Appello. Adolfo Pérez Esquivel: dobbiamo salvare e liberare Julian Assange

Appello. Adolfo Pérez Esquivel: dobbiamo salvare e liberare Julian Assange

L’appello urgente del Premio Nobel per la pace alla giustizia britannica. La sua estradizione negli Stati uniti «sarebbe la condanna a morte di un difensore della libertà di informazione»

Ai popoli del mondo, chiese, organizzazioni sociali, sindacati, università, giornalisti, mezzi di informazione e governi democratici, alle donne e agli uomini di buona volontà difensori della libertà e dei diritti dei popoli.

La vita di Julian Assange è in pericolo. Il governo degli Stati uniti da anni perseguita Julian Assange, colpevole di aver svelato le atrocità che questo governo ha commesso e commette nel mondo: violenze, invasioni, colpi di stato, omicidi, torture, persecuzioni di paesi di orientamento ideologico diverso, embarghi, crimini che si tenta di nascondere e che restano totalmente impuniti sia dal punto di vista legale che da quello sociale, nel disprezzo dello Stato di Diritto e in violazione dei diritti umani e dei diritti dei popoli.

Gli Stati uniti insistono per ottenere l’estradizione di Julian Assange, che negli Usa verrebbe condannato a 175 anni di prigione per aver pubblicato informazioni sulle suddette atrocità. Dopo 6 anni trascorsi come rifugiato politico nell’ambasciata cilena a Londra, Assange è stato consegnato alla polizia britannica e da allora è confinato in un carcere di massima sicurezza. Attualmente una corte britannica lo sta giudicando per poterlo estradare negli Stati uniti, ma se questo avvenisse sarebbe la condanna a morte di un difensore della libertà di informazione e una grave minaccia alla libertà di stampa.

È necessario esigere dalla giustizia britannica il ritorno in libertà di Julian Assange.

* Fonte: Adolfo Pérez Esquivel, il manifesto

 

 

Foto di Caitlin Johnstone da Pixabay



Related Articles

“Lasciate entrare i giornalisti nei Cie”. La Fnsi e l’Ordine scrivono a Maroni

Un incontro “urgente”, “per segnalare alcune difficoltà  insorte, tali da limitare il nostro dovere di informare liberamente i cittadini, in ottemperanza all’articolo 21 della Costituzione”. È quanto chiedono in una lettera inviata al ministro dell’Interno Roberto Maroni il segretario generale della Fnsi, Franco Siddi, e il presidente dell’Ordine dei Giornalisti, Enzo Iacopino.

“Sbarchi in aumento solo dell’8 %” I veri numeri sull’emergenza profughi

In Veneto 5mila rifugiati, in Sicilia il triplo. Il Viminale: “I primi cittadini disertano le riunioni con i prefetti e poi protestano”

Alabama, la legge della vergogna


Deriva xenofoba contro gli immigrati irregolari: vietato affittare case, versare contributi, iscriversi all’università 

La legge anti-immigrati dell’Alabama, la più restrittiva degli Stati Uniti, è entrata in vigore da appena un mese e ha già  mietuto il suo raccolto di paura: le abitazioni dei cittadini di origine ispanica si stanno svuotando, le imprese chiudono, i datori di lavoro si chiedono come mai i loro dipendenti se ne vanno, nei campi il raccolto rimane incolto e le madri di bambini latinos, non sapendo cosa fare, tengono i loro figli a casa.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment