Vertenza Whirlpool Napoli, lavoratori bloccano l’autostrada contro i licenziamenti

Vertenza Whirlpool Napoli, lavoratori bloccano l’autostrada contro i licenziamenti

Vertenze Irrisolte. A un mese dall’invio delle lettere, gli operai occupano l’autostrada. Il prefetto al governo: convochi un tavolo subito

Ieri mattina i lavoratori della Whirlpool di Napoli hanno bloccato l’autostrada tra Napoli e Salerno alle spalle dello stabilimento via Argine. «Chiediamo con urgenza una convocazione sia del tavolo al ministero dello Sviluppo che al ministero del Lavoro per far ritirare la procedura a Whirlpool. Mancano 30 giorni alla fine della procedura non possiamo perdere ancora tempo in attesa di una convocazione», spiega il segretario generale della Fiom Cgil Napoli, Rosario Rappa. A rischio ci sono 340 lavoratori diretti e 500 indiretti. Lo scorso 14 luglio il presidente del consiglio Mario Draghi si era impegnato con loro a contattare il board della multinazionale americana, ma poi è calato il silenzio.
Dopo lo sblocco dell’autostrada una delegazione Fim, Fiom e Uilm Napoli ha incontrato il prefetto di Napoli Marco Valentini ha scritto una lettera ai ministri del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Andrea Orlando e Giancarlo Giorgetti, e ha telefonato alla vice ministra al Mise, Alessandra Todde, per chiedere una data disponibile in breve tempo per discutere della vertenza.
Intanto sempre ieri i sindacati al Mise hanno bocciato il progetto di ricollocazione di 200 lavoratori della Whirlpool di Carinaro – anch’esso chiuso da Whirlpool nel 2018 – nel fantasmagorico progetto di gigafactory di batterie di Seri – soluzione ventilata anche per assorbire personale Whirlpool Napoli: «A tre anni dall’accordo solo 75 persone hanno trovato ricollocazione», denunciano i sindacati.

* Fonte: Massimo Franchi, il manifesto

 



Related Articles

Paradise Papers. La «classe miliardaria» sotto attacco di Sanders e Corbyn

«Questo nuovo scandalo dimostra ancora una volta come alcune aziende e ricchi individui siano pronti a fare di tutto per non pagare le tasse»

25 ottobre: #entrainscena la generazione senza diritti

Lavoro, reddito, conoscenza contro la precarietà. Gli strudenti partecipano sabato al corteo Cgil e propongono la loro piattaforma: “Contro la precarietà ci vuole un reddito di base che garantisca l’autonomia sociale, basta ai contratti precari, vogliamo a un salario minimo, un diritto allo studio per tutti”. Il corteo partirà alle 9,30 dall’università La Sapienza

I marchi del lusso rilanciano Piazza Affari

La nostra Borsa su del 17% in un anno. Finale sprint con la quotazione Moncler  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment