Dal G20 a Cop26, la crisi climatica in rotta di collisione

Dal G20 a Cop26, la crisi climatica in rotta di collisione

Il G20 di Roma si è concluso con alcune buone intenzioni ma pochi fatti e, del resto, il dialogo negoziale che precede e conduce a questi eventi serve, quando va bene, a imprimere una spinta politica sui tavoli dei negoziati specifici. Per vedere se lo sforzo della presidenza italiana darà frutti dovremo aspettare gli esiti della COP26 che si è aperta a Glasgow.

Il documento del G20 condivide il giudizio della comunità scientifica sulla necessità di mantenere entro 1,5°C l’aumento globale della temperatura media. Questo riferimento, va ricordato, c’è già nel testo dell’Accordo di Parigi che è stato già ratificato da 191 Paesi che rappresentano oltre il 97 per cento delle emissioni.
E allora che bisogno c’era di citarlo espressamente? C’era perché dopo l’Accordo di Parigi l’Ipcc (la Commissione Intergovernativa sui Cambiamenti Climatici) aveva presentato nel 2018 un rapporto scientifico dedicato a evidenziare le notevoli differenze negli impatti di uno scenario con un aumento di 2°C rispetto a quello di 1,5°C. Ma nel 2018 i Paesi «presero nota» del rapporto ma non ci fu un consenso tale da assumerlo come riferimento, e in questo senso il documento del G20 «ripara» a un vulnus importante.

Il nuovo rapporto dell’Ipcc pubblicato ad agosto conferma quello del 2018 e ci dice che la «finestra» per poter stare entro 1,5°C di aumento della temperatura esiste ancora ma il tempo stringe. Con gli impegni presi finora, infatti, la tendenza è quella di un aumento della temperatura media globale di 2,7°C entro il secolo, cosa che avrebbe effetti catastrofici. Per mantenere il pianeta dentro quello scenario – che, ricordiamolo, è peggiorativo rispetto alla situazione odierna ma molto meno catastrofico rispetto alla tendenza attuale – è necessario un sostanziale dimezzamento delle emissioni globali di gas a effetto serra entro il 2030 e un azzeramento al 2050 («neutralità climatica» cioè considerando anche gli assorbimenti forestali).

Questo significa accelerare, e di molto, le politiche e le misure per ridurre le emissioni. Cosa certo non semplice di per sé che è resa più complicata anche per i conflitti che sia dentro i singoli Paesi che tra Paesi comporta un abbandono delle fonti fossili.

Un secondo impegno citato nel documento del G20 riguarda la fine dei finanziamenti esteri a progetti basati sul carbone, cosa su cui si è registrata nelle settimane scorse anche una posizione positiva da parte cinese. Ma bisognerà andare avanti e bloccare le iniziative industriali sia in campo petrolifero che del gas fossile.

Sulla finanza per il clima – i 100 miliardi all’anno da destinare ai Paesi più poveri sia per l’adattamento che per gli investimenti in tecnologie pulite – non si è chiuso come si sperava. L’Italia però, almeno questa volta, ha fatto la sua parte cosa di cui dare atto al Presidente Draghi. Manca ancora l’aggiornamento del Piano integrato energia e clima italiano, ancora fermo ai vecchi obiettivi europei, e manca anche il nuovo obiettivo nazionale di riduzione delle emissioni. Va fatto cercando di non «truccare le carte» basandosi su improbabili sviluppi di tecnologie finora scarsamente affidabili come il sequestro e la cattura della CO2 (CCS) e di «assorbimenti forestali» comprati nei Paesi in via di sviluppo.

Proprio su questo tema c’è una delle possibili trappole della COP26 e cioè la spinta da parte di alcuni settori verso un mercato globale degli assorbimenti per poter continuare a emettere CO2 come fanno già alcune importanti multinazionali (Eni tra queste).

Il rilancio del multilateralismo, di cui il Presidente Draghi ha fatto un punto politico al G20, è importante se, anche in questo caso, si riuscirà ad andare oltre le parole e tradurre in cooperazione internazionale sulle tecnologie rinnovabili e sulle politiche e misure necessarie a ridurre le emissioni anche in un mondo oggi più conflittuale e diviso di quello nel quale l’Accordo di Parigi è stato siglato.

Finora, lo sappiamo, ha prevalso il «bla-bla». Anche quello del Ministro Cingolani che stizzosamente e senza alcun motivo l’ha ribaltato su Greta: quando avremo visto ripartire seriamente le rinnovabili potremo dire che siamo finalmente passati ai fatti.

* L’autore è direttore di Greenpeace Italia

Fonte: Giuseppe Onufrio, il manifesto

 

Foto di cocoparisienne da Pixabay



Related Articles

Ora i cinesi scoprono il cibo “pulito”

Pechino è diventata il primo produttore mondiale di impianti eolici e a biomassa, di pannelli solari e fotovoltaici. Da discarica alimentare e primo inquinatore del pianeta, si rinnova come super potenza ecologica Una scommessa che l’Occidente non può ignorareSul successo della svolta incombe lo scontro con gli Usa sul controllo del business del futuro  

Estrattivismo. Nel Brasile di Bolsonaro leggi e lacrimogeni per occupare le terre indigene

Brasile. Doppia strategia del governo e dei proprietari terrieri: nuova legislazione e repressione. A Brasilia dall’8 giugno l’Acampamento Levante da Terra protesta contro la legge: con proiettili di gomma e gas lacrimogeni, la polizia ha ferito 14 dirigenti indigeni

Tra gli abitanti di una terra che trema ma non di paura

ll sindaco di Medolla: «La nostra laboriosità  sta diventando una beffa, le istituzioni si svegliano solo ora»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment