La Grecia devastata e soffocata dagli incendi

La Grecia devastata e soffocata dagli incendi

Emergenza incendi. La protezione civile è impreparata e i vigili del fuoco, lasciati senza risorse, hanno difficoltà a domare le fiamme che avanzano non solo nella capitale, ma anche in Tracia, Epiro, Peloponneso, nelle isole di Kos, Rodi ed Eubea dove la foresta, tra le più belle del paese, è stata distrutta. Minacciata l’area archeologica dell’antica Olimpia

ATENE. Tutta la Grecia è travolta da decine di grandi incendi che solo per grazia della dea Fortuna non hanno finora provocato vittime ma solo distruzioni e una gravissima catastrofe ecologica. Ieri erano segnalati decine di focolai un po’ in tutto il paese: in Tracia, in Epiro, nel Peloponneso, nelle isole di Kos, Rodi ed Eubea.

Un grande incendio minaccia l’area archeologica dell’antica Olimpia, sorprendendo i pochi vigili del fuoco che già erano in difficoltà per arginare un altro grande focolaio attorno a Mani.

Mentre scriviamo pompieri e abitanti della zona cercano di arginare le fiamme in modo da salvare l’area archeologica.

Ma gli incendi più devastanti sono due. Il primo è quello che ha già bruciato 30 mila ettari nella zona a est di Atene, distruggendo due sobborghi e minacciando direttamente una capitale con circa cinque milioni di abitanti.

Ancora più grave il fronte nell’Eubea settentrionale, dove l’incendio divampa da tre giorni. Sono stati evacuati 12 centri abitati, mentre una linea di fuoco lunga 20 chilometri sta avanzando distruggendo una delle foreste più belle del paese. Finora è apparso in cielo solo un aereo antincendio e le squadre dei vigili del fuoco mandano messaggi disperati alla protezione civile, ma senza riscontro.

IN TUTTE LE SITUAZIONI di emergenza è emersa l’assoluta impreparazione della protezione civile, che oramai dispone di pochissimi mezzi aerei. Il governo di destra, concentrato sul rafforzamento delle forze di polizia, ha lasciato sguarniti i vigili del fuoco che malgrado gli sforzi generosi non sono in grado di affrontare l’emergenza.

Il premier Kyriakos Mitsotakis ha passato, come suo solito, il fine settimana al mare a Creta e sarebbe tornato al suo posto di lavoro solo martedì. Almeno così diceva un comunicato ufficiale, ma nessuna tra le solerti tv filogovernative ha mostrato il suo ritorno dalla vacanza. Al contrario, Mitsotakis nello stesso pomeriggio ha pubblicato un inopportuno twitter sull’importanza dell’«economia digitale», provocando tra i cittadini reazioni di sconcerto. L’unica autorità che è apparsa in tv per rassicurare i cittadini è stato il problematico ministro di polizia Michalis Chrysochoidis, appositamente ricoperto di ceneri d’occasione. Smentendo la realtà, il ministro ha assicurato che «tutto è sotto controllo», mentre i cittadini ateniesi guardavano il cielo della città ricoprirsi di denso fumo. Ieri mattina l’osservatorio astronomico di Atene ha diffuso un comunicato particolarmente allarmato sul pulviscolo che aveva pericolosamente saturato l’atmosfera ateniese, suggerendo finestre ermeticamente chiuse e maschere filtranti.

Mitsotakis è finalmente apparso solo ieri mattina, in una visita propagandistica nel quartiere devastato di Varibobi, nei dintorni di Atene, dove lo si è ammirato in diretta guardare frastornato il disastro ed eseguire di fronte alle telecamere una maldestra e silenziosa pantomima con gesti teatrali come se desse preziose indicazioni ai pompieri, fortemente provati. Più tardi ha cercato di rassicurare i cittadini dicendo che «le abitazioni bruciate saranno ricostruite e le foreste rinasceranno». A Varibobi sono stati bruciati circa 20 mila ettari di foresta, le abitazioni andate a fumo sono un’ottantina, mentre sono centinaia le famiglie sfollate. Ieri gli abitanti hanno accusato la polizia di scarsa sorveglianza perché molte case rimaste deserte sarebbero state saccheggiate.Ma anche la rinascita della foresta sarebbe una novità in Grecia, visto che la regola vuole che sugli alberi bruciati ci crescano alberghi e palazzoni. Già prima dell’incendio il governo aveva reso noto un progetto per l’adiacente vasto parco del ex palazzo reale di Tatoi, bosco ora devastato dalle fiamme. Il progetto prevedeva per l’appunto l’edificazione di un grande albergo di lusso con piscine e campi da golf.

QUESTI INCENDI sono un grosso colpo per la destra al governo. Per tutto il periodo in cui stava all’opposizione Mitsotakis non perdeva occasione per attribuire all’allora governo di Syriza la responsabilità di un altro incendio catastrofico, scoppiato nel 2018 nella località Mati, fuori Atene, in cui erano morte un centinaio di persone. In quella occasione le fiamme si diffusero in pochissimo tempo con un vento forza otto dentro una località ad alta densità abitativa, edificata abusivamente, con strade strettissime, dove molti abitanti si trovarono intrappolati. Ora per fortuna non c’è vento, solo una calura insopportabile, dai 42 ai 48 gradi, anche se le tv accusano dell’attuale disastro un “forte vento” inesistente.

LE FIAMME MINACCIANO anche il campo trincerato di Amigdaleza, dove migliaia di rifugiati rischiano di venire bruciati vivi. Ieri la deputata europea dei Verdi Tineke Strik ha chiesto su Twitter al ministro dell’Immigrazione Notis Mitarakis se aveva preso provvedimenti per loro. Mitarakis, personaggio noto per la sua ottusità, le ha risposto con fare provocatorio: «Certo che abbiamo un progetto per loro. A proposito, lei ha qualche interesse per la gente del luogo che soffre a causa dell’incendio? Ha qualcosa da domandarmi su di loro?». Per incassare una risposta che ha messo knock out l’altezzosità del ministro per caso: «Certo che sono preoccupata per tutti coloro che devono affrontare le fiamme. Ma lei ha una specifica responsabilità verso la gente che lei tiene in detenzione e non può uscire da lì per salvarsi».

* Fonte: Dimitri Deliolanes, il manifesto

 

 

Foto di jacqueline macou da Pixabay



Related Articles

L’Aquila, 18 mesi dopo. Assistite 55.584 persone, macerie ancora per le strade

18.686 sistemate negli alloggi del progetto C.a.s.e e in altri; 2.720 sono ancora in hotel, 459 in caserma. 25.663 godono del contributo di autonoma sistemazione. E una iniziativa di legge popolare detta le linee della ricostruzione

Palermo. La Zisa che vogliamo

I CANTIERI CULTURALI DA RECUPERARE
Il comitato «I cantieri che vogliamo» scrive al sindaco per denunciare lo stato di abbandono in cui versa lo spazio pubblico. Nonostante le promesse di farvi nascere il Museo euromediterraneo delle arti contemporanee. «Se non avremo risposta da Cammarata, lo occuperemo per riprendercelo»

Effetti nocivi a breve e lungo termine

Sono un professore ordinario di protezione delle radiazioni al Politecnico di Torino, ed insieme al collega Massimo Coraddu di Cagliari siamo da due anni consulenti del comune di Niscemi per il problema del Muos. La nostra prima Relazione, prodotta nel 2011, ha messo in evidenza le gravi mancanze della precedente procedura autorizzativa rilasciata dalla giunta Lombardo, ed ha convinto la Regione Siciliana a revocare quelle autorizzazioni lo scorso marzo.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment