Stati Uniti. Oltre 20mila bimbi migranti nei Centri di detenzione

Stati Uniti. Oltre 20mila bimbi migranti nei Centri di detenzione

Più di 20mila minori migranti non accompagnati sono ora in custodia negli Stati uniti, mentre l’amministrazione Biden cerca di alleviare il sovraffollamento nelle strutture di protezione delle frontiere aumentando la capacità dei letti e riducendo il tempo necessario per rilasciare i minori affidandoli agli sponsor, parenti o assistenti sociali, che vivono negli Usa.

Da queste mosse è derivato un piccolo miglioramento, ma un numero record di bambini sta ancora attraversando il confine: ne sono stati contati 747 durante la sola giornata di martedì.

Nel totale sono ancora 4.228 i minori sotto la custodia del Customs and Border Protection, agenzia generalmente non preparata a prendersi cura dei bambini per periodi prolungati, mentre 16.045 i bambini sono sotto la custodia del Dipartimento della salute e dei servizi umani.

Si sono ridotti i numeri dei bambini che non riescono a essere riuniti alle famiglie, ma restano comunque alti: 445 bambini migranti separati dalle famiglie a causa delle politiche dell’amministrazione Trump tra il 2017 e il 2018 non sono stati ancora individuati.

Il governo in quel periodo aveva dichiarato la separazione di almeno 2.800 bambini dai loro genitori. In seguito si è scoperto che almeno altri 1.712 bambini erano stati separati dalle loro famiglie, anche prima che la politica di Trump entrasse ufficialmente in vigore.

* Fonte: Marina Catucci, il manifesto



Related Articles

“Non siamo tema di serie B, è ora di chiedere alla politica il 50% della rappresentanza”

MILANO – Per l’occasione, ha messo un tailleur, le scarpe tacco cinque, come al solito. Anche se al solito sono nascoste dai pantaloni. Susanna Camusso, 55 anni, madre di una figlia di 22, archeologa mancata e primo segretario generale del più grande sindacato italiano, esce radiosa dall’incontro con il capo dello Stato. «Ho sentito parole che mi hanno aperto il cuore: dignità , ma anche lavoro, autonomia, libertà , protagonismo».

«Criminali di guerra i killer di Hula»

Intervista a Jody Williams. Nobel per la pace 1997, presidente del Nobel Women’s Iniziative, americana, è tra i 50 firmatari di un appello sulla repressione in Siria. «Non c’è una via militare alla democrazia. Russia e Cina tolgano la licenza di uccidere al regime»

Sharia e lapidazione per gli adulteri Rivolta contro il sultano del Brunei

Brunei. Appelli a boicottare gli hotel a 5 stelle del sultano dopo la svolta islamica

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment