Sedici mesi dopo i morti, il Dap istituisce una commissione ispettiva sulle rivolte

Sedici mesi dopo i morti, il Dap istituisce una commissione ispettiva sulle rivolte

«Una Commissione ispettiva per fare luce sull’origine delle rivolte dei detenuti avvenute negli istituti nel marzo 2020, sui comportamenti adottati dagli operatori penitenziari per ristabilire l’ordine e la sicurezza e su eventuali condotte irregolari o illegittime poste in essere». Ad annunciarla è il ministero di Giustizia che ha voluto così rispondere – tardivamente, ça va sans dire – alle richieste di fare luce su quei 12 detenuti morti durante e dopo le rivolte scoppiate alle prime misure restrittive anti-Covid e sedate dalla polizia penitenziaria.

La Commissione istituita dal capo del Dap, Petralia, e dal suo Vice, Tartaglia, che sarà presieduta dal magistrato Sergio Lari, ex procuratore generale della Corte d’Appello di Caltanissetta, dovrà anche rispondere alla pressante richiesta di chi vede dietro quelle rivolte una regia occulta ed esterna.

Lari, scelto dal Dap per la sua «lunga e comprovata esperienza e capacità», ha 6 mesi di tempo per scoprire ciò che in questi 13 mesi non è stato scoperto, e sarà affiancato da Rosalba Casella (ex direttrice del carcere di Sant’Anna di Modena), Giacinto Siciliano (direttore di San Vittore), Francesca Valenzi (dirigente Ufficio detenuti e trattamento del ministero di Giustizia), Marco Bonfiglioli (dirigente del Provveditorato Emilia Romagna e Marche), Luigi Ardini (comandante del carcere romano di Rebibbia) e Riccardo Secci (comandante del carcere di Lecce).

* Fonte: Eleonora Martini, il manifesto



Related Articles

Italia: nasce il Forum della società  civile sull’Hiv/Aids, critiche alle scelte del Governo

A trent’anni dalla pubblicazione del primo studio relativo alla patologia infettiva che provoca un deficit del sistema immunitario (Hiv/Aids), ieri le associazioni italiane hanno costituito il Forum della società  civile italiana sull’Hiv/Aids, per rilanciare le priorità  della lotta contro l’infezione, con particolare attenzione al nostro Paese, sia sul piano nazionale che su quello internazionale.

Detenuti raggruppati in base alla pericolosità : nasce il carcere su misura

 

“Progetto circuiti regionali” del Dap. L’obiettivo è creare una “nuova geografia penitenziaria” che migliori la qualità  di vita dei detenuti e degli operatori. Tamburino, capo del dipartimento: “Il preludio di ulteriori sviluppi e di maggiore efficienza”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment