Pandemia. In Europa raccolte 220 mila firme contro i brevetti sui vaccini

Pandemia. In Europa raccolte 220 mila firme contro i brevetti sui vaccini

Right2Cure. Se raggiungerà il milione di firme, la Commissione Ue dovrà ascoltare le ragioni dell’appello e comunicare, entro tre mesi, se e come intende dare seguito alle richieste dell’iniziativa

«Bisogna permettere a tutti i Paesi e a tutte le persone di potersi vaccinare. È una battaglia di giustizia per affermare la centralità della vita e il diritto alla salute per tutti, una battaglia di civiltà». Con queste parole il segretario generale della Cgil Maurizio Landini ha rilanciato la campagna per la sospensione dei brevetti su vaccini, farmaci e test diagnostici durante una conferenza ospitata ieri nella sede del sindacato.

Alla conferenza hanno partecipato anche alcune delle 120 Ong che sostengono la campagna Right2cure, un’iniziativa dei cittadini europei che sta raccogliendo le firme per spingere la commissione europea a cambiare posizione nei negoziati al Wto e schierarsi con India e Sudafrica a favore della moratoria. Emergency, Medici senza Frontiere, Libera sono intervenute a sostegno: «C’è urgenza di intervenire» ha detto don Luigi Ciotti. «Non farlo è una inerzia omicida, non accelerare ti rende complice. Perché si continua a morire. La moratoria dei brevetti è una questione essenziale di diritto alla vita, che non può essere oggetto di variabili economiche o umori politici»

La campagna Right2Cure ha raccolto finora oltre 220 mila firme in Europa, quasi la metà dall’Italia. L’iniziativa dei cittadini europei è l’unico strumento di democrazia diretta a disposizione nell’Unione. Se raggiungerà il milione di firme, la Commissione Ue dovrà ascoltare le ragioni dell’appello e comunicare, entro tre mesi, se e come intende dare seguito alle richieste dell’iniziativa. Anche Papa Francesco nei giorni scorsi aveva condiviso l’appello alle aziende farmaceutiche. «Compiano un gesto di umanità – aveva chiesto – e permettano che ogni Paese, ogni popolo, ogni essere umano, abbia accesso al vaccino».

* Fonte: Andrea Capocci, il manifesto



Related Articles

Un’infermiera: «Mi disse che a picchiarlo furono i CC»

PROCESSO CUCCHI Continuano le udienze del processo per accertare le cause della morte del giovane Stefano Cucchi. Il romano 31enne, arrestato con l’accusa di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti, morì dopo un ricovero durato quattro giorni nel reparto penitenziario dell’ospedale Sandro Pertini.

Morte di Giuseppe Uva, tanti dubbi e una sola certezza: “sul corpo ci sono lesioni”

E’ diventata una questione di sfumature, di discussioni tecniche, di perizie e controperizie. La soluzione del caso di Giuseppe Uva, l’operaio morto nel giugno del 2008 dopo essere ‘scomparso’ per tre ore dentro una caserma dei carabinieri a Varese, si gioca tutta sulle parole dei tecnici che questa mattina sono stati sentiti durante un’udienza. A deporre, infatti, sono stati chiamati i tre superperiti Angelo Demori, Santo Davide Ferrara e Gaetano Thiene, per cercare di capire come è morto Giuseppe Uva quel maledetto giorno di giugno del 2008.

L’emergenza può attendere

Piano casa. Mutare in «alloggi sociali» ogni edificio esistente o in corso di realizzazione, non risolverà la crisi abitativa perché chi versa in grave disagio non potrà mai accedere a questo segmento di mercato. Si consente soltanto alla speculazione immobiliare di liberarsi di un immenso patrimonio invenduto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment