Europa. 100 miliardi buttati: la Politica Agricola Comune surriscalda il clima

Europa. 100 miliardi buttati: la Politica Agricola Comune surriscalda il clima

I cento miliardi destinati dalla Pac (Politica Agricola Comune) per mitigare i cambiamenti climatici non hanno sortito alcun effetto: dal 2010, le emissioni di gas climalteranti legate all’agricoltura non sono diminuite, come invece è successo in altri settori dell’economia. A denunciare il fallimento della Pac sul clima è una relazione speciale della Corte dei Conti europea, l’organo che verifica come la Commissione spende i nostri soldi.

Nelle more dell’approvazione definitiva del prossimo budget Pac 2021-27, in una fase di stallo nel negoziato tra Commissione, Parlamento e Consiglio, questa bacchettata sembra provvidenziale a chi sta a cuore una Pac più rispettosa dell’ambiente. La trattativa si è arenata perché il Consiglio (leggi gli Stati membri) vuole mani libere su come spendere i fondi di un piano che considera troppo «verde», mentre per il mondo ambientalista è già disallineato anche rispetto al Green Deal europeo.

Dalla Corte dei Conti del Lussemburgo il segnale è chiaro: c’è ben poco di «verde» nella gestione del piano settennale appena concluso e raramente la Pac ha finanziato misure con un alto potenziale di mitigazione del clima. Dunque, il principio «chi inquina paga» non viene applicato in Ue alle emissioni di gas serra del settore agricolo, precisa la relazione.

«La nuova Pac deve concentrarsi di più sulla riduzione delle emissioni prodotte dall’agricoltura, deve essere più trasparente e rendere meglio conto del contributo fornito alla mitigazione dei cambiamenti climatici – ha dichiarato Viorel Stefan, il membro della Corte dei Conti che ha elaborato la relazione – L’Ue svolge un ruolo fondamentale nella mitigazione dei cambiamenti climatici del settore agricolo, dal momento che elabora la normativa in materia ambientale e co-finanzia la maggior parte della spesa agricola degli Stati membri. Le nostre constatazioni dovrebbero essere utili per raggiungere l’obiettivo Ue delle neutralità climatica entro il 2050».

I 103,2 miliardi spesi tra il 2014 e il 2020 per il clima rappresentano il 26% del budget totale Pac e il 50% della spesa Ue in azioni per il clima. Ai pagamenti diretti sono andati 45,5 miliardi, mentre i restanti 57,7 miliardi sono stati spesi in misure per lo sviluppo rurale. Oggi la Corte ci dice che a poco o nulla sono serviti o che sono finiti nelle tasche sbagliate. Le emissioni che alterano il clima riconducibili all’agricoltura sono il 10,3% del totale delle emissioni misurate nell’Ue: di queste, il 70% provengono dal settore degli allevamenti di animali. «Tuttavia – puntualizza la relazione – la Pac non cerca di limitare il numero degli animali allevati né fornisce incentivi per diminuirli. Le misure di mercato della Pac piuttosto promuovono i prodotti animali, il cui consumo non è calato dal 2014».

Inoltre, la Pac finanzia pratiche non rispettose dell’ambiente, sovvenzionando, ad esempio, gli agricoltori che coltivano le torbiere drenate, che rappresentano meno del 2 % delle superfici agricole dell’Ue, soprattutto nel Nord Europa, ma rilasciano il 20 % delle emissioni di gas a effetto serra dell’agricoltura Ue. I fondi per lo sviluppo rurale avrebbero potuto essere utilizzati per il ripristino di queste torbiere, ma ciò è avvenuto di rado. Inoltre, il sostegno a misure per il sequestro del carbonio, quali l’imboschimento, i sistemi agroforestali e la conversione di seminativi in prato, non è aumentato rispetto al periodo 2007-2013.

Non è andata meglio per i fertilizzanti chimici e l’applicazione di letame sul suolo, le cui emissioni sono aumentate negli ultimi sette anni, né i suoli si sono arricchiti di sostanza organica che aiuta a sequestrare emissioni. «La Pac supporta alcune pratiche che possono ridurre l’uso di fertilizzanti, come l’agricoltura biologica e la coltivazione di leguminose. Tuttavia, riteniamo che queste pratiche abbiano un impatto incerto sulle emissioni», scrive la Corte, a causa delle rese inferiori. Salvo poi elencare, tra le pratiche meritevoli di maggiori incentivi, insieme all’agricoltura di precisione, quella conservativa e varie pratiche agronomiche adottate proprio nell’agricoltura biologica.

* Fonte: Daniela Passeri, il manifesto

 

 

Foto di FOTOKALDE da Pixabay



Related Articles

Se il mondo perde il senso del bene comune

Pochi giorni fa l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che riconosce l’accesso all’acqua come diritto fondamentale di ogni persona. L’anno scorso il Parlamento europeo ha parlato di un diritto fondamentale di accesso ad Internet. Apparentemente lontane, queste due importanti prese di posizione di grandi istituzioni internazionali si muovono sullo stesso terreno, quello dei beni comuni, attribuiscono il rango di diritti fondamentali all’accesso di tutti a beni essenziali per la sopravvivenza (l’acqua) e per garantire eguaglianza e libero sviluppo della personalità  (la conoscenza).
Nell’ottobre del 1847, quattro mesi prima della pubblicazione del Manifesto dei comunisti, Alexis de Tocqueville gettava uno sguardo presago sul futuro, e scriveva: «Ben presto la lotta politica si svolgerà  tra coloro che possiedono e coloro che non possiedono: il grande campo di battaglia sarà  la proprietà ». Quella lotta è continuata ininterrotta e il campo di battaglia, che per Tocqueville era sostanzialmente quello della proprietà  terriera, si è progressivamente dilatato. Oggi sono appunto i beni comuni – dall’acqua all’aria, alla conoscenza, ai patrimoni culturali e ambientali – al centro di un conflitto davvero planetario, di cui ci parlano le cronache, confermandone la natura direttamente politica, e che non si lascia racchiudere nello schema tradizionale del rapporto tra proprietà  pubblica e proprietà  privata.

IN EUROPA E’ ALLARME PER IL CARO ENERGIA

Gli ultimi dati di Eurostat – aggiornati al luglio 2006 – indicano che il prezzo di gas ed elettricità continua

Dal cibo al turismo la ricchezza del suolo

   Lunedì prossimo, il 22 aprile, come accade da ben 43 anni (dal 1970) sarà  la Giornata Mondiale della Terra.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment