Pandemia. C’è chi muore e chi incassa profitti

Pandemia. C’è chi muore e chi incassa profitti

Mentre l’Ue sarebbe in procinto di avviare la causa legale contro AstraZeneca per il mancato rispetto delle disposizioni contrattuali che avrebbero vincolato l’azienda a consegnare 120 milioni di dosi (a fronte dei 30 milioni forniti) entro il primo trimestre, Oxfam ed Emergency fanno i conti con Big pharma (Pfizer, Johnson & Johnson e AstraZeneca) che, nonostante gli ingenti finanziamenti pubblici ricevuti per la produzione dei vaccini Covid, nell’ultimo anno hanno corrisposto ai propri azionisti 26 miliardi di dollari tra dividendi e riacquisto delle proprie azioni.

«Una cifra sufficiente a vaccinare 1,3 miliardi di persone, vale a dire l’intera popolazione in Africa», scrivono le due ong, che fanno parte della People’s Vaccine Alliance, in occasione delle assemblee degli azionisti dei 3 colossi farmaceutici. Per capire meglio: il fondatore di BioNTech, Ugur Sahin, ora detiene un patrimonio di 5,9 miliardi di dollari, mentre l’amministratore delegato di Moderna Stephane Bancel vale 5,2 miliardi e ha già incassato, dall’inizio della pandemia, oltre 142 milioni di dollari dalla vendita di parte delle azioni possedute.

Le aziende che possono produrre i vaccini Covid restano una manciata in tutto il mondo, spiegano le ong, ad oggi nei paesi ricchi in media 1 persona su 4 è stata vaccinata, mentre nei paesi poveri appena 1 su 500.

* Fonte: il manifesto



Related Articles

Chiusura Opg, un segno di civiltà 

Stop Opg

Secondo le stime della campagna stopOpg, che si batte da anni per la chiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari, nei 7 Opg italiani sono internati, al 14 aprile 2011, 1419 cittadini (1323 uomini e 96 donne), ristretti in ossequio di vari articoli del codice penale, a cominciare dal 222. Il 26 gennaio l’aula del Senato, in sede di approvazione del decreto 3074 detto “Svuota carceri” ha approvato un emendamento secondo cui gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari “le cui condizioni offendono la coscienza civile del Paese”, chiuderanno entro il 31/3/2013.

Prima un muro ora una trincea:in Veneto la non integrazione fa notizia

Prima il muro di via Anelli a Padova, adesso la trincea di Schio. Regione sotto i riflettori. Provvedimenti drastici che,

Addio ticket, via alla franchigia tutti pagheranno in base al reddito

Il ministro della Salute: ciascuno verserebbe di tasca propria fino a un certo livello, poi si carica sullo Stato Verrà  data a tutti una smart card che rivela in ogni momento quanto si è pagato fino a quel momento 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment