Val di Susa. Il popolo No Tav sempre in marcia: «Siamo la natura che si ribella»

Val di Susa. Il popolo No Tav sempre in marcia: «Siamo la natura che si ribella»

«C’eravamo, ci siamo e sempre ci saremo». Gli slogan dei No Tav tornano a riecheggiare in Val di Susa, scanditi dalle migliaia di persone che ieri hanno marciato da Bussoleno a San Didero, il Comune che a causa del progetto di costruzione di un nuovo autoporto è diventato l’epicentro delle proteste.

È stata la prima manifestazione non solamente locale dopo un anno e mezzo di pandemia, così anche le molte delegazioni venute da fuori, da Roma a Milano, da Genova a Palermo passando per Bologna, Firenze, Venezia, hanno potuto vedere con i loro occhi il nuovo scempio denunciato dal movimento, e che in soli due mesi di protesta gli è già costato un presidio sgomberato violentemente, molte cariche delle forze di polizia e una manifestante, Giovanna, ferita gravemente a un occhio forse da un lacrimogeno sparato ad altezza d’uomo.

Il nuovo autoporto di San Didero viene costruito in sostituzione di quello di Susa, che verrà chiuso per lasciare spazio ai cantieri della Torino-Lione, in particolare per accogliere lo «smarino» i materiai di scarto degli scavi, materiali che ancora non ci sono perché nemmeno un metro di quello che deve essere il tunnel dell’alta velocità è stato realizzato, nonostante siano passati 30 anni dall’inizio di questa storia.

Il nuovo autoporto per questa parte di Valle significa perdere nuovi importanti pezzi di natura , l’incubo dell’inquinamento aereo e acustico, e l’assurdità di vedere più mezzi pesanti ai causa di un’opera pensata e giustificata per alleggerire il traffico su strada; non da ultimo l’ennesima pesante militarizzazione del territorio: i 70 mila metri quadri, quasi dieci campi da calcio, destinati all’autoporto sono stati espropriati e a protezione dell’area sono state collocate inferriate alte due metri e coronate da filo spinato e ogni giorno le pattuglie si danno il cambio per tenerla sorvegliata.

Ieri da una parte decine e decine di forze di polizia, mezzi blindati, tenute antisommossa, dall’altra i No Tav con le loro bandiere, i saltimbanchi, la banda, le carrozzine dei bambini e i bastoni dei vecchi. Come era nelle intenzioni si è trattato di una manifestazione colorata e pacifica.

Dietro lo striscione di apertura «Siamo la natura che si ribella» sono stati chiamati i giovani a cui il movimento si rivolge i maniera particolare. Gli amministratori locali erano presenti con le loro fasce tricolori all’inizio e alla fine della marcia, non durante perché i decreti governativi attuali non consentono le manifestazioni mobili.

Il sindaco di San Didero ha parlato con dolore di un comune fortificato come una zona di guerra ed espresso la forte preoccupazione per una zona verde che ha già sofferto di troppi interventi dolosi. I No Tav oggi incontreranno in un’ assemblea convocata a Venaus.

* Fonte: Serena Tarabini, il manifesto

 

 

Foto: Notav.info



Related Articles

Altro che transizione ecologica: il governo ha rinviato di nuovo la «plastic tax»

Legge di bilancio. Greenpeace: «Il governo della finzione ecologica e la dipendenza dal fossile». Cinque Stelle spaccati. Soddisfatti i produttori di imballaggi. Rinviata anche la «sugar tax»

Italia: la ricetta per ripulire l’aria si chiama mobilità sostenibile

Foto: Sostenibile.com

Mercoledì 4 settembre si è tenuto a Milano il vertice convocato dal ministro dell’Ambiente Andrea Orlando per concordare con le regioni del Nord Italia una comune strategia antismog per il bacino padano. Una mossa attesa da molte associazioni ambientaliste e che per Legambiente non era più rinviabile. “Ha fatto bene il ministro Orlando a convocare i governatori delle regioni coinvolte per tradurre in atti concreti la volontà espressa a più riprese di mettere in campo interventi coordinati nella Pianura Padana” ha commentato l’associazione del cigno verde alla vigilia dell’incontro.

La talpa del comune virtuoso

DEMOCRAZIAKMZERO
 A chi frega del comune, anzi della comunità  (così si esprime il sindaco), di Corchiano, provincia di Virterbo? Cosa volete che sia, un piccolo problema locale, di fronte alla crisi globale? Il sindaco, Bengasi (con l’accento sulla «e») Battisti, denuncia «una voragine enorme che ogni giorno affonda verso le falde acquifere con il rischio concreto di contaminarle irrevocabilmente». Una cava, insomma, di dieci ettari, con una profondità  che varia da 20 a 50 metri: «una voragine che potrebbe contenere 40 palazzine di 10 piani». Il trucco è che la cava non ha le autorizzazioni.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment