Migranti. Caminando Fronteras: «Sulla rotta Canaria quasi duemila morti in sei mesi»

Migranti. Caminando Fronteras: «Sulla rotta Canaria quasi duemila morti in sei mesi»

Secondo la Ong spagnola Caminando Fronteras sono almeno 2.087 i migranti morti o dispersi nei primi sei mesi di quest’anno nel tentativo di raggiungere la Spagna. Un’ecatombe dovuta soprattutto all’estrema pericolosità della «ruta Canaria», cioè il percorso migratorio nell’oceano Atlantico che dalle coste di Marocco, Sahara Occidentale, Mauritania, Senegal e a volte persino Gambia arriva alle isole Canarie.

 

Già nel 2020 era stata la rotta più letale al mondo, superando per la prima volta quella del Mediterraneo centrale. 1.845 le vite perse nei 12 mesi scorsi. Quest’anno sarebbero 1.922 soltanto nel primo semestre (a cui si devono aggiungere le 165 vittime del Mediterraneo occidentale). I dati di Caminando Fronteras si discostano parecchio da quelli indicati da organismi come l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), che ha documentato finora circa 300 morti sulle rotte verso la Spagna.

La ragione starebbe nel fatto che le organizzazioni internazionali conteggiano solo le vittime accertate. Mentre secondo l’attivista e ricercatrice Helena Maleno «il 95% dei morti sparisce nel mare, senza che i corpi siano mai recuperati». All’inizio dello scorso giugno un barcone è arrivato perfino ai Caraibi, trovato dai pescatori di Trinidad e Tobago. A bordo 14 persone. Tutte morte. Vagavano da mesi.

«Chiediamo allo Stato spagnolo di reagire, per non dover parlare di anno catastrofico alla fine del 2021», ha affermato Maleno.

 

* Fonte: Giansandro Merli, il manifesto



Related Articles

Afghanistan. Omicidi mirati in serie, sullo sfondo le trame dei Talebani

 La lista delle vittime include giornalisti, religiosi, politici, personale sanitario, attivisti e attiviste per i diritti umani

La violenza contro le donne impunita: “Archiviata una denuncia su 4”

La commissione sul femminicidio: caos nei tribunali, abusi derubricati a conflitti familiari Lo scandalo assoluzioni: a Caltanissetta il 44 per cento degli imputati salvato dai giudici

Guatemala in lutto. Di nuovo


Sono sette i difensori dei diritti umani morti quest’anno. Secondo il relatore speciale Onu, il Guatemala è un buon Paese per commettere omicidi


Emilia Quan Stackman
, sociologa guatemalteca di 33 anni, è stata sequestrata lo scorso martedi 7 dicembre a Paquix, Dipartimento di Huehuetenango-Guatemala, insieme al Victor Lopez, autista e collega della donna, ritrovato qualche ora più tardi, malmenato e imbavagliato. Il giorno dopo, mercoledi 8 dicembre, è stato ritrovato il corpo senza vita di Emilia, nel Municipio di Todos Santos Cuchumatà¡n, Huehuetenango.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment