Taiwan. La Cina manda aerei e navi da guerra oltre la linea mediana

Taiwan. La Cina manda aerei e navi da guerra oltre la linea mediana

Nancy Pelosi arriva in Giappone mentre Pechino sospende la cooperazione con gli Usa su sicurezza e cambiamento climatico

 

Secondo giorno di esercitazioni militari cinesi, secondo giorno di “new normal” per i taiwanesi. Anche se Nancy Pelosi dal Giappone, ultima tappa del suo tour in Asia, dichiara che «cambiare lo status quo di Taiwan» non era il suo obiettivo, la sensazione è che le regole del gioco sullo Stretto siano cambiate. Nella giornata di ieri 68 aerei e 13 navi da guerra cinesi hanno oltrepassato la “linea mediana”. Il ministero della Difesa taiwanese ha dichiarato che «difenderà la sicurezza nazionale» in modo deciso e ha accusato la Repubblica Popolare Cinese di aver danneggiato lo status quo. Pochi però i dettagli diffusi verso l’audience interna a proposito del sorvolo dei missili balistici del giorno precedente. Il governo taiwanese ha spiegato che la decisione di non far scattare l’allarme aereo è motivata dal fatto che il percorso dei missili non presentava pericoli e che si è voluta proteggere le capacità di intelligence e sorveglianza dell’esercito. Nei prossimi due giorni si ritiene che si intensificherà il blocco navale.

ANCORA IERI il traffico aereo ha subito grossi contraccolpi. Solo 150 voli sono transitati nella Flight Information Region di Taipei, la metà della normale media giornaliera. Tsai Ing-wen ha detto che l’esercito taiwanese è pronto a rispondere «se necessario» ma la sensazione è che si farà di tutto per evitare l’incidente. Il rischio si alzerà se davvero i mezzi militari cinesi dovessero entrare nelle acque territoriali interne di Taiwan, vale a dire a meno di 12 miglia nautiche dalle sue coste. I media cinesi hanno invece sottolineato la «prima volta» dei missili balistici sopra Taiwan. Un modo anche per rimarcare l’effettiva forza della reazione del governo in attesa del tradizionale ritiro di Beidaihe e verso il XX Congresso del Partito comunista dei prossimi mesi. E la sensazione è che le esercitazioni si svolgeranno a intermittenza per un periodo più o meno lungo.

LA CRISI sta intanto avendo già dei chiari riflessi regionali e globali, a partire dalla rottura del dialogo tra Washington e Pechino che sembrava poter essere promettente negli scorsi due mesi. Non solo Pechino ha annunciato sanzioni contro Pelosi per la visita a Taiwan ma, soprattutto, ha sospeso la cooperazione con gli Stati uniti su otto dossier, tre dei quali relativi ai rapporti con gli Stati uniti nella Difesa. Gli altri cinque settori della cooperazione colpiti dalla sospensione sono quelli del rimpatrio degli immigrati «illegali», dell’assistenza giudiziaria, della lotta ai crimini transnazionali, alla droga, e, soprattutto, dei colloqui sul contrasto al cambiamento climatico. In un commento sul Washington Post, l’ambasciatore cinese Qin Gang ha spiegato la prospettiva di Pechino: «La questione di Taiwan riguarda la sovranità e l’unità della Cina, non la democrazia» ed è «uno dei pochissimi problemi che potrebbero portare Cina e Usa a entrare in conflitto». Per poi lasciare intendere che il vigore della risposta al viaggio di Pelosi sia dipeso anche dalla sua agenda: «Viaggiando su un aereo militare ha effettuato una visita ufficiali di alto profilo ed è stato trattato a pieno titolo dalle autorità del Partito Democratico Progressista di Taiwan».

ATTORNO A USA E CINA, si muovono gli altri attori regionali. Se in Corea del Sud il presidente Yoon Suk-yeol ha marcato visita mostrando la posizione ancora sfumata di Seul, in Giappone Fumio Kishida ha non solo ospitato Pelosi ma anche condannato i test cinesi, definendoli «un grave problema per la sicurezza del Giappone». Il ministro della Difesa Nobuo Kishi ha accusato Pechino di aver deliberatamente preso di mira la zona economica speciale nipponica, dove sono caduti 4 missili. Un segnale che per Tokyo sarebbe molto difficile restare fuori da un conflitto su Taiwan e che se possibile allinea ancora di più il paese agli Usa.

C’È CHI RITIENE che lo stesso possa succedere con l’India, i cui media stanno dedicando una grandissima attenzione alla questione taiwanese. Ma secondo Pechino, che continua a incassare il sostegno della Russia, la vicenda può dimostrare ai paesi di Asia e Pacifico che è Washington a minare la sicurezza con le sue «provocazioni». La stessa tesi di Mosca sull’Ucraina.

* Fonte/autore: Lorenzo Lamperti, il manifesto

 

by U.S. Navy photo – Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=8202193



Related Articles

Afghanistan. La guerra continua con l’arma del dollaro, i Talebani alla ricerca di soldi

Talebani da gruppo armato a forza di governo: per evitare il rischio di un collasso, i turbanti neri cercano partner. Usa compresi. La popolazione è per buona parte sotto la soglia di povertà. In un Paese che esce da decenni di economia di guerra: un’economia artificiale, gonfiata e poi scoppiata come una bolla

Con Peà±a Nieto ritorna il dinosauro

Il Pri riconquista la presidenza, dopo essere stato al potere dal 1929 al 2000. A Città  Del Messico vince la sinistra

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment