Venti di guerra. Il diritto internazionale e i falsi miti

Venti di guerra. Il diritto internazionale e i falsi miti

Loading

Ogni paese è sovrano quando è libero di fare le scelte di politica estera e militare che ritiene più opportune. Però da quando è stata stabilita la Carta delle Nazioni Unite, alla sovranità degli Stati sono stati tolti gli artigli nell’interesse superiore della convivenza pacifica fra le Nazioni

 

Secondo Karl Schmidt, «una dichiarazione di guerra non è altro che l’identificazione di un nemico». Dopo la scomparsa del nemico storico degli Stati Uniti e dell’Occidente, costituito dall’Unione sovietica, c’è voluto un po’ di tempo per identificare nella Russia il nuovo nemico, in sostituzione di quello che si era dissolto. È un processo che è durato una ventina di anni. È iniziato il 12 marzo 1999 con l’ingresso o meglio con l’estensione della Nato in Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria in aperta violazione degli accordi presi con l’ex Unione Sovietica da Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Germania, come risulta dal documento datato 6 marzo 1991 recentemente pubblicato da Der Spiegel.

È proseguito con l’estensione della Nato a tutti gli altri paesi dell’Europa dell’est, compresi quelli nati dalla dissoluzione dell’Unione sovietica come i Paesi baltici. Adesso la tempesta è scoppiata intorno alla possibilità di estensione della Nato e dei suoi dispositivi militari nel territorio dell’Ucraina, paese tormentato da accadimenti violenti conseguenti alla c.d. rivoluzione di Maidan del 2014, che hanno portato al distacco della Crimea ed allo scoppio di una sanguinosa guerra civile dalla quale sono nate le due Repubbliche separatiste del Donbass.

L’invito ad entrare nella Nato ed il rifornimento di armi e sostegno economico sono un buon viatico per riattizzare il conflitto del Donbass, mai sopito, e per spingere l’Ucraina a non accettare la soluzione di pace prospettata dagli accordi di Minsk II del 2015.

Nel momento in cui annuncia che la Russia, ieri, oggi, o domani avrebbe iniziato l’invasione dell’Ucraina, Biden chiude il cerchio identificando definitivamente la Russia come il nemico. Quindi la dichiarazione di guerra c’è già stata ed è venuta da Biden e dal suo Segretario di Stato Blinken, al di là delle chiacchiere sulla volontà di tenere aperto un negoziato. Perché dalla guerra delle parole si passi a quella delle pallottole, c’è bisogno di un pretesto, occorre costruire un incidente, vero o falso che sia.

Non è un caso che in queste ore si stanno intensificando le violazioni della tregua nella regione del Donbass, volte a provocare l’intervento militare della Russia. Certo c’è ancora spazio per la diplomazia, la pace non è ancora perduta, ma per riaprire la porta del dialogo occorre demolire i falsi miti dell’Occidente che ci hanno portato in questo vicolo cieco. Il nostro ministro degli esteri, ripetendo un mantra ricevuto da oltre oceano, ha ribadito che la scelta della porta aperta della Nato nei confronti di Ucraina e Georgia rappresenta «un principio irrinunciabile», perché ogni Stato sovrano ha diritto di scegliersi le alleanze che vuole. La pretesa della Russia di escludere la Nato dall’Ucraina sarebbe irricevibile perché espressione della volontà di stabilire una sua zona d’influenza in Europa.

In realtà più che alla Russia andrebbe attribuita alla Nato la pretesa di stabilire una sua zona d’influenza in Europa, avendo inglobato nel suo dispositivo politico e militare tutti i paesi dell’Europa dell’est. Ma il problema è un altro, dove sta questo principio irrinunciabile di cui farneticano Blinken e tutti gli alleati della Nato in coro? Ogni paese è sovrano quando è libero di fare le scelte di politica estera e militare che ritiene più opportune. Però da quando è stata stabilita la Carta delle Nazioni Unite, alla sovranità degli Stati sono stati tolti gli artigli nell’interesse superiore della convivenza pacifica fra le Nazioni.

Dalla sovranità è stata espunta non solo la facoltà di muovere guerra ad altre Nazioni, ma gli Stati membri devono astenersi anche dalla minaccia dell’uso della forza (art. 2, comma 4). È alla luce di questo principio, veramente irrinunciabile, che bisogna valutare la «libertà» dell’Ucraina di aderire alla Nato in quanto Stato sovrano. Nessuno Stato è libero di minacciare i propri vicini. L’estensione del dispositivo militare della Nato ai confini della Russia, a qualche centinaio di kilometri da Mosca, è la realizzazione di una minaccia in senso obiettivo.

Né vale obiettare che la Nato, secondo il suo atto costitutivo, è un’alleanza difensiva, incapace di articolare una minaccia in senso tecnico o politico. Questo carattere dell’Alleanza, ove mai fosse esistito, è stato perduto definitivamente, nei fatti, il 24 marzo 1999 quando la Nato ha aggredito la ex Jugoslavia, bombardandola per 78 giorni, col risultato di smembrarla, separando il Kosovo dal resto del paese. E quanto a ridefinizione di ruoli, nell’aprile 1999 a Washington con la definizione di una nuova Nato all’offensiva impegnata ormai in missioni e in guerre in tutto il mondo.

Per arrestare l’escalation, la prima cosa da fare è liberarsi di questo falso mito. Del resto l’ingresso nella Nato non dipende dalla volontà dell’Ucraina, ma dalla volontà della Nato stessa che, perseguendo la sua strategia di allargamento, nel vertice di Bucarest del 2 aprile 2008, ha deliberato la c.d. politica delle “porta aperte”.

Quello che non si dice è che l’ingresso dell’Ucraina nella Nato deve avere il via libera da parte di tutti i suoi paesi membri, compreso il nostro. Basterebbe una dichiarazione del nostro astuto ministro degli esteri che l’Italia non accetterebbe l’ingresso dell’Ucraina nella Nato per mettere un granello di sabbia negli ingranaggi della macchina di guerra e bloccare il passaggio dalla guerra delle parole alla guerra delle pallottole.

Avranno Di Maio – che pure ha ricordato in Parlamento l’articolo 10 del Patto atlantico che dice che ogni allagamento deve considerare la sicurezza degli alleati – e Draghi il coraggio di scongiurare la guerra, disubbidendo agli Usa?

* Fonte/autore: Domenico Gallo, il manifesto

 

 

Imagen de Tibor Janosi Mozes en Pixabay



Related Articles

Congo. La sanguinosa guerra permanente per materie prime e diamanti

Loading

Congo. La decomposizione iniziò dalla morte di Lumumba, primo e ultimo leader eletto democraticamente

Limonov, poeta maledetto in cella ogni 31 del mese

Loading

 L’oppositore russo parla dopo l’ultimo arresto

Argentina, Macri blinda Buenos Aires per la marcia anti G20

Loading

La protesta dei movimenti. Le Madri di Plaza de Mayo in prima linea contro il summit e Macrì: «Altro che “povertà zero”. In Argentina un regime di fame, austerity e repressione»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment