Testimoni di GeNova. Il dossier “Verso Porto Alegre”

Testimoni di GeNova. Il dossier “Verso Porto Alegre”

COS’È QUESTO DOSSIER:

L’appuntamento di Firenze del 20-21 ottobre 2001 è un momento importante di confronto e dibattito tra i molti Social Forum che si sono costituiti in tutta Italia (al momento sono ben 99) dopo la grande mobilitazione di protesta contro il G8 di Genova dello scorso luglio e i gravi fatti che in quell’occasione si sono verificati. Le diverse anime di questo “movimento di movimenti” o “rete delle reti” (o come si voglia definirlo e denominarlo) sono concordi sulla necessità di evitare una omologazione e una omogeneizzazione di una così ricca e plurale espressione della società civile italiana che rivendica diritti sociali, economici, civili e politici, contestando il tipo di globalizzazione neoliberista in atto e l’attuale e gravissima logica di guerra. Firenze si pone temporalmente a metà tra Genova e Porto Alegre, quando alla fine di gennaio 2002 si aprirà il secondo Forum Sociale Mondiale. Infatti, la critica alla globalizzazione in atto non può che confrontarsi a livello mondiale per concordare proposte e obiettivi comuni e condivisi da tutti i vari movimenti che negli ultimi anni sono nati e cresciuti in ogni parte del globo. Gli sviluppi della situazione internazionale succedutisi dopo gli atti terroristici dello scorso 11 settembre a New York e Washington, la guerra in corso, le interconnessioni tra economie illegali ed economie di guerra, i dati resi noti dai recenti Rapporti pubblicati dal Social Watch e dalla FAO non fanno che rafforzare e legittimare tutte le critiche e le campagne che i vari movimenti sociali hanno espresso in questi anni contro una globalizzazione che a visto pochi soggetti trarre enormi vantaggi a scapito di gran parte della popolazione mondiale. Di tutto ciò si tratta in questo secondo dossier curato dall’agenzia d’informazione “Testimoni di GeNova” e intitolato “Verso Porto Alegre”.

***

SOMMARIO

Dossier “Verso Porto Alegre”

OPINIONE:

Un movimento mondiale, plurale e sociale di Mimmo Porcaro

INTERVISTE:

– Disobbedire alla logica di guerra: ecco la ragione sociale dei Social Forum

Beppe Caccia (Area Disobbedienti)

– Partire dai Social Forum per costruire un nuovo protagonismo politico

Raffaella Bolini (ARCI nazionale)

– I Social Forum non devono diventare un “gigante con una sola testa”

Fabio Lucchesi (Rete Lilliput)

Uscire dal Novecento e mettersi in mezzo.

Identità e pratiche sociali nel nuovo millennio.

Aldo Bonomi (sociologo)

Ecco s’avanza uno strano movimento: sociale e universale

Mario Agostinelli (sindacalista)

***

SCHEDE:

– 99 Forum Sociali in tutta Italia: le città e i recapiti

– La FAO fa il check-up al mondo che ha fame: due (lenti) passi avanti, uno indietro

– Povertà, giustizia e diritti nel mondo globalizzato: il Rapporto 2001 del Social Watch

Narcotraffico e affari globali

– Il bilancio partecipato: una forma di democrazia diretta

– 4°ONU dei Popoli: i punti principali del documento finale

***

CHI SIAMO:

Testimoni di GeNova

Hanno collaborato alla realizzazione di questo dossier:

Paolo Borghi, Manuela Cencetti, Ettore Colombo, Gian Marco Della Vecchia, Giovanni Godio, Enrico Panero, Francesco Piperis, Cristina Rowinski, Maria Rowinski, Sergio Segio.



Related Articles

Da Bolzaneto ad Ankara, via Israele. L’impegno dei Medici contro la tortura

20 anni fa. Come eravamo e dove andiamo. Dal dossier n. 3/2001 dell’agenzia Testimoni di GeNova. Intervista a Carlo Bracci, medico legale e presidente di Medici contro la tortura

Uscire dal Novecento e mettersi in mezzo. Identità e pratiche sociali nel nuovo millennio

Genova, 20 anni fa. Come eravamo e dove andiamo. Dall’archivio dell’agenzia Testimoni di GeNova, dossier n. 3/2001. Intervista a Aldo Bonomi, direttore Istituto AASTER

Mi ricordo di Genova, i lacrimogeni, le urla, le botte. E quel ragazzo morto

“Sono un medico! Sono un medico!”, sentivo da dietro mentre saltavo l’aiuola. Ricordo che quando mi sono girato ho visto un giovane con i capelli corti ricci, una vistosa pettorina bianca con la croce rossa e il viso completamente insanguinato. Una testimonianza sul G8 di Genova

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment