I lavoratori ex Embraco beffati dal curatore: niente cassa integrazione, 400 licenziamenti

I lavoratori ex Embraco beffati dal curatore: niente cassa integrazione, 400 licenziamenti

Beffati in extremis i 400 lavoratori ex Embraco di Riva di Chieri (Torino). Con un’incredibile decisione il curatore fallimentare ha rifiutato la cassa integrazione Covid, nonostante quanto sostenuto dai tecnici del ministero del Lavoro al tavolo convocato venerdì scorso dal Mise.

E così restano confermati, quindi, i licenziamenti dei 400 lavoratori ex Embraco, per i quali l’inizio della procedura era fissato per ieri: la procedura di licenziamento collettivo si chiude con un mancato accordo e questo significa che a breve partiranno le lettere per i licenziamenti.

Dura la reazione di Fim, Fiom e Uilm. L’assessora piemontese al Lavoro, Elena Chiorino, ha intanto annunciato un emendamento proposto dalla giunta regionale al decreto Sostegni che consenta di creare una cig apposita per i lavoratori Embraco. «Ci attiveremo da subito per avere gli strumenti normativi per la proroga della cigs – annuncia la Fiom – . C’è bisogno del tempo per verificare il piano Italcomp – la fusione con la Acc di Belluno- non è accettabile avere 400 persone in mezzo alla strada , dopo tutti i sacrifici di questi anni. Chiamiamo tutti i soggetti, per primo il governo alle proprie responsabilità».

* Fonte: il manifesto



Related Articles

Wind, rischio Opa per i compratori russi

Moody’s declassa Orascom per la semestrale negativa. Veto dell’Algeria

Il titolo VimpelCom risale a Wall Street. No di alcuni Paesi africani alla vendita  

Crescita, sviluppo, salari, piena occupazione. La Cgil ha un piano

Con il nuovo anno sono emersi tutti i problemi dell’Italia, che da troppo tempo erano stati nascosti come polvere sotto il tappeto. Solo pochi e inascoltati economisti avevano lanciato l’allarme sullo stato di salute del Paese, mentre ma la maggior parte degli opinion makers continuava a denunciare la pressione fiscale, il debito pubblico, lo spread e l’incidenza del costo del lavoro, come se la domanda di lavoro potesse crescere in ragione della riduzione del salario.

Bankitalia e Corte dei conti avvertono “Manovra recessiva, troppe tasse”

 “Tagli alle spese”. Grilli: neanche l’Fmi ci chiede correzioni  I conti pubblici    

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment