Il Parlamento europeo contro sorveglianza di massa e polizia predittiva

Il Parlamento europeo contro sorveglianza di massa e polizia predittiva

Intelligenza artificiale. Il Parlamento europeo chiede alla commissione di proibire la ricerca e l’utilizzo di tutti gli strumenti di riconoscimento facciale nei luoghi pubblici dell’Unione europea. Sconfitti popolari e destre

Si contano i voti, con molta tensione. Ma alla fine l’”emendamento distopico” – come lo chiamavano – è respinto. I no della sinistra, dei socialisti, dei verdi e di qualche “indipendente” prevalgono. E si può così votare a grande maggioranza il rapporto Vitanov sull’intelligenza artificiale. Meglio e più nel dettaglio: si può così votare il rapporto che vieta il riconoscimento facciale da parte delle forze di polizia.

Anche a non voler seguire l’entusiasmo del verde-pirata tedesco Patrick Breyer – “è un momento storico” – il documento approvato dall’assemblea dei deputati europei, il 5 ottobre, è destinato ad incidere profondamente nelle prossime scelte della Commissione sull’argomento.

Il parlamento di Strasburgo ha infatti chiesto che la regolamentazione del settore “escluda qualsiasi trattamento di dati biometrici, comprese le immagini del volto”. Li escluda in “qualsiasi luogo pubblico”, ne vieta l’uso anche alle forze di polizia.

L’obiettivo? Esplicito: evitare nel vecchio continente la sorveglianza di massa, che penalizza le minoranze, il dissenso, le comunità svantaggiate. Di più: il Parlamento chiede alla “Commissione di bloccare i finanziamenti per la ricerca biometrica e di bandire la diffusione di programmi che potrebbero comportare una sorveglianza indiscriminata negli spazi pubblici”.

Questo è il mandato che il Parlamento assegna alla Commissione quando dovrà varare l’Artificial Intelligence Act. Non era scontato, perché proprio all’ultimo, pochi giorni fa, i popolari e le destre avevano presentato un emendamento al rapporto. Al posto del divieto chiedevano solo che le forze dell’ordine adottassero “cautela nell’utilizzo dell’intelligenza artificiale per fare previsioni comportamentali”. Sarebbe stato, di fatto, il via libera alla “polizia predittiva”, quell’applicazione dell’intelligenza artificiale che i movimenti sociali e quelli per i diritti civili stanno provando a sconfiggere negli States.

A Strasburgo non è passato.

La questione, ovviamente, anche in Europa è tutt’altro chiusa, spesso è successo che la Commissione non tenga conto del voto parlamentare. Ma il fronte dei diritti ha segnato un punto.

* Fonte: Stefano Bocconetti, il manifesto



Related Articles

Buongiorno democrazia, addio ACTA?

acta

Lo scorso 4 luglio il Parlamento europeo durante la seduta plenaria ha respinto con una maggioranza schiacciante (478 voti contrari, 39 favorevoli e 165 astensioni) il controverso trattato anticontraffazione, meglio noto come ACTA (Anti-Counterfeiting Trade Agreement).

5 per mille: “Ritardi inaccettabili. Così si affossano i progetti”

  I disabili sono tra le categorie più colpite dalla manovra

Nonostante siano stati aggiornati pochi giorni fa gli elenchi del 5×1000 del 2009, sono moltissime le associazioni che dopo tre anni stanno ancora aspettando di ricevere i fondi. I pagamenti del 2009 stanno infatti arrivando solo per quanto riguarda le cifre inferiori ai 500mila euro. “E’ inaccettabile – dichiara Andrea Olivero, portavoce Forum Nazionale del Terzo Settore che il 5 per mille venga erogato con una media di 2 anni di ritardo, che in questo caso rischia di toccare i tre.

Federconsumatori: il matrimonio costa dal 2% al 5% in piu’

Con la primavera e il bel tempo, si apre anche la stagione dei matrimoni. E come ogni anno l’Onf, l’Osservatorio nazionale di Federconsumatori, ha monitorato i costi per la realizzazione di questo importante evento. Dallo studio emerge che, complessivamente, sposarsi oggi costa da circa 33.339 euro a 55.709 euro, dal 2% al 5% in piu’ rispetto allo scorso anno.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment