Tunisia. Il parlamento vota la fiducia al governo tecnico di Mechichi

Sorriso a metà per il presidente della repubblica Saied che, dopo aver spinto sull’acceleratore, non condivide alcune delle scelte del neo premier

Dopo un’accesa discussione e molti dubbi, i deputati tunisini hanno approvato nella notte tra martedì e mercoledì, con 134 voti su 217, il governo dell’ex ministro degli interni Hichem Mechichi. La nuova squadra governativa comprende 25 ministri ed è composta prevalentemente da tecnocrati – giudici, accademici, dipendenti pubblici e dirigenti privati – con l’obiettivo dichiarato «di voler favorire con misure innovative la crescita economica in profonda crisi» e di «scongiurare altri conflitti politici», come quelli che hanno causato la caduta del precedente governo di Elyes Fakhkh.

«Sono orgoglioso di questo sostegno», ha dichiarato Mechichi all’agenzia France-Presse (Afp) dopo il voto, aggiungendo che il governo potrà «fare progressi sui gravi problemi economici, purché non rimanga intrappolato dalle attuali tensioni politiche».

Questo voto esclude la prospettiva di uno scioglimento dell’Assemblea a meno di un anno dalla sua elezione, il che avrebbe rischiato di far infuriare l’opinione pubblica preoccupata per la situazione economica del paese. Lo stesso presidente della repubblica Kais Saied aveva incaricato Mechichi richiedendo di «formare un governo tecnico e di superare l’impasse causata dall’eccessiva frammentazione all’interno del parlamento», indicando come possibile alternativa la possibilità di nuove elezioni.

Ipotesi che non era ben vista da numerosi partiti e in particolare dalla principale formazione con la maggioranza dei seggi, il partito islamista Ennahdha, a causa di un progressivo calo dei consensi e delle numerose critiche rivolte contro il suo leader e presidente del parlamento, Rachid Ghannouchi, riguardo al suo sostegno nei confronti di Al Sarraj in Libia e, soprattutto, dell’espansionismo turco del premier turco Erdogan o alle accuse di incapacità nel gestire il governo e il paese da quando è salito al potere nel 2011.

Nonostante lo scontro tra Saied e Ghannouchi e la richiesta di Ennahdha di voler avere più peso nell’esecutivo, paradossalmente proprio grazie al partito islamista e ai suoi alleati – compreso il partito Qalb Tounes di Naim Karoui (seconda formazione più rappresentata in parlamento) – il governo Mechichi ha ottenuto un ampio sostegno. Nel suo endorsement Ghannochi ha ribadito la «centralità del parlamento» – in contrasto con la centralità della figura del presidente Saied – e la capacità del nuovo governo di «poter risolvere i problemi economici, sanitari e di sicurezza del paese».

Un sostegno che, secondo la stampa locale, avrebbe irritato lo stesso Saied che non avrebbe pienamente accolto alcune scelte sul nuovo governo, creando nuove frizioni con Mechichi e rendendo sempre incerto il destino del nuovo governo.

Nel suo discorso di insediamento, Mechichi ha dichiarato che la nascita di un governo tecnico giunge in un momento di perdurante instabilità politica che ha messo a dura prova la pazienza della popolazione tunisina. «La nostra priorità è far fronte alla fragile situazione economica e sociale, frenare l’emorragia di finanze pubbliche, e creare lavoro per i nostri giovani che scappano dal nostro paese – ha concluso il premier – Questo sarà un governo di azioni, risultati, efficienza e cambiamento che ricercherà soluzioni innovative».

* Fonte: Stefano Mauro, il manifesto

 

ph by Magharebia / CC BY (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)



Related Articles

185 rifugiati catturati dai libici e riportati a Tripoli. Tra loro 3 minori

Migranti. Le operazioni della cosiddetta «Guardia costiera libica» indirizzate dall’aereo di Frontex Eagle One. Intanto salgono a 34 i cadaveri recuperati dalla marina tunisina

L’irresistibile carica dei Fratelli musulmani

Ma gli islamisti moderati non sono un monolite: al loro interno conservatori e progressisti

Il Papa negli USA. Toccata l’identità smarrita

il papa venuto dalla “fine del mondo” ci ha abi­tuato a misu­rarci con parole che la poli­tica non sa più pro­nun­ciare, parole che lui non si stanca di ripe­tere, e di con­net­tere tra loro

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment