Fiat-FCA. A quarant’anni dalla marcia, una ricerca sulle condizioni di lavoro

Fiat-FCA. A quarant’anni dalla marcia, una ricerca sulle condizioni di lavoro

Ormai è assodato: erano molti meno in corteo per le strade di Torino. Ma è passata alla storia come «la marcia dei 40mila». Oggi cade il 40esimo anniversario della manifestazione dei colletti bianchi, dei capi e dei quadri della Fiat che – sotto la spinta di Romiti – scesero in piazza per chiedere la fine degli scioperi a Mirafiori. E i nemici del sindacato e dei lavoratori festeggeranno. La Fondazione Claudio Sabattini e la Fiom hanno invece deciso di fare una cosa diversa: utilizzare la ricorrenza per presentare una ricerca sulle condizioni di lavoro nella ex Fiat, oggi Fca, fra pochi mesi Stellantis.

La ricerca, pubblicata dalla Fondazione Feltrinelli, è stata condotta in collaborazione con la Fondazione Di Vittorio è stata realizzata da un gruppo di ricercatori presso gli stabilimenti Fca, Cnh, Marelli coinvolgendo le lavoratrici e i lavoratori dalla quale emerge la mancanza di contrattazione, ragione di fondo del nuovo corso inaugurato da Marchionne: ai lavoratori sulla linea è chiesto di pensare ma solo per gli obiettivi legati all’efficientamento e non al miglioramento della condizione di lavoro che diventa un punto critico.
Sarà presentata oggi a Milano alle ore 18 alla Società Umanitaria (via F. Daverio 7) seguita da un dibattito fra i coordinatori della ricerca Davide Bubbico dell’università di Salerno; Francesco Garibaldo (direttore della Fondazione Sabattini, la segretaria generale della Fiom Francesca Re David, il professor Giuseppe Berta e il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, coordinato dal giornalista Gad Lerner

* Fonte: Massimo Franchi, il manifesto



Related Articles

I paletti all’Italia: aiuti pronti solo con misure per la crescita

L’unico punto fermo del piano che non c’è, è che l’Italia dovrà  fare di più. Senza misure per rimettere l’economia in grado di camminare, non ci saranno aiuti dal fondo salvataggi e forse non ci sarà  proprio un accordo a Bruxelles sul presunto «bazooka» che dovrebbe salvare l’euro da se stesso.

Il gigante iberico è carico di debiti

E alla rete italiana servono investimenti I numeri dell’indebitamento di Telecom sono vertiginosi. Ma quelli della spagnola Telefonica, candidata a rafforzare il ruolo di partner industriale, lo sono ancora di più.

I “numerini” su occu­pa­zione e Pil

Istat. Giù la disoccupazione, migliora la crescita. Ma a trovare posto sono soprattutto i più anziani. I dati sugli inattivi mostrano che l’area del disagio è ancora vasta. Aumentano i precari più degli stabili

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment