Sedici mesi dopo i morti, il Dap istituisce una commissione ispettiva sulle rivolte

Sedici mesi dopo i morti, il Dap istituisce una commissione ispettiva sulle rivolte

«Una Commissione ispettiva per fare luce sull’origine delle rivolte dei detenuti avvenute negli istituti nel marzo 2020, sui comportamenti adottati dagli operatori penitenziari per ristabilire l’ordine e la sicurezza e su eventuali condotte irregolari o illegittime poste in essere». Ad annunciarla è il ministero di Giustizia che ha voluto così rispondere – tardivamente, ça va sans dire – alle richieste di fare luce su quei 12 detenuti morti durante e dopo le rivolte scoppiate alle prime misure restrittive anti-Covid e sedate dalla polizia penitenziaria.

La Commissione istituita dal capo del Dap, Petralia, e dal suo Vice, Tartaglia, che sarà presieduta dal magistrato Sergio Lari, ex procuratore generale della Corte d’Appello di Caltanissetta, dovrà anche rispondere alla pressante richiesta di chi vede dietro quelle rivolte una regia occulta ed esterna.

Lari, scelto dal Dap per la sua «lunga e comprovata esperienza e capacità», ha 6 mesi di tempo per scoprire ciò che in questi 13 mesi non è stato scoperto, e sarà affiancato da Rosalba Casella (ex direttrice del carcere di Sant’Anna di Modena), Giacinto Siciliano (direttore di San Vittore), Francesca Valenzi (dirigente Ufficio detenuti e trattamento del ministero di Giustizia), Marco Bonfiglioli (dirigente del Provveditorato Emilia Romagna e Marche), Luigi Ardini (comandante del carcere romano di Rebibbia) e Riccardo Secci (comandante del carcere di Lecce).

* Fonte: Eleonora Martini, il manifesto



Related Articles

Carceri. L’inevitabile clemenza

Paola Severino ha annunciato che cercherà  di fare approvare, già  al Consiglio dei Ministri di domani, un decreto-legge destinato a ridurre il sovraffollamento carcerario: dovrebbe trattarsi dell’allungamento a 18 mesi del periodo residuo di pena che, con alcune limitazioni, un detenuto può scontare agli arresti domiciliari anziché in carcere. Tale provvedimento, secondo i calcoli, dovrebbe determinare la scarcerazione immediata di 3000-3500 detenuti.

Evitare che i Malati Diventino Assassini

La società  chiede che i malati siano curati e non che divengano assassini, semplicemente perché malati. E soprattutto la società  chiede che non si mettano in libertà  persone pericolose che, uscite dal sistema penitenziario subito reiterino il reato e creino vittime.

Farmaci illegali, stangata a Google

Favoriva le vendite online. Smascherata dall’Fbi grazie all’aiuto di un truffatore   L’azienda ritenuta responsabile delle inserzioni pagherà  una multa da 500 milioni di dollari 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment