I lavoratori ex Embraco beffati dal curatore: niente cassa integrazione, 400 licenziamenti

I lavoratori ex Embraco beffati dal curatore: niente cassa integrazione, 400 licenziamenti

Beffati in extremis i 400 lavoratori ex Embraco di Riva di Chieri (Torino). Con un’incredibile decisione il curatore fallimentare ha rifiutato la cassa integrazione Covid, nonostante quanto sostenuto dai tecnici del ministero del Lavoro al tavolo convocato venerdì scorso dal Mise.

E così restano confermati, quindi, i licenziamenti dei 400 lavoratori ex Embraco, per i quali l’inizio della procedura era fissato per ieri: la procedura di licenziamento collettivo si chiude con un mancato accordo e questo significa che a breve partiranno le lettere per i licenziamenti.

Dura la reazione di Fim, Fiom e Uilm. L’assessora piemontese al Lavoro, Elena Chiorino, ha intanto annunciato un emendamento proposto dalla giunta regionale al decreto Sostegni che consenta di creare una cig apposita per i lavoratori Embraco. «Ci attiveremo da subito per avere gli strumenti normativi per la proroga della cigs – annuncia la Fiom – . C’è bisogno del tempo per verificare il piano Italcomp – la fusione con la Acc di Belluno- non è accettabile avere 400 persone in mezzo alla strada , dopo tutti i sacrifici di questi anni. Chiamiamo tutti i soggetti, per primo il governo alle proprie responsabilità».

* Fonte: il manifesto



Related Articles

È la disoc­cu­pa­zione, bellezza

Istat. I dati sul lavoro a giugno: 22mila disoccupati in più, la stagnazione continua. Poletti si giustifica: «I numeri fluttuano perché siamo all’inizio della ripresa». Vediamo come stanno, davvero, le cose

La carica delle 300 start up per gli sgravi

 In Piemonte, Lombardia e Veneto il top delle richieste Sono oltre 300 le start up che in poche settimane si sono iscritte alle Camere di commercio per accedere ai benefici della nuova legge. Sono poche? Abbastanza? Difficile dirlo.

“Nessun aumento agli operai Fiom”. Federmeccanica minaccia di tornare in toto al contratto del 2008

Nessun aumento salariale per gli operai Fiom, ma solo per quelli iscritti alla Fim e alla Uilm. Lo scontro tra metalmeccanici Cgil e industriali di Federmeccanica raggiunge un nuovo, più aspro livello conflittuale.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment