Vaccini, l’OMS si appella ai paesi ricchi: «Non somministrate la terza dose prima di ottobre»

Vaccini, l’OMS si appella ai paesi ricchi: «Non somministrate la terza dose prima di ottobre»

Secondo il direttore generale Tedros, è prioritario vaccinare almeno i più vulnerabili nei paesi a basso reddito. Al programma umanitario Covax sono state consegnate finora solo il 3% delle dosi prenotate

Il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha lanciato ieri un appello agli Stati membri affinché le campagne di vaccinazione con la terza dose non inizino prima della fine di settembre. L’acquisto di terze dosi da parte dei Paesi ricchi rischia infatti di rendere ancora più difficoltoso distribuire i vaccini nei Paesi a basso reddito.

Non è la prima volta che l’Oms lancia una simile proposta: «Avevamo già chiesto a maggio un aiuto globale affinché ogni Paese possa vaccinare entro settembre almeno il 10% della popolazione», ha detto Tedros. «Siamo a metà del percorso, ma il ritmo non è sufficiente». La richiesta dell’Oms punta a frenare i piani di Usa, Unione europea, Regno Unito e Israele, che hanno pianificato la somministrazione dei richiami di qui a settembre, almeno per le categorie più vulnerabili.

Non è tardata la risposta negativa di Washington: «Riteniamo che sia una falsa scelta, e che si possano fare entrambe le cose», ha detto Jen Psaki, una portavoce della Casa Bianca. «Abbiamo dosi a sufficienza».

Nel mondo sono stati somministrati 4 miliardi di dosi, sufficienti a vaccinare completamente un quarto della popolazione mondiale. Ma mentre nei Paesi ad alto reddito sono state inoculate 50 dosi ogni 100 abitanti, in quelli a basso reddito la percentuale di persone vaccinate è ferma all’1,5%, secondo i dati presentati da Tedros. «Occorre una rapida inversione di marcia: finora la maggioranza delle dosi sono andate ai Paesi ricchi, ora deve essere indirizzata a quelli poveri». La richiesta è che il prossimo summit dei ministri della salute del G20, previsto di qui a un mese, prenda impegni concreti per raggiungere gli obiettivi di salute globale. E che i produttori di vaccini diano priorità alle dosi acquistate dal fondo umanitario Covax.

Secondo i dati dell’Unicef, che partecipa al programma, il fondo ne ha prenotate per cinque miliardi tra acquisti e donazioni destinate a Paesi a basso e medio reddito, ma ne ha consegnate finora solo 178 milioni, il 3,4%. I produttori, infatti, evadono prioritariamente gli ordinativi provenienti dai clienti più redditizi, come Usa, Ue e Regno Unito.

* Fonte: Andrea Capocci, il manifesto



Related Articles

Occupazioni di case, dagli operai ai migranti. Un po’ di storia

Movimento per la casa. Un secolo di lotte per il diritto all’abitare. Un filo rosso nello sviluppo urbanistico di Roma. La giunta M5S capitolina contro la delibera regionale che riconosce l’opera di riqualificazione degli occupanti

Approvato il reddito di inclusione che esclude la maggioranza dei cittadini disagiati

Il governo vara il nuovo «Rei»: coprirà però solo un quarto delle famiglie bisognose. E l’importo è molto basso: dai 190 a 489 euro. Entusiasmo dal Pd e dalla corte dei renziani. Per le opposizioni è un «pannicello caldo»

Caso Uva, la giurisprudenza che inventa il sequestro di persona lecito

La sentenza della Corte d’Assise di Varese a proposito della morte di Giuseppe Uva lascia interdetti. In qualche misura, già

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment