Uccisa famiglia curda, HDP: «un crimine razzista, Ankara fomenta l’odio»

Uccisa famiglia curda, HDP: «un crimine razzista, Ankara fomenta l’odio»

Turchia. Sette morti, la loro casa data alle fiamme. A maggio erano stati aggrediti da 60 persone: «Siamo i lupi grigi, non potete vivere qui». L’Hdp accusa il governo di incitare alla violenza contro i curdi

Hanno attaccato la loro casa a Konya, nel distretto di Meram, li hanno uccisi con colpi di pistola e poi hanno dato fuoco all’abitazione: così sono morti sette membri della famiglia curda Dedeogullari, venerdì sera, in Turchia.

Sette persone che vivevano lì da 24 anni e che avevano subito altre aggressioni e minacce. Tutte denunciate alla polizia, senza risultato. Il motivo lo hanno dato ieri la procura (che ha fermato dieci sospetti) e i ministri degli Interni Soylu e della giustizia Gul: non si è trattato di un crimine d’odio o razzista, ma «di una disputa che va avanti da 11 anni tra due famiglie».

Diversa l’opinione della comunità curda e dei partiti di opposizione che accusano il governo di incitamento all’odio e alla violenza, lo stesso clima che ha portato all’uccisione di Deniz Poyraz in una sede dell’Hdp a Smirne il mese scorso e all’omicidio di un contadino curdo 10 giorni fa, il 43enne Hakim Dal, di nuovo a Konya, città particolarmente conservatrice.

E che aveva portato a maggio a un’altra brutale aggressione contro i Dedeogullari: 60 persone avevano preso d’assalto la loro casa, li avevano picchiati selvaggiamente con bastoni, pietre e coltelli e gridato loro «Siamo i lupi grigi, non permetteremo ai curdi di vivere qui».

I sospetti erano stati tutti rilasciati, con la polizia che ha contro-accusato la famiglia («Li avete provocati»), nonostante l’aperta dichiarazione di colpevolezza del gruppo ultranazionalista e fascista.

«Il linguaggio discriminatorio e di odio del regime e l’attitudine anti-curda sono la principale causa degli omicidi», ha commentato il parlamentare del Partito democratico dei Popoli (Hdp), Mahmut Togrul.

Un’attitudine che ha tra i suoi primi target proprio l’Hdp, sottoposto da anni a una campagna politica volta alla messa al bando, tra arresti di deputati, sindaci e sostenitori, commissariamenti dei comuni e inchieste per terrorismo.

«In una sola settimana ci sono stati una serie di attacchi razzisti contro i curdi nelle province di Afyon, Ankara e Konya – hanno scritto ieri i responsabili degli affari esteri dell’Hdp, Feleknas Uca e Hisyar Ozsoy – Quei ripetuti attacchi razzisti non sono casuali e se il governo non cambia la sua politica nei confronti dei curdi, aumenteranno e diventeranno ancora più violenti».

* Fonte: Chiara Cruciati, il manifesto

 

 

photo by ANF News



Related Articles

Retromarcia austriaco: al Brennero niente panzer e soldati

Il cancelliere austriaco smentisce il suo ministro della Difesa che ha spostato i carri armati in Tirolo in funzione anti-migranti. Cooperazione e rispetto delle regole, al telefono il chiarimento con Gentiloni

Sedici ribelli impiccati in carcere Riformisti ancora nel mirino

Iran /NONOSTANTE LE APERTURE PROMESSE DA ROHANI
Èdi 16 il numero di ribelli impiccati nella regione sud orientale dell’Iran, il Sistan e Baluchistan. Secondo la stampa filo-governativa, si tratta di una ritorsione avvenuta in seguito alla morte di 14 guardie doganali e al ferimento di altre forze di sicurezza dello scorso venerdì.

Nigeria, in missione a 8 anni La kamikaze più piccola

Almeno cinque morti. La bimba cresciuta tra i fanatici di Boko Haram

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment