alexey Navalny è stato trasportato l’altro ieri sera (l’evacuazione con un volo speciale è stata organizzata dalla Fondazione Cinema for Peace. Nel 2018 la stessa organizzazione aveva portato in Germania l’attivista e portavoce delle Pussy Riot Pyotr Verzilov anche lui misteriosamente collassato), la grancassa mediatica dell’opposizione (Meduza e il canale televisivo Dozd) si è presa una pausa di riflessione.
L’argomento del ritardo con cui il governo russo ha dato l’ok alla moglie di Navalny ad essere ricoverato all’estero appare una polemica tirata per i capelli, visto che non si trattava di un semplice cittadino ma di un politico di rilevanza nazionale di cui lo staff aveva iniziato subito a parlare di avvelenamento.
Una tesi adombrata anche da Sergey Udalzov leader del Fronte di sinistra una volta alleato con Navalny nelle proteste anti-Putin e oggi invece vicino al partito comunista.
A passare all’offensiva è ora il Cremlino attraverso strutture di retrovia. Il ministero della salute della regione di Omsk sulla sua pagina di Vkontakte afferma che nelle urine di Navanly «sono state trovate tracce di alcol e caffeina». Tuttavia la fonte non ha indicato le quantità di alcol e caffeina aggiungendo che un estratto più dettagliato era stato fornito alla scorta di Navalny. Secondo l’agenzia Baza che avrebbe visionato le analisi le quantità di alcol sarebbero comunque «irrilevanti».
Nessuna traccia di veleni e neanche di barbiturici invece: «Oggi possiamo affermare con certezza che non sono stati trovati barbiturici, stricnina, convulsivi o veleni sintetici», è scritto nel comunicato. Ora la palla passa ai medici tedeschi i quali per il momento non hanno potuto che confermare la gravità delle condizioni di salute del blogger.

* Fonte: Yurii Colombo, il manifesto



Related Articles

“Regeni preso in piazza Tahrir” ecco le prove contro la polizia

Il ricercatore fermato nella zona controllata dagli agenti guidati dal generale Shalaby E spunta l’articolo di un giornale egiziano: “Il 25 gennaio arrestato uno straniero in un caffé”

Un’Unione di stabilità 

2 velocità  I 17 paesi dell’Eurozona accelerano la corsa verso la governance centralizzata, mentre la Gran Bretagna toglie l’ancora e va. Dove? Gli inglesi sbattono la porta, l’Ungheria la segue poi ci ripensa. La Ue raggiunge un accordo molto «tedesco», rigido nelle procedure sanzionatorie dei paesi in deficit ed esitante in quelle di salvataggio

Il fondatore di Wikileaks Assange arrestato a Londra su richiesta Usa

Julian Assange.  da sette anni viveva nell’ambasciata dell’Ecuador. I legali: «Serio precedente per ogni giornalista»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment