Migranti. Almeno 39 naufraghi e 4 bambini morti al largo della Tunisia

Migranti. Almeno 39 naufraghi e 4 bambini morti al largo della Tunisia

È ormai sera quando il ministero della Difesa tunisino aggiorna il bollettino dell’ultimo doppio naufragio avvenuto in giornata e il bilancio è pesante: 39 migranti morti, tra i quali almeno quattro bambini. E non è finita, perché le ricerche di altri possibili dispersi continuano. «Cerchiamo ancora sopravvissuti e cadaveri», afferma un portavoce della Guardia nazionale tunisina, Houcem Eddine Jebabli.

Al mattino, quando si sono avute le prime notizie sulla tragedia si parlava di 14 vittime, 14 corpi recuperati al largo delle isole Kerkennah. A far pensare che non era finita è stato il numero dei sopravvissuti: inizialmente 139, saliti poi con il passare delle ore a 165, segno che i due barconi, partiti nella notte tra lunedì e martedì dalle coste delle città di Sfax, uno dei principali punti di imbarco dalla Tunisia verso l’Europa, erano stracarichi di migranti, tutti provenienti da Paesi sub sahariani.

A causare il naufragio potrebbe essere stato il cattivo stato delle imbarcazioni, rese ancora più instabili dal fatto di essere sovraccariche. Ma non sono solo i migranti sub sahariani a partire dalla Tunisia. Da molto tempo ormai sono infatti anche i giovani tunisini a tentare di raggiungere l’Europa spinti dagli effetti che la pandemia ha sull’economia e dalla crisi politica e sociale che il Paese sta attraversando da mesi.

Fattori destinati a durare, tanto da far pensare che con l’arrivo della bella stagione, quando le condizioni di mare renderanno più sicura la traversata, il numero delle partenze sia destinato ad aumentare notevolmente. Proprio la crisi politica tunisina, e quindi l’assenza di un interlocutore affidabile, ha fatto slittare il viaggio che la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese aveva programmato da tempo per trovare con le autorità di qual Paese un accordo per arginare le partenze dei barconi.

Tra i migranti arrivati nel 2012, i tunisini rappresentano la nazionalità più numerosa, 754 su un totale di 5.508 persone sbarcate, mentre sempre l’anno passato ne sono stati rimpatriati 1.800 su complessivi 3.400 rimpatri effettuati. Tunisi ha accettato di accelerare le procedure per i rimpatri e a consentire rimpatri aggiuntivi agli 80 settimanali effettuati fino a oggi.

* Fonte: Carlo Lania, il manifesto



Related Articles

Monaco tibetano si dà  fuoco e muore è il 15mo che si immola in dieci mesi

Monaco tibetano si dà  fuoco e muore è il 15mo che si immola in dieci mesi India, una veglia in memoria di quanti si sono immolati in Tibet  (afp)

Nyage Sonamdrugyu, 40 anni, era considerato un “lama” (reincarnato) dai fedeli. Da marzo dello scorso anno sono nove i religiosi che si sono tolti la vita dandosi fuoco

Francia e Turchia, oltre la questione del genocidio armeno

Genocidio armeno

La Giornata della memoria non può farci riflettere sugli altri genocidi novecenteschi, alcuni riconosciuti ampiamente dalla comunità  internazionale, altri ancora al centro di dispute al cardiopalma che da un lato solleticano mai cancellati istinti nazionalistici e dall’altro che manifestano una incapacità  generale della politica e della cultura dei popoli di incontrarsi almeno sulla tragedia. È il caso del Medz Yeghern, “il grande male”, ossia il genocidio degli armeni perpetrato da un agonizzante impero ottomano (il movimento dei “Giovani turchi” aveva appena affiancato il sultano) tra il 1915 e il 1916 e mai riconosciuto dallo Stato di Kemal Ataturk.

Abusi sessuali, Tdh: “Italia ratifichi Convenzione del Consiglio d’Europa”

Ieri l’entrata in vigore per chi ha ratificato il documento, “importante strumento per la protezione dei bambini”. Salinari: “Essenziale che il nostro paese non aspetti sei anni come è stato per quella di Palermo contro il crimine trasnazionale”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment