Summit Usa-Cina contro il climate change, pochi i passi avanti

Summit Usa-Cina contro il climate change, pochi i passi avanti

Non si può dire che l’incontro in Alaska sia stato di quelli memorabili: non è stato fatto nessun passo avanti importante e anzi sarà ricordato per le bordate tra le due delegazioni nel primo giorno di discussione.

È pur vero però che riempire la voragine creata dai quattro anni trumpiani non era facile, né forse sarà mai possibile. In conclusione, l’opinione pubblica internazionale potrà prendere per buono l’impegno di entrambi i paesi a cooperare contro il cambiamento climatico; un passo avanti, perché fino a poco fa gli Usa erano nelle mani di un negazionista, ma poco rispetto a tutto quanto divide i due paesi. Il summit serviva più a fare annusare la nuova amministrazione americana all’ormai consolidato e puntellato potere di Xi.

Proprio Xi quando era arrivato al vertice del potere cinese aveva ripetuto in modo ossessivo che Usa e Cina dovevano entrare in una «relazione tra grandi potenze», che tradotto significava già allora – era il 2013 – che la Cina non avrebbe più nascosto la propria volontà di avere un peso nelle relazioni internazionali.

Piano piano Pechino con il progetto della Nuova via della seta ha intessuto relazioni anche in quelle aree del mondo considerate di pertinenza americana e prima ha creato propri organismi alternativi a quelli occidentali )dove gli Usa hanno sempre ostruito un suo maggior protagonismo), prima di allargarsi a fronte dell’arretramento americano (vedi Organizzazione mondiale della sanità e Nazioni Unite).

Non sorprende dunque che la Cina abbia esplicitato agli Usa che l’idea di democrazia come la intendono gli americani non è universale e che nel mondo non si dice ovunque un gran bene di come gli americani abbiano tentato di «esportarla». Sotto lo scontro dialettico però rimane il non detto, ovvero la corsa al primato tecnologico, che misurerà la sfida nei prossimi anni.

* Fonte: Simone Pieranni, il manifesto



Related Articles

100 mila fuochi di protesta

Biocidio La manifestazione partenopea è un «fiume in piena», come volevano gli organizzatori. Sfila anche il sindaco De Magistris, «comune cittadino»

La pioggia battente non spegne la rabbia dei cittadini contro l’inquinamento ambientale. Allontanato il gonfalone del Comune Decine di migliaia di persone in corteo. Dalle mamme vulcaniche ai lavoratori di Pomigliano

Infrastrutture, l’Anas si riprende 6mila chilometri di strade dagli enti locali

Stop al «Federalismo stradale». Gli assi ceduti a regioni e province tornano sotto il controllo pubblico

Cani e gatti uccisi dai fuochi, ecco l’altra strage record in Campania: protestano verdi e animalisti

ROMA – «Molti cani e gatti sono morti in modo orribile, investiti da fuochi, dalle macchine in corsa e addirittura con bengala o petardi legati alle code». Anche tra gli animali si contano i morti e i feriti.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment