Migranti. Caminando Fronteras: «Sulla rotta Canaria quasi duemila morti in sei mesi»

Migranti. Caminando Fronteras: «Sulla rotta Canaria quasi duemila morti in sei mesi»

Secondo la Ong spagnola Caminando Fronteras sono almeno 2.087 i migranti morti o dispersi nei primi sei mesi di quest’anno nel tentativo di raggiungere la Spagna. Un’ecatombe dovuta soprattutto all’estrema pericolosità della «ruta Canaria», cioè il percorso migratorio nell’oceano Atlantico che dalle coste di Marocco, Sahara Occidentale, Mauritania, Senegal e a volte persino Gambia arriva alle isole Canarie.

 

Già nel 2020 era stata la rotta più letale al mondo, superando per la prima volta quella del Mediterraneo centrale. 1.845 le vite perse nei 12 mesi scorsi. Quest’anno sarebbero 1.922 soltanto nel primo semestre (a cui si devono aggiungere le 165 vittime del Mediterraneo occidentale). I dati di Caminando Fronteras si discostano parecchio da quelli indicati da organismi come l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), che ha documentato finora circa 300 morti sulle rotte verso la Spagna.

La ragione starebbe nel fatto che le organizzazioni internazionali conteggiano solo le vittime accertate. Mentre secondo l’attivista e ricercatrice Helena Maleno «il 95% dei morti sparisce nel mare, senza che i corpi siano mai recuperati». All’inizio dello scorso giugno un barcone è arrivato perfino ai Caraibi, trovato dai pescatori di Trinidad e Tobago. A bordo 14 persone. Tutte morte. Vagavano da mesi.

«Chiediamo allo Stato spagnolo di reagire, per non dover parlare di anno catastrofico alla fine del 2021», ha affermato Maleno.

 

* Fonte: Giansandro Merli, il manifesto



Related Articles

Il Progetto Moi a Torino, la scommessa di investire sui migranti

Torino. Quattro palazzine occupate in periferia diventano il luogo di un sogno, con luci e ombre: corsi di formazione ed esperienze di lavoro per far raggiungere l’autonomia economica a un migliaio di famiglie

Donna reclusa al Cie di Roma denuncia: “Picchiata dai finanzieri”

Quattro fotografie mostrano i lividi sul corpo di una giovane detenuta tunisina, ora rilasciata dal Centro. Nel 2009 a Milano una denuncia per violenza sessuale su una nigeriana: il poliziotto fu assolto

Diritti o profitti al centro delle politiche sull’immigrazione in Europa?

   Foto: Osservatoriorepressione.org

Arriva l’inverno, gli sbarchi sulle coste italiane diminuiscono, ma rimane vivo il problema di un adeguato sistema di accoglienza e protezione internazionale dei migranti. Per questo una delegazione di Amnesty International guidata daGiusy D’Alconzo, direttrice dell’Ufficio campagne e ricerca dell’ong, ha consegnato il 19 ottobre al sottosegretario dell’Interno Saverio Ruperto con delega all’immigrazione e all’asilo, 28.474 firme raccolte per chiedere all’Italia di accantonare l’accordo sottoscritto ad aprile con la Libia in materia di controllo dell’immigrazione.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment