Arabia Saudita. Condannato a morte per aver protestato a 17 anni

Arabia Saudita. Condannato a morte per aver protestato a 17 anni

Nonostante imbarazzanti promozioni, l’Arabia saudita continua a non essere luogo di rinascimento. Martedì il ministero degli interni di Riyadh ha annunciato l’avvenuta esecuzione della condanna a morte comminata a Mustafa Darwish. Un giovane sciita (minoranza marginalizzata e repressa nel regno sunnita), sorride nelle foto che la famiglia ha messo a disposizione della stampa nel 2015.

Perché Mustafa – tranne per un brevissimo periodo – era in carcere da allora, per presunti crimini commessi all’età di 17 anni. L’accusa: aver partecipato alle proteste nella provincia orientale della petromonarchia, in corso da decenni e poi riprese con più forza tra il 2017 e il 2019, con il loro carico di durissima repressione, arresti, condanne a morte e la distruzione di interi quartieri.

Il giovane era stato arrestato nel maggio 2015 e in quell’occasione il suo telefono era stato confiscato dalla polizia. Poco dopo era stato di nuovo arrestato con l’accusa di avere foto delle proteste dell’anno precedente sul suo cellulare.

La famiglia di Darwish non aveva ricevuto alcuna notifica dell’esecuzione, ha saputo della sua morte dalla rete. Pochi giorni fa il tribunale aveva confermato la pena capitale, nonostante le proteste delle organizzazioni per i diritti umani: all’epoca dei fatti Darwish era minorenne e il processo subito, dopo un lungo periodo di detenzione preventiva, è stato giudicato una farsa dall’associazione britannica Reprieve.

«È stato messo in isolamento, picchiato così tanto da perdere conoscenza molte volte. Per far smettere le torture, ha confessato le accuse contro di lui», aggiunge Reprieve. Confessione che in tribunale ha detto essergli stata estorta.

Ora l’attenzione si concentra su altri prigionieri nelle stesse condizioni. Come Abdullah al-Howaiti, arrestato all’età di 14 anni e condannato a morte a 17.

Non è la prima volta che l’Arabia saudita condanna a morte minorenni: nell’aprile 2019 era accaduto ad altri sei ragazzi, nonostante re Salman lo scorso aprile con un decreto reale (mai pubblicato in gazzetta ufficiale) abbia abolito la pena capitale per i minorenni. Gioco di magia: li condannano per crimini veri o presunti commessi da adolescenti, li uccidono dopo i 18 anni.

Nel 2019 in Arabia saudita sono stati giustiziati 184 prigionieri, 27 nel 2020. Nel 2021 sono già 26 le pene capitali eseguite.

* Fonte: Chiara Cruciati, il manifesto



Related Articles

Rimpatri, quasi dieci milioni di euro per meno di 4000 rientri

I risultati dell’annualità  2008 del fondo europeo quinquennale per ritorni volontari e forzati. Ecco come vengono organizzati i voli charter: scorte fino a 70 agenti per 30 immigrati a causa delle ”intemperanze” dei rimpatriati

Il nuovo millennio dei muri

XXI° secolo. Nel 1989 nel mondo erano circa 15, ora il numero è più che triplicato

Ucciso perché si rifiuta di tornare nei centri di detenzione in Libia

Mediterraneo. Vittima un giovane sudanese intercettato dalla Guardia costiera libica con altri 103 migranti. L’Oim. «Tragedia annunciata»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment