Afghanistan. I Talebani fanno strage, almeno 15 morti: «Welcome Biden»

Afghanistan. I Talebani fanno strage, almeno 15 morti: «Welcome Biden»

Pressati dall’amministrazione Biden, che chiede meno violenza e passi in avanti nel negoziato con il governo di Kabul, i Talebani attaccano le forze di sicurezza afghane.

All’alba di ieri un’autobomba ha colpito un avamposto delle unità di protezione civile – che rispondono ai servizi segreti della National Directorate of Security (NDS) – nel distretto di Shirzad, nella provincia orientale di Nangarhar, al confine con il Pakistan. Almeno 15 i morti. I servizi segreti hanno replicato indirettamente nel pomeriggio, annunciando l’arresto di «Haji Lala», presentato come il vice-governatore ombra dei Talebani per la provincia di Kabul. Ma gli studenti coranici smentiscono: l’uomo arrestato non è il nostro governatore-ombra.

I Talebani smentiscono anche la nuova amministrazione Biden, che ha ereditato da Trump un accordo bilaterale per il quale tutti i soldati americani – ora 2.500 – vanno ritirati entro la fine di aprile. Il Pentagono nei giorni scorsi ha provato ad alzare i toni, accusando i Talebani di non rispettare i patti, chiedendo loro di ridurre la violenza, rompere davvero con al-Qaeda e negoziare con i rappresentanti del «fronte repubblicano» di Kabul. I Talebani assicurano di rispettare i patti e alzano il tiro: se volete la pace, così il negoziatore Sher Mohammad Abbas Stanekzai da Mosca, deve dimettersi Ashraf Ghani. Il presidente che ha resistito per mesi alle pressioni dell’inviato di Trump, Zalmay Khalilzad (riconfermato da Biden), di dimettersi per dare vita a un governo a interim.

Quel Ghani che continua a presentarsi come il garante delle istituzioni della Repubblica islamica, pur essendo stato eletto tra accuse di frodi e brogli. Il suo vice, l’ex capo della Nds Amrullah Saleh, fiero oppositore dei Talebani scampato a diversi attentati, cerca di sfruttare gli attriti di assestamento tra Washington e i Talebani, usando toni duri: «sono e resteranno sempre terroristi», ha dichiarato in un’intervista. «Vogliono una dittatura clericale, non la pace. Non glielo lasceremo fare. Non venderemo la nostra terra».

Dal fronte governativo, arriva anche la notizia dell’istituzione di una commissione di inchiesta sui fatti dei giorni scorsi nella provincia di Maidan Wardak che hanno provocato la morte di almeno 9 persone e il ferimento di molte altre. Per alcuni osservatori, le forze di sicurezza hanno represso con violenza una manifestazione pacifica degli Hazara, minoranza sciita. Per Kabul, gli scontri sarebbero stati causati dagli uomini armati dell’«uomo-forte» della zona, il comandante Alipoor.

Minoranza già perseguitata in passato e ancora oggi vittima di discriminazioni, la comunità hazara è sempre più sotto pressione. Da una parte i Talebani che negoziano il ritorno al potere. Dall’altra lo Stato islamico, che vede negli sciiti un bersaglio privilegiato. La «provincia del Khorasan», branca locale dello Stato islamico, ha rivendicato l’attentato di ieri mattina a Kabul contro un veicolo che «trasportava sciiti e membri delle forze di sicurezza».

* Fonte: Giuliano Battiston, il manifesto



Related Articles

L’ottimismo di Tsi­pras alla prova dei creditori

Debito greco. L’accordo definitivo è lontano. Spunta l’ipotesi – bocciata più volte da Varoufakis – di un nuovo prestito per pagare i debiti. I parlamentari di Syriza critici con il governo: alla Ue fatte concessioni dolorose ma inutili

Nel cuore veloce d’America

Da un secolo la 500 Miglia sintetizza sentimento nazionale e passione sportiva. Siamo andati a vedere questo circuito perfetto. Specchio del Paese Niente vie di fuga, niente frenate, un muro tutt’attorno Regole crudeli, c’è poco da fare Non mancano gli incidenti. La corsa ricomincia varie volte: scosse di adrenalina per tutti Nel 1911 duecento giri sembrarono una bella misura È così che nacque la 500 Miglia, l’evento statunitense che cade nell’ultimo weekend di maggio, alla vigilia del Memorial Day. E che, a modo suo, magnetizza un’alta marea di sentimenti e la convoglia intorno all’intensità  di un fatto sportivo. Un frastuono indimenticabile e partenza. Tutti schiacciati uno addosso all’altro. O la va o la spacca L’urlo agonizzante di un’auto sparata su un rettilineo ti entra dentro come un mantra 

Lo sciopero della fame non schiude le carceri

Thaer Halahla e Bilal Diab giovedì erano un aula, davanti ai tre giudici della Corte Suprema di Israele chiamati ad esaminare l’appello per la loro scarcerazione immediata presentato da Jawad Boulos, l’avvocato dei due palestinesi in «detenzione amministrativa» (senza processo).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment