Global Health Summit. Xi Jinping: «Vaccini bene comune»

Global Health Summit. Xi Jinping: «Vaccini bene comune»

Il Global Health Summit che parte oggi a Roma, a villa Pamphilj, ha trovato grande riscontro in Cina: è infatti annunciata la partecipazione virtuale del presidente Xi Jinping, all’interno di un evento che sarà aperto dal presidente del Consiglio Mario Draghi e dalla presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen.

IL SUMMIT VEDRÀ la partecipazione di leader mondiali e personaggi pubblici (anche Bill Gates e Jennifer Lopez, a quanto pare, mentre sarà assente il presidente russo Vladimir Putin) e ci si aspetta una «dichiarazione di Roma» che, secondo diversi rumors trapelati nei giorni precedenti, non dovrebbe produrre grandi cambiamenti nelle politiche relative ai vaccini, uno degli argomenti di cui si è invece occupato il variegato mondo dell’associazionismo, dei movimenti e delle ong che chiedono a gran voce di rendere effettiva una moratoria, affinché più persone possibili possano essere curate.

A questo proposito ieri Amnesty ha rilasciato un comunicato nel quale ricorda come – secondo gli attuali piani di distribuzione dei vaccini – «i paesi meno sviluppati non riceveranno dosi sufficienti per ottenere una copertura diffusa almeno fino al 2023 e milioni di persone continueranno a morire senza i farmaci e le cure di cui hanno bisogno».

LA SOLUZIONE CI SAREBBE, come dimostrato anche dal voto dell’Europarlamento di ieri: «se le aziende farmaceutiche adempissero alle loro responsabilità in materia di diritti umani e smettessero di fare pressioni contro gli sforzi volti ad ampliare l’accesso e iniziassero a condividere le loro conoscenze e tecnologie, potrebbero essere prodotti più vaccini a un prezzo più equo». Purtroppo, però, le dichiarazioni della vigilia indicano invece una volontà a produrre una dichiarazione di principi, volta a migliorare le risposte nel caso di future pandemie, o nel caso che quella del Covid diventi un’epidemia capace di modificarsi, di riattaccare e di essere di volta in volta gestita. Anche per questi motivi la presenza del presidente cinese assume però un rilievo.

A CONFERMA di questa probabile dichiarazione solo di principio, ci sono le parole di ieri della la commissaria europea alla Salute, Stella Kyriakides, secondo la quale oggi «i leader mondiali si riuniranno per discutere la sicurezza sanitaria globale e la cooperazione globale per combattere non solo la pandemia di Covid 19, ma qualsiasi pandemia futura. Un aumento globale della produzione di vaccini sarà la chiave di questa lotta, e noi stiamo giocando un ruolo di primo piano. Abbiamo esportato oltre 200 milioni di dosi, quasi quante ne abbiamo consegnate all’interno dell’Ue».

DI SICURO L’INTENTO di Pechino sarà da un lato quello di ribadire la propria politica di contenimento del virus e quindi presentarsi, come accade da oltre un anno, come modello che ha dimostrato di poter funzionare; dall’altro Xi Jinping dovrebbe ribadire l’intenzione cinese a favore della moratoria sui vaccini. A questo proposito in settimana la Cina ha confermato questa posizione, benché non troppo sbandierata e non è detto che possa essere il cuore del discorso di Xi. Sul tema nei giorni scorsi è intervenuto il portavoce del ministero degli esteri Zhao Lijian, secondo il quale «La Cina comprende e sostiene la richiesta del mondo in via di sviluppo di una rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale sui vaccini contro il covid-19», perché in linea con l’idea che i vaccini siano «un bene pubblico e parte integrante degli sforzi per costruire una comunità globale di salute per tutti».

Da quanto trapelato dai media nazionali cinesi, si è anche sottolineata la convergenza con gli Usa e contro l’Ue, che proprio ieri con un voto del parlamento ha «congelato» l’accordo di libero scambio con Pechino.

* Fonte: Simone Pieranni, il manifesto



Related Articles

Nella gabbia del lavoro gratuito

L’uso sempre più diffuso e intensivo del lavoro gratuito in settori chiave dell’economia mette in evidenza la necessità di ripensare l’insieme dei diritti per tutelare l’insieme della forza-lavoro, senza che questo coincida con la cancellazione di quelli acquisiti. Dalla riduzione delle norme contrattuali degli «atipici» all’introduzione del salario minimo e del reddito di cittadinanza

Edoardo Patriarca è il nuovo presidente del Cnv

Centro nazionale per il volontariato: Patriarca ha ricevuto l’investitura con 28 voti a favore e tre astenuti nella riunione del comitato che si è svolta ieri mattina nella sede di Lucca

“Salviamo l’asilo perfetto” la gara di Reggio Emilia per restare in cima al mondo

Pochi fondi, via all’azionariato popolare. Appello a mamme, nonni ed ex alunni.  Nidi e materne sono un esempio imitato in tutto il pianeta, dagli Stati Uniti alla Cina 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment