Turchia. La Corte costituzionale accoglie l’atto di accusa contro l’Hdp

Turchia. La Corte costituzionale accoglie l’atto di accusa contro l’Hdp

Ieri il leader del partito nazionalista turco Mhp, Devlet Bahceli, ha messo la sua firma politica sulla decisione di lunedì della Corte costituzionale: il via libera all’atto di accusa contro il Partito democratico dei Popoli (Hdp) per la sua messa al bando.

Durante un incontro del gruppo parlamentare dell’Mhp, Bahceli ha auspicato la dissoluzione definitiva del partito («La gamba politica del terrorismo deve essere chiusa, e non riaperta sotto un altro nome»), plaudendo alla sentenza dell’Alta Corte che ha ribaltato la precedente decisione del 31 marzo scorso.

Tre mesi fa i giudici costituzionali avevano rigettato la richiesta del procuratore capo della Corte d’Appello – incriminare l’Hdp per terrorismo e legami con il Pkk e dunque metterlo al bando, come tanti partiti curdi prima – ma solo per vizi procedurali.

Ora la lunga campagna politica e giudiziaria contro l’Hdp, ombrello di movimenti progressisti, di sinistra, femministi, ecologisti, Lgbtq, curdi, turchi, aleviti, arriva a un nuovo livello.

Con due ex co-presidenti in prigione dal novembre 2016, migliaia tra parlamentari, co-sindaci, amministratori e sostenitori in cella, la Corte costituzionale ha aperto alla possibile messa al bando di circa 500 membri del partito, con l’obiettivo palese di sfaldare il movimento dalla base e impedirne la ricostituzione. Unica richiesta del procuratore respinta dal collegio giudicante è stato il congelamento del conto bancario del partito.

Alla base sta il cosiddetto processo di Kobane, procedimento in corso da anni contro il partito, accusato di aver istigato le proteste scoppiate nell’autunno 2014 nel sud-est turco a seguito dell’occupazione del cantone curdo-siriano da parte dell’Isis e il ruolo attivo della Turchia. La polizia uccise tra i 46 e i 53 manifestanti.

Una repressione di Stato palese, tanto che lo stesso Hdp – ricordano Feleknas Uca e Hisyar Ozsoy, co-portavoci agli Affari esteri – «ha presentato diverse proposte per istituire una commissione parlamentare per indagare sulle proteste e sugli omicidi, tutte respinte dall’alleanza al potere Akp-Mhp».

La sentenza arriva a pochi giorni dall’attacco compiuto dal paramilitare turco Onur Gencer contro una sede dell’Hdp a Smirne e l’omicidio di una sua giovane membro, Deniz Poyraz, chiaro segnale del clima d’odio e di istigazione alla violenza imbastita in forme diverse (politiche, giudiziarie e armate) contro il solo rivale politico e ideologico al sistema di potere di Akp e Mhp.

Non a caso ieri Bahceli ha avuto parole anche per Poyraz: era una complice dei terroristi, ha detto, assolvendo il lupo grigio che l’ha uccisa.

* Fonte: Chiara Cruciati, il manifesto

 



Related Articles

Per Donald Trump «una caccia alle streghe» gli attacchi a Putin

Stati uniti. Presentate le «prove» sullo spionaggio pre-elettorale. Ma il presidente eletto si dice «scettico» sui cyber-attacchi di Putin e bolla il tutto come «una caccia alle streghe»

La Nato al confine con la Siria per gestire i profughi

Medio Oriente. Mentre nell’Egeo perdevano la vita 33 rifugiati, dalla Turchia la Merkel proponeva di dispiegare le risorse del Patto Atlantico. Restano chiusi i confini turchi ai civili in fuga da Aleppo

Il tribuno dell’ultrasinistra che mette paura a Hollande

L’ex benzinaio Mélenchon ora sfiora l’11 per cento

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment