La polizia di Chicago uccide un tredicenne latinoamericano

La polizia di Chicago uccide un tredicenne latinoamericano

NEW YORK. Mentre a Minneapolis il processo a Derek Chauvin, l’ex poliziotto responsabile della morte di George Floyd, entra nella seconda settimana, si è scoperto che a Chicago il 29 marzo scorso, Adam Toledo, un ragazzo di 13 anni di origine latino-americana è stato ucciso dalla polizia. Secondo gli agenti si sarebbe trattato di un conflitto a fuoco, ma né il Civilian Office of Police Accountability, né la polizia stessa hanno chiarito se anche Toledo avesse un’arma da fuoco o meno.

Secondo il racconto degli agenti, il loro intervento sarebbe avvenuto alle 2,30 del mattino dopo una telefonata che segnalava una sparatoria; sul posto hanno arrestato un ragazzo di 21 anni, mentre Toledo tentava la fuga, prima di essere raggiunto dai colpi sparati da uno degli agenti. La notizia è stata diffusa solo dopo una settimana, dopo che gli investigatori hanno dichiarato di voler rilasciare il video della sparatoria (non a breve, hanno spiegato, mentre il poliziotto che avrebbe sparato a Toledo è stato temporaneamente sollevato dal servizio). Fra le cose che si rimproverano alla polizia è non aver reso noto, almeno inizialmente, l’età di Adam Toledo, rivelata solo tre giorni dopo.

A Minneapolis intanto prosegue il processo a Chauvin. Ieri il suo ex capo, Medaria Arradondo, ha testimoniato contro l’agente. Arradondo, che mentre scriviamo ha appena ripreso la sua testimonianza dopo una pausa, ha parlato a lungo dell’importanza della formazione, della riduzione dell’escalation e del rispetto dei cittadini, poiché i pubblici ministeri hanno cercato di dimostrare che Chauvin non ha seguito la politica di non aggressione del dipartimento guidato da Arradondo. L’anno scorso era stato proprio Arradondo a licenziare Chauvin e gli altri tre agenti coinvolti nella morte di Floyd, che il capo della polizia aveva definito come «un omicidio».

* Fonte: Marina Catucci, il manifesto



Related Articles

Iran proibito commemorare le vittime della repressione

Per arginare i raduni funebri il regime oscura internet e manda i militari delle strade. Il dato di 1500 persone uccise durante le proteste forse diffuso per terrorizzare i manifestanti

La piccola Reem “Cara Frau Merkel ecco la mia storia di fughe e ospedali”

Il racconto. Le lacrime della rifugiata palestinese hanno fatto il giro del mondo. Alle sue spalle i campi libanesi, gravi problemi di salute e l’odissea tra le richieste d’asilo. E alla cancelliera dice: “Sei stata sincera”

Anche in Russia in piazza contro il genocidio dei rohingya

Da Mosca alla Cecenia la rabbia dei musulmani per le persecuzioni buddiste ai danni della minoranza islamica in fuga dal Myanmar

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment