Appello. Adolfo Pérez Esquivel: dobbiamo salvare e liberare Julian Assange

Appello. Adolfo Pérez Esquivel: dobbiamo salvare e liberare Julian Assange

L’appello urgente del Premio Nobel per la pace alla giustizia britannica. La sua estradizione negli Stati uniti «sarebbe la condanna a morte di un difensore della libertà di informazione»

Ai popoli del mondo, chiese, organizzazioni sociali, sindacati, università, giornalisti, mezzi di informazione e governi democratici, alle donne e agli uomini di buona volontà difensori della libertà e dei diritti dei popoli.

La vita di Julian Assange è in pericolo. Il governo degli Stati uniti da anni perseguita Julian Assange, colpevole di aver svelato le atrocità che questo governo ha commesso e commette nel mondo: violenze, invasioni, colpi di stato, omicidi, torture, persecuzioni di paesi di orientamento ideologico diverso, embarghi, crimini che si tenta di nascondere e che restano totalmente impuniti sia dal punto di vista legale che da quello sociale, nel disprezzo dello Stato di Diritto e in violazione dei diritti umani e dei diritti dei popoli.

Gli Stati uniti insistono per ottenere l’estradizione di Julian Assange, che negli Usa verrebbe condannato a 175 anni di prigione per aver pubblicato informazioni sulle suddette atrocità. Dopo 6 anni trascorsi come rifugiato politico nell’ambasciata cilena a Londra, Assange è stato consegnato alla polizia britannica e da allora è confinato in un carcere di massima sicurezza. Attualmente una corte britannica lo sta giudicando per poterlo estradare negli Stati uniti, ma se questo avvenisse sarebbe la condanna a morte di un difensore della libertà di informazione e una grave minaccia alla libertà di stampa.

È necessario esigere dalla giustizia britannica il ritorno in libertà di Julian Assange.

* Fonte: Adolfo Pérez Esquivel, il manifesto

 

 

Foto di Caitlin Johnstone da Pixabay



Related Articles

La piega autoritaria dei paesi che mettono sotto accusa le Ong

La procura di Catania – una città martoriata dai rifiuti e dall’illegalità – si scaglia contro le Ong e attacca

Il governo fa slittare ancora l’approvazione dello ius soli

Cittadinanza. Il consiglio dei ministri non autorizza la fiducia e sposta il testo in coda ad altri provvedimenti. La legge rischia di essere archiviata

Aquarius. Solidarietà alla deriva, un appello delle Ong Internazionali

Le convenzioni internazionali sul diritto del mare si fondano sull’obbligo di solidarietà in mare

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment