Militari israeliani uccidono un altro ragazzo palestinese, il secondo in una settimana

Militari israeliani uccidono un altro ragazzo palestinese, il secondo in una settimana

GERUSALEMME. È spirato ieri mattina Ahmed Shamsa, il 15enne palestinese colpito alla testa da un proiettile sparato due giorni fa da soldati israeliani durante una protesta organizzata dagli abitanti di Beita contro l’avamposto coloniale Eviatar. I medici dell’ospedale Rafidia di Nablus non hanno potuto far nulla per salvarlo. Si tratta del quarto palestinese ucciso dall’inizio delle proteste a Beita. Appena una settimana fa un altro adolescente, Mohammed Hamayel, era caduto sotto il fuoco dei militari schierati a presidio di Eviatar. Da cinque settimane l’intera Beita prosegue la protesta contro il nuovo avamposto sul Monte Sabih, dove 17 famiglie palestinesi possiedono terreni e dipendono dalla raccolta delle olive e dalla produzione di olio. Oltre che per le leggi internazionali, Eviatar è illegale anche per quella israeliana, non avendo ricevuto alcuna autorizzazione ufficiale. Tuttavia, i coloni, con l’aiuto anche di militari, all’inizio di maggio hanno portato roulotte e caravan sul Monte Sabih occupando circa il 30% delle terre di Beita. Il nuovo governo israeliano è chiamato a decidere sulla sorte dell’avamposto ma si dubita che il premier Naftali Bennett, nazionalista religioso e uno dei principali rappresentanti politici del movimento dei coloni, possa ordinare uno sgombero con la forza di Eviatar.

* Fonte: Michele Giorgio, il manifesto



Related Articles

Ferguson, un anno dopo cortei blindati e proteste

L’Fbi in campo dopo l’uccisione di un ragazzo ad Arlington

Zwara, spiaggia di morte

Libia. 117 cadaveri di migranti rinvenuti sulle spiagge di Zwara, a 102 km da Tripoli, area controllata dal premier Serraj. Per «Migrant Report» i corpi sono parte dei 700 dispersi del naufragio della scorsa settimana: si erano salvate 400 persone

Amnesty: «Vite umane usate per contrattare, Italia e Malta colluse con la Libia»

Non è vero che al calo degli arrivi nel nostro paese corrisponde una diminuzione delle tragedie in mare. Anzi, è vero proprio il contrario

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment