Covid-19, i dubbi sul vaccino. Crisanti: «Ci sono solo dati relativi agli annunci delle aziende»

Covid-19, i dubbi sul vaccino. Crisanti: «Ci sono solo dati relativi agli annunci delle aziende»

Le aziende Pfizer e BioNtech hanno annunciato di aver presentato la richiesta di «autorizzazione per l’uso di emergenza» per il loro vaccino anti-Covid presso la Food and Drug Administration (Fda) statunitense. Le aziende hanno infatti concluso la somministrazione del vaccino su circa 43 mila volontari. Dei 170 casi di contagio registrati, solo 8 sono avvenuti tra i volontari che hanno ricevuto il vaccino mentre gli altri 162 hanno riguardato il gruppo di controllo che ha ricevuto un placebo. Dieci volontari hanno sviluppato sintomi “seri”, nove dei quali nel gruppo di controllo e solo uno tra i vaccinati. Sulla base di questi numeri, le aziende dichiarano un’efficacia pari al 95% pure nelle fasce più a rischio, visto che oltre il 40% dei partecipanti ha tra i 56 e gli 85 anni.

Con dati del genere è prevedibile che il vaccino Pfizer/BioNTech sia rapidamente autorizzato. I ricercatori però monitoreranno i volontari per altri due anni. L’obiettivo è determinare la durata dell’immunità e la sicurezza a lungo termine del vaccino. Finora, infatti, l’effetto del vaccino è stato valutato appena 7 giorni dopo la seconda dose. Le stesse aziende ammettono che «con il proseguimento degli studi, l’efficacia finale del vaccino potrebbe variare».

Meglio attendere la pubblicazione dei dati prima di cantare vittoria. Lo sottolinea anche il microbiologo Andrea Crisanti, accusato di strizzare l’occhio ai No Vax per aver dichiarato: «Oggi il vaccino non lo farei perché ci sono solo dati relativi agli annunci delle aziende». Crisanti però respinge l’accusa e parla di strumentalizzazione: «Quando la comunità scientifica l’avrà vagliato me lo faccio», ha precisato. «Sono uno dei firmatari-proponenti della vaccinazione antinfluenzale, come faccio a essere contrario a un vaccino? Io sto dicendo che per fare un vaccino, io personalmente, voglio che sia approvato e voglio vedere i dati». Difficile dargli torto, anche perché l’autorizzazione di emergenza è una procedura ad alto tasso di errore. Essa permette l’uso di un farmaco «potenzialmente efficace» contro minacce bioterroristiche o malattie infettive emergenti in assenza di alternative e richiede prove scientifiche meno stringenti rispetto all’autorizzazione vera e propria. Se i requisiti vengono meno, l’autorizzazione può essere revocata: durante l’emergenza Covid-19 è successo all’idrossiclorochina dopo che studi clinici più ampi ne hanno smentito l’efficacia.

* Fonte: Andrea Capocci, il manifesto

 

Image by Jeyaratnam Caniceus from Pixabay



Related Articles

A Modena l’albergo rifugio anti-Covid

In piena pandemia coronavirus a Modena un albergo ospita chi non ha un luogo per la quarantena

Finmeccanica, appalti sicurezza in procura il vicecapo della polizia

Caso Napoli, si aggrava la posizione del prefetto dell’Aquila

Giovanna Maria Iurato, sentita lunedì, potrebbe passare da teste a indagata

“Alzare l’accisa è pura follia con il prezzo della verde al top”

I consumatori: avevamo chiesto una detassazione, hanno fatto il contrario, 20 euro in più a testa che si aggiungono ai 300″ Il governo: “Un piccolo sacrificio che gli italiani saranno contenti di fare”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment