Amazon. Black Friday, Black Strike: venerdì 26 blocco delle consegne

Amazon. Black Friday, Black Strike: venerdì 26 blocco delle consegne

Il caso. Si riaccende lo scontro nel giorno più importante per il capitalismo delle piattaforme digitali prima di Natale: la lotta per un’organizzazione del lavoro sottratta ai tempi dell’algoritmo e del subappalto. Dura la reazione dell’azienda: “Subentreranno altri fornitori”

 

Lo sciopero generale dei driver e dei dipendenti delle aziende associate a Assoespressi indetto da Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, sarà organizzato nel giorno strategico per Amazon, il Black Friday di venerdì 26 novembre, un momento redditizio usato ogni anno per lanciare la volata al natale degli acquisti sulla potente piattaforma di e-commerce. Il tentativo di bloccarla è stato spiegato con la richiesta di abbassare carichi e ritmi di lavoro, divenuti insostenibili, e di ridurre l’orario di lavoro settimanale dei driver. I carichi possono arrivare fino a 200 pacchi al giorno, con 130-140 stop da effettuare in 8-9 ore, in base a un algoritmo che si aggiorna pacco dopo pacco sul palmare in dotazione ai driver e che, in ragione del traffico, traccia il viaggio più veloce senza ammettere pause. L’orario settimanale arriva invece a 44 ore, troppe secondo la Filt Cgil e gli altri sindacati che puntano a ridurle per il momento almeno a 42, con l’obiettivo finale di arrivare a 39.

Lo sciopero intende «dare continuità occupazionale a tutto il personale, in occasione dei cambi di appalto e di contratto» sostengono i sindacati. Va ridotta la responsabilità scaricata sulle spalle dei driver in casi di danni e franchigie, mentre va aumentato il valore della trasferta e introdotto il premio di risultato. Altro punto è garantire la normativa sulla privacy, la gestione dei dati ed il controllo a distanza «escludendo – precisano i sindacati – ogni ripercussione di carattere disciplinare». I lavoratori Amazon sono circa 12 mila in Italia. Il picco produttivo raggiunto alla fine di ogni anno può coinvolgere altri 3-4 mila stagionali chiamati «natalini».

Solo nel 2020, nella seconda ondata della pandemia, il Black Friday e la sua scia rappresentata dal Cyber Monday (il lunedì successivo agli sconti per tutti) è stato il migliore di sempre per le piccole e medie aziende che usano la piattaforma digitale di Amazon. Hanno registrato una crescita delle vendite del 60% rispetto al 2019 superando i 4,8 miliardi di dollari a livello mondiale. In Italia sono stati venduti 203 prodotti al minuto.

«I corrieri «sono assunti da fornitori di servizi di consegne al livello G1 del contratto trasporti e logistica con un salario d’ingresso pari a 1.658 euro lordi al mese per i dipendenti a tempo pieno, e oltre a 300 euro netti mensili come indennità giornaliera – ha risposto duramente Amazon – Nel caso in cui non si rispettino le nostre aspettative e stia violando le normative vigenti adottiamo i rimedi contrattualmente previsti, inclusa l’interruzione del rapporto contrattuale – annuncia l’azienda – Quando si verificano queste situazioni, ci adoperiamo affinché i corrieri di un fornitore di servizi possano comunque continuare il loro lavoro attraverso il nuovo fornitore che subentrerà per occuparsi delle consegne».

* Fonte: Roberto Ciccarelli, il manifesto



Related Articles

Cina, conflitto operaio o sciopero armonioso?


L’aumento delle agitazioni e i primi successi dei lavoratori pongono il problema di una legge per regolamentare il diritto a incrociare le braccia

La privacy come merce dell’epoca dei Big Data

Saggi. Identità, populismo digitale e «economia della cattura» nel volume «Persone in Rete» di Antonello Soro per Fazi editore

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment