Pandemia. I senatori liberal a Biden: sosteniamo l’appello di India e Sudafrica

Pandemia. I senatori liberal a Biden: sosteniamo l’appello di India e Sudafrica

Dieci senatori liberal hanno sollecitato il presidente Joe Biden affinché sostenga, con l’Organizzazione mondiale del commercio, l’appello dell’India e del Sudafrica di allentare almeno temporaneamente le norme sulla proprietà intellettuale, in modo che i vaccini contro il Coronavirus possano essere fabbricati localmente dalle nazioni che lottano contro la pandemia.

In una lettera consegnata alla Casa Bianca, i senatori hanno scritto che Biden dovrebbe «dare la priorità alle persone rispetto ai profitti delle aziende farmaceutiche» e sostenere la rinuncia temporanea alle regole. La lettera è stata un’idea dal senatore socialista Bernie Sanders insieme alla senatrice democratica Elizabeth Warren e abbracciata da senatori delle aree più progressiste del Paese, incluso il neo eletto Raphael Warnock, senatore della Georgia. «Consentire ai Paesi di produrre il vaccino localmente accelererà l’accesso ai vaccini e alle cure, preverrà morti inutili, accelererà gli sforzi di vaccinazione globale e faciliterà una ripresa economica più forte e più rapida – hanno scritto i senatori – In poche parole, dobbiamo rendere i vaccini, i test e le cure accessibili ovunque se vogliamo distruggere il virus ovunque».

La lettera arriva a ridosso della riunione dell’Omc del 5 e 6 maggio, durante la quale ci si aspetta che i Paesi membri prendano in considerazione la rinuncia al brevetto e altre proposte volte ad affrontare le enormi iniquità dell’accessi ai vaccini. L’appello dei senatori a Biden, è arrivato dopo quella simile firmata da un gruppo di 170 ex leader mondiali e premi Nobel, mentre sono più di 100 le nazioni che sostengono una rinuncia temporanea ai diritti di proprietà intellettuale che potrebbe aiutare i Paesi più poveri a fare crescere la produzione di vaccini, e se a questi si unissero anche gli Stati Uniti sarebbe un grosso aiuto in quella direzione.

Al momento non vi sono state risposte ufficiali da parte dell’amministrazione Biden che si è limitata a dire di stare studiando la questione. Ad opporsi alla proposta sono chiaramente le aziende farmaceutiche, preoccupate che possa costituire un pericoloso precedente, consentire agli scienziati di tutto il mondo di copiare la ricerca delle aziende americane ed europee, alcune delle quali finanziate proprio dal governo degli Stati Uniti, molto prima della scadenza dei brevetti.

Nel comunicato stampa che annunciava la lettera dei senatori, l’ufficio di Sanders ha indicato un sondaggio di Data for Progress in cui si mostra che il 60% degli elettori statunitensi, il 72% dei democratici, il 57% degli indipendenti e il 50% dei repubblicani, desidera che Biden sostenga la rinuncia temporanea al brevetto. «La tua amministrazione ha l’opportunità di invertire il danno arrecato dall’amministrazione Trump alla reputazione globale della nostra nazione e ripristinare la leadership della sanità pubblica americana sulla scena mondiale – hanno scritto i senatori – Per portare la pandemia alla sua fine più rapida e salvare le vite degli americani e delle persone in tutto il mondo, chiediamo di dare la priorità alle persone rispetto ai profitti delle società farmaceutiche invertendo la posizione di Trump, e annunciando il sostegno degli Stati Uniti».

* Fonte: Marina Catucci, il manifesto



Related Articles

Al liceo Virgilio la protesta degli studenti contro il proibizionismo

Roma. Interrogazione parlamentare di Sinistra Italiana sull’irruzione dei carabinieri e l’arresto di uno studente per spaccio di una canna. E spunta un corso anti-droga organizzato da una fondazione di Scientology

Intercettazioni, è duello sui tempi Alfano: si approvi prima delle vacanze

Fini: l’estate finisce il 21 settembre. Udienza-filtro in 45 giorni  La legge    La soluzione sulla pubblicazione degli atti non piace ai ai magistrati- Il Pd fa ostruzionismo  

Colombia. Dopo la strage i reclusi protestano via Whatsapp: «Abbiamo diritto a una vita degna»

Le richieste dei detenuti dopo la strage del 21 marzo. Nelle 132 prigioni del paese 120mila prigionieri in spazi pensati per 80mila. E quelli politici iniziano a sparire

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment