Militari israeliani uccidono un altro ragazzo palestinese, il secondo in una settimana

Militari israeliani uccidono un altro ragazzo palestinese, il secondo in una settimana

GERUSALEMME. È spirato ieri mattina Ahmed Shamsa, il 15enne palestinese colpito alla testa da un proiettile sparato due giorni fa da soldati israeliani durante una protesta organizzata dagli abitanti di Beita contro l’avamposto coloniale Eviatar. I medici dell’ospedale Rafidia di Nablus non hanno potuto far nulla per salvarlo. Si tratta del quarto palestinese ucciso dall’inizio delle proteste a Beita. Appena una settimana fa un altro adolescente, Mohammed Hamayel, era caduto sotto il fuoco dei militari schierati a presidio di Eviatar. Da cinque settimane l’intera Beita prosegue la protesta contro il nuovo avamposto sul Monte Sabih, dove 17 famiglie palestinesi possiedono terreni e dipendono dalla raccolta delle olive e dalla produzione di olio. Oltre che per le leggi internazionali, Eviatar è illegale anche per quella israeliana, non avendo ricevuto alcuna autorizzazione ufficiale. Tuttavia, i coloni, con l’aiuto anche di militari, all’inizio di maggio hanno portato roulotte e caravan sul Monte Sabih occupando circa il 30% delle terre di Beita. Il nuovo governo israeliano è chiamato a decidere sulla sorte dell’avamposto ma si dubita che il premier Naftali Bennett, nazionalista religioso e uno dei principali rappresentanti politici del movimento dei coloni, possa ordinare uno sgombero con la forza di Eviatar.

* Fonte: Michele Giorgio, il manifesto



Related Articles

Napoli, a fuoco campo rom

Un esteso incendio è divampato ieri pomeriggio nell’accampamento dei rom del parco Marinella, adiacente alla centralissima via Marina, l’arteria del porto napoletano. Era prevedibile? Forse si, visto che solo tre giorni fa c’è stata un’ampia manifestazione organizzata dal Pdl, contro i rom che avevano trovato rifugio in quello spiazzale.

Razzismo made in Trump. Usa sotto shock per il visa-stop day

La Casa Sbianca. Novanta giorni di frontiere sigillate agli arrivi da paesi musulmani. Arrestati due iracheni in fila alla dogana dello scalo di New York

Nuova ondata di arresti in Turchia

Nuova epurazione contro presunti membri della rete dell’imam Gulen, mentre il Consiglio d’Europa pone Ankara sotto osservazione: 1.120 detenuti, 3.224 i mandati d’arresto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment