Elezioni in Bolivia, vince la sinistra con Luis Arce del MAS

Ieri la Bolivia si è svegliata con un nuovo presidente, ma il Tribunale elettorale del paese non se ne è ancora accorto: alle sei del mattino, 36 ore dopo la chiusura delle urne, erano stati ufficialmente scrutinati circa il 50% dei seggi.

E mentre mezzo mondo ormai si scambiava congratulazioni pubbliche e insulti privati, le laboriose lumache elettorali continuavano a contare, comunicando «un vantaggio di 15 punti» di Luis Arce (Mas, sinistra) sul principale avversario, l’ex presidente Carlos Mesa (Comunidad Ciudadana, centrodestra), e sul lontanissimo terzo Luis Fernando Camacho (l’ultradestra razzista).

Arce avrebbe il 48,30% e Mesa il 33,24%. Numeri in allegria, in attesa che arrivi il dato ufficiale, così contundente da aver convinto tutti i rivali del Mas a alzare bandiera bianca – e il grande escluso Evo Morales a celebrare da Buenos Aires, dove è esule insieme al vicepresidente Alvaro Garcia Linera e a molta di quella sinistra indigenista che ha rivoluzionato la Bolivia.

Particolarmente gradite le congratulazioni di Luis Almagro, il potente presidente dell’Organizzazione degli stati americani, l’uomo su cui Morales confidava quando, nell’ottobre del 2019, arrivarono le prime accuse di brogli elettorali: Morales chiese a Almagro un rapporto sul voto e Almagro colse l’occasione per dichiarare i brogli come certificati e provocare il colpo di stato.

Il vincitore Luis Arce, già ministro dell’economia dei governi Morales e protagonista della fortunata traiettoria economica del paese, dichiara intanto che «l’aiuto di Morales sarà il benvenuto» ma che il prossimo «sarà il mio governo».

E il parlamento chiede ai ministri golpisti uscenti di non abbandonare il paese: per legge, durante i prossimi tre mesi possono dover rendere conto della loro gestione (la presidente ad interim dei golpisti, Jeanine Anez, ha cercato di frenare la legge chiedendo un parere costituzionale)

* Fonte: Roberto Zanini, il manifesto



Related Articles

Omofobia combinata con le armi da guerra

Stati uniti. Destra fanatica coccolata per anni da un Partito repubblicano senza principi e senza valori

Le carceri stanno scoppiando a Madrid come a Roma

BARCELLONA. Governi diversi, una sola risposta I reati non stanno aumentando ma sono sempre di più i cittadini dietro le sbarre Tra pochi giorni (dal 22 al 24 novembre) si terrà  a Roma un convegno con i direttori delle istituzioni penitenziarie di tutti i paesi europei per un confronto tra le diverse realtà  carcerarie, le politiche adottate e i risultati ottenuti. Tra i presenti ci sarà  àngel Yuste, al vertice del sistema carcerario spagnolo dopo la vittoria del centro-destra nel 2011, in sostituzione di Mercedes Gallizo, in carica durante i governi Zapatero.

Stretta sul trattato Usa-Ue flash mob e proteste in 600 piazze del mondo

Riparte il negoziato sul Ttip, l’accordo di libero scambio Germania patria del fronte del no

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment